jump to navigation

Arredo e decoro marzo 10, 2010

Posted by degradodiroma in Cestini, Le mie segnalazioni, Sporcizia.
comments closed

Se a Roma ci fossero più cestini !!!

Sono quasi 4 anni che denuncio questa necessità. Cestini alle fermate dei bus, cestini alle fermate delle Metro, cestini lungo i marciapiedi, cestini nelle piazze. Ho anche indicato i luoghi dove piazzarli ma ancora ‘o miracolo’ non avviene, ed intanto in situazioni di assenza provvedono a questa necessità i vasi di arredo ed i monconi degli alberi simbolo dell’era Veltroniana, ed allora per questi ultimi verrebbe anche da dire “… e meno male che ce li ha lasciati”.

Ma i cestini costano una cifra irrisoria … 400 € !!!!

Laura

Educhiamo gli incivili marzo 1, 2010

Posted by degradodiroma in Buone notizie, Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Romina

Mia nonna mi raccontava dei bei tempi in cui se un vigile ti vedeva gettare in terra una cartaccia, ti faceva una multa, tempi dei “vietato calpestare le aiuole”, tempi di desiderio di maggiore decoro per sè e per la propria città.

Sono state emanate, in questi giorni, tre ordinanze contro il crescente degrado, fatte per rinnovare ciò che sicuramente, da qualche parte, era già scritto ed è stato dimenticato nei tanti anni di cattiva gestione di Roma.

2000 multe in solo una settimana. Duemila incivili e duemila vigili attenti. Che decrescano i primi ed aumentino i secondi. Che non si dimentichi questa nuova tendenza. Che non sia un fuoco di paglia. Stavolta sembra sia stata imboccata la strada giusta, quella di toccare il portafoglio degli incivili.

Il Messaggero

Aria di pulito febbraio 22, 2010

Posted by degradodiroma in Accampamenti, Buone notizie, Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Massimo Inches

COMUNICATO STAMPA DI:
Fabrizio Santori presidente Commissione Sicurezza Comune Roma
Lavinia Mennuni delegato del Sindaco alle Pari Opportunità
Roberto Cappiello presidente Commissione Sicurezza 2° municipio
Massimo Inches commissario per la Sicurezza 2° municipio

I suddetti Consiglieri PdL comunicano con soddisfazione che oggi la polizia municipale del 2° gruppo, con operatori Ama, ha proceduto allo sgombero ed alla bonifica dei quattro sottopassaggi-vie di fuga di Porta Pia e Corso Italia, come richiesto da tempo da Cappiello ed Inches.

Santori aveva promesso pochi giorni fa che l’amministrazione avrebbe provveduto allo sgombero e bonifica di 60 sottopassi nella Città, ad iniziare proprio da Corso Italia, ed oggi ha dato soddisfazione ai tanti residenti che sollecitavano l’intervento.

La Mennuni, in qualità di delegata del Sindaco,  molto presente sul territorio  del 2° municipio, aveva espresso sconcerto per la violenza sessuale consumata pochi giorni fa ad  una donna, proprio nel sottopassaggio di Corso Italia, ed aveva dichiarato da subito la propria disponibilità  per riportare il decoro e la sicurezza nel quartiere.
Cappiello ed Inches si sono intanto fatti promotori di un Consiglio Straordinario che si terrà entro pochi giorni nel parlamentino del municipio in via Dire Daua,  inerente l’impegno continuativo da parte delle forze dell’ordine per garantire, anche in futuro,  affinchè le vie di fuga dal Muro Torto non tornino ad essere nuovamente terre di nessuno, in mano a sbandati, trans e prostitute, frequentate da spacciatori e giovani in cerca di sballo.


Il risultato ottenuto è la prova di quanto sia importante  la collaborazione tra Comune e Municipio, per risolvere i problemi nei nostri quartieri e l’impegno viene nuovamente assicurato per il bene e l’amore dei nostri concittadini.

Raccolta straordinadia febbraio 5, 2010

Posted by degradodiroma in Buone notizie, Pezzi di ricambio, Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Alfredo Milioni

Villa Leopardi febbraio 5, 2010

Posted by degradodiroma in Accampamenti, Ex-giardini, Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Massimo Inches

COMUNICATO DEL CONSIGLIERE PDL 2° MUNICIPIO MASSIMO INCHES (29/01/2010)

Per la Redazione Degrado di Roma

I cittadini residenti nel 2° municipio si sono rivolti al consigliere PdL Massimo Inches, dopo avere appreso dell’incendio divampato in via Nomentana 260, in un ex vivaio, dove aveva trovato la morte un clochard, ritrovato carbonizzato.  La loro preoccupazione è causata dalla presenza dell’edificio di via Nomentana 387 – situato a pochi metri dal luogo della disgrazia – adibito ad elegante palazzina stile Liberty, edificato nel 1906, all’interno del parco Villa Leopardi, già in passato utilizzate come  albergo e successivamente a sede ed autorimessa del 2° gruppo della polizia municipale.  Poiché moli anni fa si era verificata la caduta di calcinacci, anche all’interno, la struttura, di proprietà comunale, era stata dichiarata inagibile e sgomberata e per evitare l’accesso da parte di estranei, per la loro stessa  incolumità, erano state murate  le finestre e bloccate tutte le porte d’ingresso.

Alcuni frequentatori del parco hanno notato uno strano via vai da parte di persone di colore, che soprattutto nelle ore serali, sono solite accedere all’interno dell’area recintata circostante la palazzina, scavalcando il muro di cinta sulla via Nomentana, utilizzando per arrampicarsi la centralina (cassonetto) delle telecamere di sorveglianza (quando si dice che le telecamere non servono a nulla!) poste sulla stessa via.

L’Inches effettuava un sopralluogo, constatando che è stato creato un varco attraverso l’inferriata di protezione della palazzina, mediante il taglio e la forzatura della recinzione, tanto da permettere a chiunque di accedere molto facilmente.   All’interno si  presenta la solita scena degli insediamenti dei nomadi: una grande quantità di immondizia, rifiuti alimentari, bottiglie vuote di birra, sparse ovunque sul manto erboso; una lunga transenna è  posta a ridosso di una parete della palazzina, a mo’ di scala, per poter entrare in una finestra del primo piano; altre finestre murate sono  sfondate, con un grosso foro, utile per poterci passare attraverso.  La scoperta più grave è stata la forzatura della porta d’accesso ad un locale-magazzino, evidenziando al suo interno  masserizie, indumenti ed altri oggetti utili a dimostrazione che è effettivamente abitato abusivamente.

E’ una situazione inaccettabile che una struttura così bella e di pregio sia lasciata incustodita ed abbandonata all’incuria, abitata da persone che potrebbero accendere dei fuochi per riscaldarsi, mettendo a repentaglio il parco storico di Villa Leopardi, che ospita tra l’altro il centro anziani e la biblioteca municipale.  Il varco nella recinzione è un grave pericolo per i bambini, che potrebbero accedere fino all’interno della palazzina, anche attraverso i fori nelle finestre murate, e trovarsi esposti al pericolo di crolli o addirittura esposti a delinquenti pedofili senza scrupoli.

Per tale motivo oggi stesso il consigliere Inches ha inviato segnalazioni alla polizia municipale per far mettere immediatamente in sicurezza l’area interessata e sgomberare tutti gli occupanti che  abitano nella palazzina.

Accanto al degrado umano febbraio 4, 2010

Posted by degradodiroma in Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Roberto

Ho sempre amato e amo ancora Roma allo stesso modo con cui amo Padova e per questo mi rattristo nel vedere certi scempi. In queste foto fatte col cellulare si può chiaramente vedere una discarica, in un posto centrale, dietro la stazione della metro B ai Monti Tiburtini.

continua a leggere sul blog di Roberto

Una bella ed una brutta febbraio 2, 2010

Posted by degradodiroma in Accampamenti, Buone notizie, Le mie segnalazioni, Sporcizia, Writers.
comments closed

Due letture prese oggi da due differenti quotidiani.

Una bella da “Il Giornale”  La capitale alla guerra del colore: un piano per gli edifici del centro e la stessa dal Comune di Roma 

Insomma sgravi fiscali a quei condomìni che restituiranno ai palazzi del centro, il loro antico splendore. “Sgravi fino all’80%, infine, anche per il restauro facciate degli stabili – pubblici e privati – deturpati da graffiti e scritte vandaliche, a condizione che l’intervento preveda l’impiego di materiali resistenti all’opera dei “writers”.

 

ed una brutta da “Il Messaggero” e segnalata da Romina :

Da Termini a Palazzo Massimo, il degrado tra turisti e pendolari

Laura

Prato fiorito gennaio 27, 2010

Posted by degradodiroma in Degrado, Le mie segnalazioni, Sporcizia.
comments closed

Prato Fiorito è un quartiere nell’area Est del Comune di Roma. Appartenente al VIII Municipio, è attraversato dalla Via Prenestina.

Un quartiere che sta cercando di uscire faticosamente da una situazione di degrado e di abbandono protrattasi per troppi anni, e che come leggerete dagli articoli proposti si è data recentemente una nuova chiesa e degli spazi di aggregazione. (AbitareaRoma, www.pratofiorito.net ).

Non conosco il quartiere ma nell’attraversarlo quello che mi è balzato agli occhi è la dissonanza con il “nome” del luogo e la mondezza disposta lungo tutto il tratto di inizio e fine del quartiere e comunque distribuita sulla via Prenestina.

Carta, cartacce, fazzoletti, bottiglie, buste di plastica, giornali, water, materiali di risulta … insomma tanta tanta tantissima mondezza.

Possibile che debba essere questo il biglietto da visita del quartiere ?

Segnalazione inoltrata il 25/01/2010 al Municipio VIII nella persona del Presidente Massimiliano Lorenzotti.

Laura

Quadraro: la fontana abbandonata gennaio 25, 2010

Posted by degradodiroma in Altro degrado, Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Angelo Tantaro

La fontana è posta proprio al centro della via Tuscolana, dove inizia la salita del Quadraro e abita il popolo minuto quello che deve capire ogni giorno quanto è difficile entrare nell’urbe. Fa parte di quello che una volta era un bellissimo arredo urbano, voluto da qualche amministratore illuminato. Ora è tutto abbandonato, le lampade che illuminano la fontana o quelle poste nei cespugli a livello della terra sono spente da anni. Le piante hanno come contorno buste di plastica appiccicate da secoli. Il canaletto che da sopra faceva scorrere l’acqua, tipo ruscello a cascata, è pieno di foglie morte e bottiglie schiacciate. La fontana è crepata e invece dell’acqua c’è la mondezza. Abbiamo sollecitato qualche consigliere del X Municipio a provare a smuovere le acque (si fa per dire) ma a distanza di mesi nulla.

Nei giorni di novembre abbiamo scritto all’Acea. L’ing. Vivarelli ci ha risposto che la fontana non risulta inclusa tra gli impianti di illuminazione pubblica sui quali Acea cura la manutenzione per conto del Comune di Roma. Almeno qualcuno ci degna di una risposta. Non è male. Aggrappiamoci a tutte le posizioni positive.

I politici sfrecciano sulla salita chiusi nei loro abitacoli incuranti del degrado mentre sognano incarichi più importanti. Non prendono i mezzi pubblici per sentire cosa dice il popolino. Questo si accontenta di piccole cose come una città più decorosa e una fontana illuminata e pulita con dentro dell’acqua. Vorrebbe delle piante non soffocate da buste di plastica accartocciate ai suoi rami. Vorrebbe quel poco verde non coperto da bottiglie di plastica e pacchetti di sigarette pestate, gettate da qualche maleducato fumatore. Quanto basta per sognare una città meno compromessa.

Segnalazione inoltrata al Il Messaggero

da degradodiroma : nella foto sono indicati, in rosso, il punto da cui dovrebbe iniziare a sgorgare l’acqua, ed in azzurro, la sede in cui dovrebbe correre l’acqua.

All’Isola ecologica del X Municipio gennaio 22, 2010

Posted by degradodiroma in Pezzi di ricambio, Secchioni, Segnalato da ..., Sporcizia.
comments closed

Segnalato da : Angelo Tantaro

Mercoledì 13 gennaio 2010, una mattina come tante di gennaio con una pioggerellina invadente e un cielo plumbeo che minaccia qualcosa di più importante. Un civile cristiano dell’urbe del X municipio di Roma, sa che nonostante il clima, deve fare il suo dovere. Si fa aiutare da un vicino di casa e carica sulla sua auto una vasca da bagno che ha fatto sostituire. Cascasse il diluvio deve portare la vasca all’isola ecologica di via Palmiro Togliatti, quella vicino al Centro Commerciale Cinecittà 2. Anche se piove non fa nulla. E’ sempre una vasca da bagno.

Arrivato, prova a scaricarla, peso dai 12 ai 15 chili, ma che sollievo aver fatto il proprio dovere… una voce lo richiama alla realtà ”Signore guardi che la vasca non la può lasciare perché non è disponibile il cassone dei metalli. Porti via la vasca. Può riprovare oggi verso le due, sempre se ci portano il cassone, altrimenti deve ritornare un altro giorno”.

Il nostro civile cittadino cerca di capire da dove proviene la voce, la individua ed è proprio qualcuno del posto, non ci sono dubbi e non sta dicendo per scherzo. Ma non ha neanche la forza di replicare, sarà per lo sforzo dei 15 chili o per lo sbigottimento? Sta riflettendo sul da farsi in attesa di riprendersi quando per fortuna appaiono degli zingari che orbitano nei paraggi, trafficanti in metalli. “Signore non si preoccupi. Ci pensiamo noi. Non vogliamo soldi, solo la sua vasca”, agguantano la vasca e spariscono. Il sig. Romolo Mariani, così si chiama il nostro irreprensibile, educato cittadino del X Municipio, guarda il cielo sempre più minaccioso e pensa a quando lo racconterà, ci crederanno gli amici e parenti?

segnalazione offerta da “Il Messaggero”