jump to navigation

Scuola materna di Via Maffi febbraio 17, 2010

Posted by degradodiroma in Altro degrado, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Alfredo Milioni (Presidente Municipio VIX)

Gentile presidente Milioni,

avrà visto stamane (ndr 12/02/2010) la neve scendere su ROMA, circa 3 ore di neve che dopo poco tempo è sparita al pallido sole pomeridiano.
Non credo sia necessario creare allarmismo per un evento del genere (forse Roma non è abituata a vedere qualche fiocco di neve) a mio modesto parere, eppure quest’oggi dopo avere visto la piccola coltre di neve sciogliersi al sole abbiamo ricevuto chiamate allarmistiche dalla scuola materna di Via Maffi in cui si chiedeva di riprendere i bambini come da comunicazione del municipio XIX.
Ma qual’è il motivo di un’emergenza limitata alla materna di Via Maffi, perchè ad esempio gli scolari della Lambruschini non hanno dovuto temere l’emergenza neve e sono rimasti a scuola.
Non posso certo credere che con la scusa della esigua neve, che non ha creato disagi di sorta, fosse stata indetta dal municipio una GIORNATA DI VACANZA, favorita dal fatto che fosse venerdì.
Magari ignoro qualche seria motivazione dietro a questa gestione in emergenza ma perchè doveva essere applicata a macchia di leopardo?
Potrebbe aiutarmi a capire, non credo sia necessario spiegare che per le famiglie non è uno sport tenere i bimbi negli edifici scolastici dato che il lavoro non permette di fare altrimenti e “apparenti emergenze” non credo giustifichino attacchi di panico collettivi (o non so che altro).

La ringrazio per ogni riscontro voglia fornirmi
cordiali saluti.
Firmato xxxxxxxx

da degradodiroma : l’autore della lettera è stato omesso intenzionalmente in quanto la segnalazione è di Alfredo Milioni.

Gentile cittadino,
nel  rappresentarle le scuse da parte  dell’Amministrazione municipale, mi permetto di esprimere quel che penso sulle questioni da Lei sollevate : ha perfettamente ragione. Il clima di allarmismo creato da alcune Direzioni Didattiche è non solo discutibile, ma sicuramente censurabile. La informo che da parte della Direzione Amministrativa, del Dirigente della U.O.S.E.C.S. e della PO Ufficio Scuole  è stata soltanto di autorizzare le insegnanti, vista la situazione, a far uscire anticipatamente i bambini da scuola per i genitori che lo avessero chiesto, per motivi di organizzazione familiare.
Cosa ben diversa e grave è da considerarsi la eventuale decisione di alcune Direzioni Didattiche di aver chiamato i genitori degli alunni  per invitarli a prendere i propri figli, anticipatamente alla chiusura stabilita, perchè la scuola doveva essere chiusa.
Pazzia pura, esistono le normative che impediscono la chiusura anticipata delle sedi scolastiche in assenza di un reale pericolo per la sicurezza delle maestranze e degli alunni. Naturalmente quattro fiocchi di neve, come Lei fa presente dovevano, casomai, rappresentare un’opportunità di divertimento e socializzazione, specialmente per i bambini che difficilmente hanno la possibilità di assistere a tale evento.
Il sottoscritto che era in visita presso la Scuola Elementare e Media di Via Tulliana è testimone che l’avvenimento è stato vissuto con stupore ed allegria dai ragazzi di quella Scuola, e non drammatizzato affatto dalle insegnanti, per cui la decisione assunta dalla Direzione della scuola Maffi lascia perplessi. Quanto accaduto è spiegabile con il fatto che la Direzione della Scuola Maffi si caratterizza,da tempo, per decisioni del tutto autonome e singolari: è assorta alle cronache nazionali per non aver fatto rispettare il minuto di silenzio in occasione della ricorrenza dei martiri di Nassirya; è stata in prima fila, coinvolgendo i bambini, contro la riforma dei cicli scolastici; evidentemente non ha voluto perdere questa  occasione per significare la sua diversità.
Come ha potuto verificare personalmente nelle altre scuole la drammatizzazione non si è verificata, se non da parte di qualche operatore scolastico sindacalizzato che ha profittato dell’occasione per  creare dissenso e allarmismo ingiustificato. Naturalmente è’ compito del Ministero l’assunzione di provvedimenti nei confronti di decisioni sbagliate, improvvisate e non autorizzate. Da parte dell’Amministrazione Municipale non resta che registrare con sgomento quanto avvenuto, per fortuna, limitato ad alcuni casi sporadici.
Di tanto ritenevo doveroso informarla.

Alfredo Milioni

Commenti

1. daniela - febbraio 17, 2010

qualcuno mi spiega il senso di questo post?

2. degradodiroma - febbraio 18, 2010

In questo blog ci sono diversi post che hanno come argomento “la scuola”, qui nello specifico si è proposta una lettera di un genitore che chiede delucidazioni al presidente del Municipio circa le decisioni assunte da una scuola nella giornata del 12/02/2010, ossia quella della nevicata.

La risposta del presidente Milioni, unico ed eccellente esempio di persona capace di relazionarsi con i cittadini, serve a far chiarezza, serve a rispondere a quegli stessi cittadini che si domandano “perchè” ma che non hanno risposte, o che peggio cercando una verità la alterano a loro piacere, uso e consumo.

Laura


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: