jump to navigation

I pali pubblicitari del Quadraro novembre 23, 2009

Posted by degradodiroma in Elezioni / Affissioni, Segnalato da ..., Sporcizia.
trackback

Segnalato da : Angelo Tantaro

Per ovviare alla carenza della tutela dell’ordine pubblico è stata proposta la costituzione di ronde di volontari nell’ambito della cosiddetta “emergenza sicurezza” che a dir la verità non ci trova proprio d’accordo. Se ci sono tutti questi volontari non sarebbe il caso di destinarne qualcuno anche per la lotta al degrado ?

Al Quadraro alcuni cittadini, qualche sabato fa, approfittando del sole e armati di raschietti e buste per l’immondizia, avevano ripulito alcuni pali della luce e della segnaletica stradale. Hanno pensato, meglio vederli arrugginiti che pieni di cartaccia. Il depuramento è durato qualche giorno. I pali sono stati imbrattati di nuovo con fastidiosi appiccicosi annunci fosforescenti.

Qualcuno di questi avvisi consiglia di scegliere in tempo il capodanno 2010 info 392.9211xxx, qualcun altro informa che compra in zona appartamenti, massima serietà, pagamento immediato 327.01564xxx (deve essere un facoltoso); altro ancora, con il suo nome e la sua foto annuncia che si esibirà in teatro. La stampa è di ottima definizione, non deve essere un principiante. Migliaia di adesivi per proporre traslochi, trasporti, ristrutturazioni, sgomberi, pulisci cantine. Agenzie immobiliari fanno a gara per informarti che ti faranno la massima valutazione o che l’appartamento è un affare irrinunciabile, il tutto attaccato sul palo o sulla cabina telefonica. Se dice bene, il cartone è fissato con lo scotch, altrimenti con lacci di plastica, difficile da trinciare. Più delicati quelli della compagnia telefonica che ti assicurano che ti faranno pagare di meno e ti appiccicano il volantino sul vetro del portone di casa. Tutti questi annunci hanno una cosa in comune: un numero di telefono. Ma allora non è così difficile individuare gli imbrattatori.

Il comitato spontaneo del Quadraro che aveva pulito i pali, telefona al facoltoso. “E’ lei che ha fatto appiccicare centinaia di avvisi rosa fosforescenti per tutti i pali del Quadraro all’altezza precisa di due metri e cinquanta? (così è ancora più difficile da staccare), Lei è a conoscenza che è fuori legge e ha imbrattato tutto il nostro quartiere?” risposta: “Io li ho solo commissionati. Non è colpa mia se li hanno attaccati sui pali del semaforo. Mentre sui pali della luce perché non si possono attaccare? A chi danno fastidio? E poi lo fanno tutti”. Noi pensiamo che i vigili debbano intervenire d’ufficio, abbiamo dimostrato che non è così difficile stanare i parassiti che sporcano la nostra città ed evadono l’imposta sulla pubblicità. Come quel Mercatone dell’usato che attrezzatosi di uno stampino di un metro per 50 ha verniciato sull’asfalto e sui muri il suo indirizzo di Cinecittà. La leggenda vuole che dietro numerose denunce il titolare sia stato multato per Euro 400,00. Ma stiamo scherzando ?

(questa segnalazione è stata offerta anche dal Messaggero in data 14/11/2009)

e dall’AMA questa risposta :   Rispondendo alla sua e-mail del 14 novembre scorso e ringraziandola per la sensibilità ambientale in essa espressa, dobbiamo però renderle noto che seppure AMA abbia di recente incrementato le attività delle squadre di Agenti Accertatori presenti sul territorio, i nostri operatori non sono abilitati ad elevare sanzioni per la tipologia di infrazione da lei evidenziata.

da degradodiroma : l’argomento è stato trattanto anche nel post Su ogni palo, su ogni palo, su ogni palo (07/2009) ed a fronte di mie e-mail inoltrate al Municipio e ad altri, seguirono poi risposte  … purtoppo poco significative o molto evasive tipo “In merito a quanto segnalato si ribadisce che il personale di questa U.O. quotidianamente svolge attivita di prevenzione e repressione per limitare le problematiche segnalate, chiedendo la regolare pulizia degli spazi imbrattati”.

E’ invece di ieri sera una iniziativa presa nella città di Casalmaggiore (Cremona) (vedi TgCom) e quindi “E’ stato approvato il nuovo regolamento di Polizia urbana. Le multe andranno da 100 a 500 euro e saranno comminate a chi sta materialmente distribuendo i volantini, all’agenzia per cui lavora e al committente. Inoltre, se per ripulire le strade il Comune avrà dei costi, saranno addebitati ai committenti dei volantini.”

Commenti

1. DegradoEsquilino - novembre 23, 2009

Abbiamo sperimentato nel nostro territorio: strappando, strappando e ancora strappando, alla fine non ritornano. O ritornano pochissimo.

2. Les - novembre 23, 2009

ragazzi, chi vuole usare un pò di tempo libero per pulire e rendere decente l’aspetto di un quartiere sa che ci sono le passeggiate antidegrado?
Con Riprendiamoci Roma ne abbiamo organizzate varie, prossima a Via del Corso mercoledì sera.

3. Peter Stride - novembre 23, 2009

Questa è una mail che ho inviato al Presidente del III Municipio sul tema adesivi, locandine, ecc.

Gentile Presidente,
Da diversi anni nel III Municipio sono comparsi migliaia di adesivi che pubblicizzano “ditte” di traslochi e di riparazione di serrande.
Ne sono coperti i segnali stradali, i pali dell’illuminazione pubblica, le cassette di servizio (Telecom, Acea, ecc.), i muri, ecc.
Questi adesivi contengono dei numeri di telefono dai quali è possibile risalire ai titolari di queste “ditte”.
Non sò se il III Gruppo della Polizia Municipale contravvenzioni questi comportamenti.
Vorrei suggerire, se ve ne fosse bisogno, una procedura per colpire questo fenomeno.
L’art. 8 della legge n. 689 del 1981 prevede l’ipotesi di “più violazioni di disposizioni che prevedono sanzioni amministrative”: chi commette più violazioni della stessa disposizione, soggiace per la sanzione prevista per la violazione più grave, aumentata sino al triplo.
Allora…i vigili scattano alcune foto in luoghi diversi degli adesivi e custodiscono la rilevazione in un fascicolo….applicano la sanzione come sopra descritto dopo aver individuato i titolari del n. di telefono facendone richiesta, tramite i canali preposti, ai gestori telefonici.
Non sarà necessario produrre tanti verbali quanti sono gli adesivi attaccati.
Si procederà in modo “generalizzato”.
Basterà colpire queste persone periodicamente e gli effetti si dovrebbero vedere.
Pensa che ce ne siano i presupposti ?
In attesa di Sue notizie.

Questa la risposta ricevuta:

La ringraziamo per la sua segnalazione. Saranno effettuati gli opportuni riscontri per fornirle un cenno di risposta.
cordiali saluti

4. manuele mariani - novembre 24, 2009

staccateli e rimuoveteli senza pietà !!


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: