jump to navigation

Appello al Sindaco Alemanno novembre 11, 2009

Posted by degradodiroma in Accampamenti, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Massimo Inches

penna1Appello al Sindaco affinchè provveda con sollecito lo sgombero dei nomadi residenti nei campi “tollerati” ed abusivi, come quello nel 2° municipio in via Del Foro Italico.
Alcuni di questi signori sono agli arresti domiciliari, quindi non graditi nella nostra Città. Ringrazio il collega Augusto Santori per la precisa stesura del documento.

APPELLO AL NOSTRO SINDACO

da degradodiroma : questa lettera Appello ha sollevato un grosso ed inutile polverone tra chi dice di averlo letto e firmato e chi no. Resta comunque un fatto che l’appello è a mio avviso valido se non altro per i suoi contenuti e per le sue intenzioni,  (dal Corriere «Il piano nomadi è un bluff» Giallo su lettera Pdl contro Alemanno) .. e degradodiroma simbolicamente .. lo firma.

Commenti

1. Nic - novembre 11, 2009

Della serie “da soli se la sonano e se la cantano”
Il problema è: ma a chi vonno pijà per…?

2. Albert1 - novembre 11, 2009

La cosa più buffa di tutto questo è il fatto che un consigliere del PD ha preso subito la palla al balzo per lanciare illazioni, strumentalizzando in pieno stile “democratico” la cosa.

La cosa più triste è che ci sia bisogno di questo tipo di “sveglie” da parte di chi vive il territorio nei confronti del Sindaco non in quanto tale ma come massimo riferimento dei vari municipi.

Purtroppo, un “piano” come quello previsto comporta uno sforzo immenso anche per una città come Roma e richiede la collaborazione di varie figure istituzionali, non ultimo il Prefetto che sembra essere proprio quello che al momento “nicchia” di più.

Io spero solo che non si arrivi al punto di chiedere l’aiuto dell’Esercito, nel frattempo attendo paziente e mi becco la mia bella dose di nomadi quotidiana, diciamo che mi ci sto abituando😉

3. Mg - novembre 11, 2009

Rettifico intervento di NIC “ha chi hanno preso per il …….”

4. Mg - novembre 11, 2009

COMUNE, STORACE: PRENDERANNO PROVVEDIMENTI ANCHE CONTRO ELETTORI? (OMNIROMA) Roma, 11 nov – «Se si continua così, le regionali del Lazio si incamminano verso un binario morto. Il centrodestra deve darsi una regolata perché le cose non vanno affatto bene. E al centro c’è – è inutile starci a girare attorno – la questione romana. Il sindaco farebbe bene a fermare la sua girandola di incontri fuori città e a mettere la testa sui problemi di Roma. Circolano sondaggi che destano più di una preoccupazione; e ci manca pure che dopo il caso Marrazzo la sinistra riesca addirittura ad approfittarne. In consiglio comunale non c’è da mesi una seduta che vada liscia: ormai non si contano le sedute in cui si fatica a mantenere il numero legale (e attendiamo anche qualche biglietto di ringraziamento in proposito). Non c’è nessuno – almeno tra gli addetti ai lavori – che sia entusiasta dell’amministrazione comunale. Basta parlare con parlamentari, consiglieri regionali, ovviamente comunali e addirittura con quelli municipali per constatare, diciamo, che la soddisfazione non sia proprio a mille. Addirittura, nella giornata di ieri è circolato un documento di critica serrata al sindaco sulla difficoltà di comprendere che diavolo si stia facendo in tema di campi Rom e fioccano gli annunci di provvedimenti contro i firmatari (un nutrito gruppo di consiglieri dei municipi in quota Pdl). E che facciamo? Si mandano sotto commissione di disciplina anche gli elettori che si pongono le stesse domande?». Lo dichiara, in una nota, Francesco Storace, segretario nazionale e capogruppo de La Destra in Campidoglio. «Alemanno è un gran lavoratore – prosegue Storace – ma per essere un gran sindaco bisogna accertarsi che tutti lavorino nella stessa direzione. E non ho la sensazione che tutti lo facciano. Ha una squadra che non va. È inutile che ci si inquieti per le critiche; occorre lavorare per superare lo stato di disagio che c’è, altrimenti non si approfitta della crisi in cui è precipitata la sinistra. E si cominci a pretendere una candidatura certa per il Lazio. Che di questa telenovela non se ne può più. In settimana dovrei vedere Berlusconi. E gliene parlerò. O Roma o morte». red 111037 nov 09


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: