jump to navigation

A chi romanamente cadde ottobre 29, 2009

Posted by degradodiroma in Degrado, Segnalato da ..., Sporcizia.
trackback

Segnalato da : Angelo Tantaro

latrincea11Quasi all’inizio della salita del Quadraro, una imponente croce di ferro lavorato che sovrasta largo dei Quintili. Ai lati due scalette che scendono in via dei Lentuli. In mezzo alle scale, sulla parete, una lastra di marmo, con al centro il simbolo dell’Italia con tredici nomi scolpiti sotto la scritta “A chi romanamente cadde 1915 – 1918”. Monumento ai caduti per rendere gloria ai soldati del Quadraro periti durante la Grande Guerra. Questo triste ricordo è presente all’incrocio con via dei Quintili al confine tra il X Municipio e il VI dove ogni anno si commemora il rastrellamento del Quadraro “nella speranza che tutto questo non debba più accadere”.

Un messaggio molto forte. Nel degrado più completo. Buste di plastica, decine di bottiglie di birra che rotolano, cartoni di vino schiacciate sull’asfalto e sulle scale, fortissimo odore di urina e altro, erbacce che hanno spaccato il marmo delle scale. Scarabocchi sulle pareti. Ai lati del ricordo, nell’atrio, chiuso da un cancello, potrebbe esserci anche la carcassa di un animale tra i violenti cespugli.

Non stiamo parlando di estrema periferia abbandonata ma dell’inizio del quartiere Medaglia d’Oro alla Resistenza dove ogni anno il fior fiore del Comune e della Società Civile rievoca una tragedia.

Considerato che non possiamo far affidamento sui Presidenti dei Municipi indicati, (Sandro Medici per il X e Giammarco Palmieri per il VI) forse, sarebbe il caso di affidare il ricordo dei nostri caduti ai ragazzi della scuola elementare più vicina, per esempio la Damiano Chiesa, nostro futuro. Un modo come un altro per combattere il bullismo del presente che non è solo di ragazzi esclusi ma anche di politici con la stessa sintomatologia.

Il sonno della morte dei caduti, non sarà certamente meno duro se nei monumenti a loro dedicati saranno curati e confortati dall’amore dei vivi. I morti rivivono nel ricordo e negli affetti dei vivi come scriveva Foscolo. In questo caso al Quadraro, i morti sono morti. E la frase scolpita nella pietra “nella speranza che tutto questo non debba più accadere” è solo la banale conseguenza dei comportamenti demagogici del potere legati all’acquisizione del consenso.

lettera pubblicata il 22/10/2009 da “Il Messaggero”

Commenti

1. fabio - ottobre 30, 2009

I morti vengono trattati come i vivi…

2. Gothic666 - ottobre 30, 2009

Il “compagno” sandro medici è troppo preso a mettersi in mostra a piazza Venezia in posa per i fotografi come lavavetri, o a difendere i vigili urbani corrotti del x° municipio e a dare permessi a bancarellari extracomunitari clandestini. Ovviamente patrocina anche i “bellissimi” concerti che devastano l’area archeologica del Parco degli Acquedotti.
Secondo voi può avere tempo da dedicare a chi cadde per la propria Patria?


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: