jump to navigation

Risanamento AMA (??) ottobre 19, 2009

Posted by degradodiroma in Le mie segnalazioni, Sporcizia.
trackback

Venerdì ci eravamo lasciati con delle immagini di Luca che avevano per tema la monnezza … e quindi secchioni stracolmi come in presenza di uno sciopero dei netturbini …

Se poi l’AMA si sta riorganizzando così come esposto nell’articolo de “Il Giornale” che vi propongo, allora forse la speranza non è del tutto morta e sepolta …

Laura

 

AMA1Strade spazzate una volta ogni due mesi, 2mila cassonetti al giorno che non vengono svuotati, 813 milioni di crediti Ta.Ri. non riscossi. E debiti per quasi un miliardo di euro. Un disastro che viene da lontano. Dagli anni di Veltroni. Basterà l’ex Centro Carni, valore stimato 92 milioni, a risanare l’Ama? Intanto servirà a aumentare il capitale sociale e rinegoziare il debito con un pool di banche. Poi consentirà di finanziare le necessarie operazioni di leasing. «Noi abbiamo trovato una società a pezzi – afferma il sindaco Alemanno – il conferimento del Centro Carni è il giro di boa per dare solidità finanziaria e varare il Piano industriale». Dal Comune dovrebbero arrivare altri soldi, si dice 168 milioni, che si aggiungeranno alla ricapitalizzazione di 61 milioni dello scorso dicembre. Poi bisognerà rimboccarsi le maniche.
I programmi di riorganizzazione sono stati illustrati ieri in Campidoglio dall’amministratore delegato di Ama, Franco Panzironi. Il passivo patrimoniale dell’azienda al 31 dicembre 2008 è di 920 milioni di euro, di cui 650 milioni di debiti verso le banche, 270 milioni verso i fornitori. La perdita di esercizio 2008 è stata di 257 milioni. Ad aggravare le cose l’evasione della Ta.Ri. Ben 813 milioni l’ammontare dei crediti non riscossi o non fatturati.
Il processo di risanamento avviato nel 2008, però, ha già prodotto buoni risultati, afferma Panzironi: «Il debito finanziario nel I semestre 2009 è sceso di 60 milioni. La riduzione dei crediti Ta.Ri. è di altri 190 milioni, grazie a 300mila solleciti e 100mila posizioni trasmesse ad Equitalia per l’emissione delle cartelle esattoriali». Tuttavia, assicura Alemanno, «la Ta.Ri. sarà riequilibrata per tutelare le fasce deboli».
Sul territorio è in corso il nuovo modello di servizio, che già coinvolge 11 municipi (II, IV, VI, IX, XIII, XV, XVI, XVII, XVIII, XIX, XX). Il modello si basa su 400 aree elementari che vengono pulite dalla stessa persona: il cosiddetto spazzino di quartiere. Il sistema Rad (Rilevazione aree degrado) inoltre ha individuato 922 discariche abusive: su 286 Ama è già intervenuta, altre 48 sono pianificate. Entro i primi mesi del 2010 saranno posizionati 8400 nuovi contenitori verdi e 8mila bianchi e blu per la differenziata per sostituire quelli vecchi o malandati. Per il biennio 2010-2011 è prevista la sostituzione di altri 16.800 cassonetti verdi e 13.400 bianchi e blu.
Saranno acquistati (l’investimento è di 40 milioni) oltre 700 nuovi veicoli: 250 sono già entrati in servizio, altri 300 arriveranno entro fine anno. Si punta alla raccolta e spazzamento H24. «La principale criticità che abbiamo trovato al nostro insediamento – rileva Panzironi – sono i 2mila cassonetti non svuotati al giorno, e lo squilibrio tra la frequenza di spazzamento nelle strade centrali, 4 volte al giorno, e in quelle periferiche, che in alcuni casi è di una volta ogni due mesi». «Nel vecchio contratto di servizio il 70 per cento delle strade, ad esempio, nel XVIII municipio, era spazzato una volta al mese – sottolinea l’assessore all’ambiente Fabio De Lillo -. Con il nuovo contratto saranno pulite una volta al giorno». Per quanto riguarda la raccolta differenziata, arrivata al 21,4 per cento nel primo trimestre 2009, si punta sul sistema «porta a porta», che verrà esteso a 790mila abitanti entro il 2013, per raggiungere il 35 per cento. A livello delle grandi metropoli europee.
E la futura discarica che sostituirà quella ormai agli sgoccioli di Malagrotta? «Noi abbiamo fatto una proposta – risponde Alemanno – la Regione non è d’accordo, quindi abbiamo chiesto l’arbitrato della Protezione civile. Di certo nessuno può pensare che la nuova discarica sorga nel Comune di Roma, che è il più popolato della Regione e anche il più tutelato e vincolato dai Beni Culturali».

Commenti

1. Les - ottobre 19, 2009

Mai che gli venisse in mente di creare una task force contro le scritte vandaliche…

2. daniele - ottobre 19, 2009

tranquillo, per quello ci siamo noi…
comunque vedo anche il mio municipio tra quelli gia coinvolti. Mah! io non vedo assolutamente nessun miglioramento. A prenderci in giro sono fenomeni…

3. Nic - ottobre 20, 2009

Canto: Parole, parole, parole
Parlato: Ascoltami
Canto: parole parole, parole
Parlato: Ti prego
Canto: Parole, parole, parole
Parlato: Io ti giuro
Canto: Parole, perole, parole
parole, soltanto parole
parole tra noi.

4. Andrea Rossi - ottobre 20, 2009

Io abito nel XVIII municipio e almeno nella mia zona il nuovo modello funziona, la mia zona e’ in efetti piu’ pulita (e’ vero che ho anche visto situazioni diverse in giro per la citta’).

Io spero anche che si ponga rimedio all’accozzaglia di cassonetti che si vedono in giro per la citta’, quelli verdi saranno sostituiti da quelli grigi si o no ? Non mi sembra molto decoroso e funzionale l’attuale stato delle cose, i nuovi cassonetti grigi sarebbero anche eleganti ma sono spesso rotti, quelli verdi sono forse piu’ capienti e funzionali ma sono un pugno nell’occhio, quello che e’ importante e’ che si decidano, o li mettono tutti grigi o li rifanno verdi, questa accozzaglia fa schifo.

5. manuele mariani - ottobre 20, 2009

io ho fiducia in Alemanno

6. degradodiroma - ottobre 20, 2009

Io sono in quell’elenco (IX Municipio) ed un piccolo ma percettibile miglioramento c’è stato, anche se non è abbastanza e anche se è ancora lontano dai modelli di pulizia di altre capitali.

Laura

7. Andrea Santosuosso - ottobre 20, 2009

Mi dispiace ma per il XIX siamo messi molto male, nessun cambiamento.

8. fabio - ottobre 21, 2009

Poi bisogna ricordare che la carta di “Giornale” , che dir “il” si voglia, non più utilizzata, se non per altri scopi utili ai servizi della casa, va buttata nell’apposito contenitore di differenziata. Le disposizioni comunali lo esigono.

9. degradodiroma - ottobre 25, 2009

Una buona notizia da “Il Giornale” di oggi Alemanno spazzino per i nuovi mezzi Ama ma anche su Repubblica … il giornale con cui incarto “le ova” l’ha proposta !!! Il sindaco ‘spazzino’ presenta le nuove macchine

Laura


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: