jump to navigation

Discariche sul Tevere settembre 21, 2009

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Massimo Inches

14.09.2009 – COMUNICATO DEL CONSIGLIERE PDL MASSIMO INCHES 2° Municipio

Sono ritornato insieme a personale della protezione civile Ares Antemnae a verificare la situazione di inquinamento del fiume Tevere, nel tratto da via della Foce dell’Aniene al viadotto di Corso Francia, dopo un precedente sopralluogo effettuato 40 giorni fa, nelle zone interessate  dal II e XX municipio.  Con grande delusione ho riscontrato che nonostante le mie segnalazioni, agli uffici comunali ed alla polizia municipale e conseguente  esposto alla Procura della Repubblica, non è cambiato nulla e non è intervenuto nessuno per fermare l’avvelenamento delle  acque, in corso da chissà quanto tempo.

 E’ sempre presente la discarica di batterie d’auto, veleno per la fauna ittica, gettate in numero enorme dentro l’acqua del fiume, fino a toccare il fondo, ed ammassate anche sulla sponda dello stesso, per il cui smaltimento in natura occorrono oltre 150 anni.

A rendere più grave la situazione d’insalubrità, è presente nell’area golenale del Tevere, fino dentro l’acqua, una discarica a cielo aperto formata da rifiuti, immondizia, avanzi di cibo, mobilio, etc. gettati dalle baracche fatiscenti abitate da cittadini di nazionalità filippina,  in via della Foce dell’Aniene; inoltre ho potuto notare che anche da questo insediamento escono delle tubazioni degli scarichi delle fogne nel fiume, dove è presente un’intera autovettura Fiat 500 di colore giallo.

Dalla parte del campo nomadi di Tor di Quinto – Via del Baiardo, ho notato che sono sempre presenti le tre tubazioni che scaricano  gli avanzi fecali dell’insediamento, andando ad aumentare l’inquinamento di colibatteri nelle acque; una tubazione in particolare, di dimensioni maggiori, sembrerebbe essere utilizzata anche per smaltire dell’altro.

Penso con rabbia  cosa accadrebbe se tutto ciò  avvenisse invece che nel Tevere nel lago di Castel Gandolfo o di Bolsena, o all’isola di Capri, riducendo la nostra Città  da ex “biondo Tevere”, una volta balenabile, alla stregua di una fogna a cielo aperto, nel completo disinteresse ed abbandono da parte delle Istituzioni.

Continuerò  i miei controlli  anche nel fiume Aniene, portando la mia testimonianza in tutte le sedi, con l’appoggio delle associazioni che vorranno affiancarmi nella mia battaglia.

Commenti

1. daniela - settembre 21, 2009

E’ INCREDIBILE che un consigliere comunale – seppur di municipio – appartenente alla coalizione che governa la città debba chiedere aiuto alle associazioni per portare avanti una battaglia non per abbellire qualche angolo cittadino, non per cambiare colore ai cassonetti o installare pensiline alle fermate dei bus gialle-verdi-rosse-a fiori (cose magari piacevoli ma in secondo piano rispetto alle emergenze) ma per INTERVENIRE CON URGENZA IN UNA SITUAZIONE DI REALE PERICOLO PER LA SALUTE DEI CITTADINI!!!!! Ma vi rendete conto che mondo è diventato questo????

2. degradodiroma - settembre 21, 2009

Forse preferisci le persone che pur stando al governo di questa città nelle precedenti amministrazioni hanno comunque continuato a far finta di nulla anche di fronte ad evidenze del genere ?

Laura

3. manuele mariani - settembre 21, 2009

questo prossimo fine settimana ci sarà “Puliamo il Mondo” ..

4. theDRaKKaR - settembre 21, 2009

Laura, credo che il lamento di Daniela sia sacrosanto.. Non ha nessun senso che un consigliere di maggioranza non venga ascoltato dalla maggioranza stessa. È definitivamente il fondo, tu non credi?

5. degradodiroma - settembre 21, 2009

Secondo me è onestà … di pensiero, di comportamento, .. è etica, è onestà, è rettitudine, … certo non si è abituati ad assistere a questi comportamenti forse perchè nel passato non ci sono mai stati esempi del genere e torno a dire .. di consiglieri o amministratori della città che negli anni passati hanno dimostrato questa stessa correttezza ed integrità.

Laura

6. theDRaKKaR - settembre 21, 2009

È rettitudine, ma di Inches.
Invece degli uffici comunali (comune retto dal centrodestra di Inches, no?), della polizia municipale e della procura della repubblica a cui Inches ha segnalato le mancanze ne vogliamo parlare? Ripeto, io ho votato Alemanno perché ne avevo abbastanza del “volemose bene” di Rutelli prima e Veltroni poi. Ma se esco di casa e ci sono le macchine parcheggiate sulle strisce, in seconda fila, sui marciapiedi, agli incroci, ci sono le locandine attaccate ai pali, i pali per terra, i marciapedi sporchi di monnezza e/o di vegetazione, le buche per strada, i tombini otturati, i lampioni spenti per settimane e in genere Roma non è gestita come una città europea ma come una città neanche asiatica neanche africana (ormai anche loro sono avanti), che cavolo devo pensare?

Io penso che sono molto molto deluso. Giusto un mese fa ho segnalato la mancanza di ridisegno delle strisce pedonali dopo asfaltatura, mi hanno risposto che era vero e avrebbero contattato la ditta che aveva svolto il lavori: ancora non le hanno rifatte. Ho segnalato le locandine attaccate su tutti i pali del quartiere, mi hanno risposto che era vero e che avrebbero sanzionati gli autori e rimosso la monnezza e quando sono tornato dalle vacanze IO le ho tolte, ché erano ancora là.

Allora no, mi spiace, non ci sto. Non è cambiato nulla, Roma è ancora uguale a quello che era prima, cioè l’anarchia più totale e più degradata e degradante.

Sono IO, sono i ragazzi dei blog, siamo NOI a prendere in mano questa città, ma siamo 10, 100 su con centinaia di migliaia di gente che fa i propri sporchi comodi per ché le istituzioni, compreso il comune di Alemanno, sono assenti.

Tu hai mai visto un vigile multare uno che non ti fa passare sulle strisce? Tu hai mai visto un vigili multare uno che butta il pacchetto di sigarette vuoto per terra? Così era con Veltroni, così è con Alemanno.

Io non lo trovo giusto. E come non voterò Veltroni non rivoterò Alemanno.

7. theDRaKKaR - settembre 21, 2009

scusate il post fiume! è l’amarezza..😦

8. daniela - settembre 21, 2009

theDRaKKaR ha pienamente colto il senso del mio post.
Condivido tutto ciò che ha espresso nel suo post n. 6

9. Bruno - settembre 22, 2009

Salve!

D’ accordo con gli ultimi interventi.

Sono i cittadini che denunciano il degrado ai loro rappresentanti – perchè vogliono il degrado eliminato -, non il contrario, che gli occhi li abbiamo tutti.

Forse dobbiamo aspettare un post entro poco tempo
in cui il consigliere ci faccia sapere che “in seguito alle pressioni etc etc”?

Mi sembra, per inciso, che il settore di sponda interessato faccia parte anch’ esso di quello “bonificato e restituito alla cittadinanza” durante la primavera/estate con tanta grancassa ma …poca ramazza.

10. Gualtiero - settembre 22, 2009

Condivido l’obbiettivo del consigliere che ha segnalato questa situazione di degrado. Spero che le autorità preposte si attivino per la bonifica delle zone segnalate.
Condivido anche lo stupore di alcuni lettori del blog per le difficolta’ che il nostro comune trova nel tutelare i suoi cittadini, per la lentezza degli organi preposti a sanare le problematiche a stabilire le competenze per tutelare il territorio.
Saluti

11. Nic - settembre 24, 2009

Oggi ne parla anche il Messaggero.
Per quanto possa sembrare incredibile, negli ultimi mesi la situazione è anche peggiorata.
E intanto il grande sonno in Campidoglio continua…

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=74384&sez=HOME_ROMA&ssez=CITTA

12. Nic - settembre 24, 2009
13. degradodiroma - settembre 24, 2009

Massimo Inches ha segnalato alla posta del blog lo stesso articolo proposto @11 ma aggiungendo un pensiero che condivido in pieno e cioè :
———————————–
“Oggi mi ha telefonato uno zingaro del campo del Foro Italico, urlando.
Ho riattaccato. Il mittente era anonimo.
Se sono così “arrabbiati” vuol dire che sto andando per la strada giusta.
Massimo Inches.”

———————————–
Laura


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: