jump to navigation

A Milano .. si può giugno 22, 2009

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Manuele Mariani

Questa è la brochure dell’Amsa di Milano che pubblicizza il servizio a domicilio di pulizia graffiti, a prezzi davvero bassi.

Amsa1

Amsa2

da degradodiroma : sarebbe perfetto anche per Roma ma anche se non si dovesse trattare di cifre esose le metterei comunque in conto a chi ha sporcato. 

Commenti

1. ceska - giugno 22, 2009

Purtroppo ora a Roma (ma spero sia un fatto isolato), la nuova moda graffitara é quella sulle facciate dei palazzi… a partire dall’ultimo piano!
Giuro!
L’altro ieri mi sono affacciata e non riuscivo a credere ai miei occhi: il palazzo dall’altra parte aveva su un lato, quasi ad altezza ultimo piano, due enormi tag nere. Sono stata diversi minuti a guardare, cercando di capire come fosse possibile, come caspita avessero fatto e l’unico pensiero che ho avuto é stato “peccato non ciano finiti di sotto!!”
Non ho ida di quanto dovrà spendere il condominio per farla cancellare
Devo ricordarmi di fare una foto e mandartela.

2. Les - giugno 22, 2009

lo scandalo delle tags continua indisturbato.
uno scambio di battute con alcuni writers sul Messaggero mi ha fatto capire che queste persone non sono disposte per niente a cambiare il loro modo di fare.
Ogni giorno nuove tags, nuovi graffiti, ovunque.
Poi leggi il volantino dell’Amsa – l’equivalente dell’Ama – e capisci che stiamo indietro anni luce persino da Milano

3. n@po - giugno 22, 2009

Ho letto tutti i commenti all’articolo pubblicato sul Il Messagero (questo è il link http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=62203&sez=HOME_ROMA).Molti writers spostano il discorso su altre tematiche,come le affissioni abusive di manifesti da parte dei politici,allontandosi dal discorso graffiti.Bisognerebbe concedere spazi periferici e controllati ai writers e sanzionare pesantemente tutti gli altri comportamenti illeciti

4. degradodiroma - giugno 22, 2009

Qui sotto trovate la foto (commento1)
Laura
———————–
Foto Ceska

Eccola la foto promessa,
Ancora non ci posso credere, ma l’hanno fatto…

Ceska

5. ceska - giugno 23, 2009

Grazie per aver pubblicato la foto!
Non so se é chiaro, ma la scritta si trova al 7° piano e vi assicuro che é molto grande, basta confrontarla con la misura della finestrella del bagno che é nel mezzo.
Mi domando come cavolo gli é venuto in mente di fare una cretinata simile, non ha senso alcuno:non é un disegno, non é una qualche forma di protesta é solo una tag messa lì tanto per zozzare il palazzo.
Che si spettava/vano che gli dicessero bravi? Quanto dovrà spendere il condominio per ripulire la facciata?
Voi che cosa gli fareste a ‘sti qua??

6. n@po - giugno 23, 2009

Ho osservato la foto svariati minuti,ma m’interrogo su come siano riusciti a fare quelle scritte enormi ad una simile altezza.L’unica spiegazione è che,calandosi dal terrazzo,abbiamo adoperato delle imbragature di sicurezza.E’chiaro che qualche residente dello stabile era nel gruppo di writers.Cosa gli farei?Se l’avessi beccati li avrei costretti a ridipingere l’intero lato dell’edificio,pagando di tasca loro l’affitto del”ragno”e i bidoni di pittura murale

7. degradodiroma - giugno 23, 2009

Per me chi ha fatto quelle scritte ha la chiave del terrazzo condominiale .. e quindi il responsabile è nel palazzo.
Laura

8. julio foster - giugno 23, 2009

…per me è stato il cinese:
nel suo alibì non ha tenuto conto
del fuso orario…

9. Andrea Santosuosso - giugno 23, 2009

I graffiti di questo genere appartengono alla famiglia degli “Heaven Spots”. Di solito vengono progettati con cura scegliendo pareti nude molto in vista, difficilissime da raggiungere ed esposte su panorami urbani frequentati (ponti, stazioni, porti…)
Non credo che chi l’ha tracciato sia abitante nel palazzo, di solito non è così.
Qualcosa in merito all’argomento per chi ha interesse a conoscere queste “tecniche”:

http://gamevideos.1up.com/video/id/3348

10. Alessandro - giugno 24, 2009

Cerchiamo di inviare quel depliant dell’AMSA a più politici romani che conosciamo… E’ necessario dare una svolta storica a questa città. BASTA TAGS E GRAFFITI!!!!!!!!

11. n@po - giugno 24, 2009

@Andrea Sassuolo
Nel video che hai pubblicato il writer aveva comunque un appoggio per i piedi,anche se minimo.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: