jump to navigation

Venghi Dottò !!! marzo 10, 2009

Posted by degradodiroma in Degrado, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Andrea Santosuosso

dsc00769

Piazza Fiume, ore 14,00 di un giorno lavorativo. A terra sul piccolo piazzale ci sono le striscie blu, se sei fortunato trovi un posto e giustamente paghi per la sosta ma non basta, c’è anche un simpatico parcheggiatore abusivo (con giacca verde militare nella foto) che riscuote il suo “pizzo” tra l’indifferenza dei 10 o 15 tassisti in sosta e di molti che passano.

dsc007701I Vigili urbani ? Ma non scherziamo…
La Polizia ? Ha cose più importanti di cui occuparsi…
I Militari ? Sono stravaccati a Via Pinciana, a Via Paisiello e davanti a Villa Taverna e presidiano il nulla (era meglio quando stavano confinati nel Deserto dei Tartari…). Possibile che TUTTO QUESTO continui ad essere tollerato ?

Tanto per terminare in bellezza sullo stesso piazzale una signora, forse una nomade (mi sembrava tale dallo stile del suo abbigliamento) tranquilla e indisturbata faceva IL BUCATO, si avete capito bene, IL BUCATO con tanto di tinozza.
“Roma cambia” recita lo slogan sul manifesto appeso al muro. Speriamo cambi in meglio.

Annunci

Commenti

1. Armando - marzo 10, 2009

Hai provato a chiamare i vigili/polizia per segnalare l’abuso?

2. DegradoEsquilino - marzo 10, 2009

L’amministrazione comunale ha sminchiato tutto il sistema delle strisce blu che aveva arginato se non eliminato il problema dei parcheggiatori. Oggi vi sono strade con metà stisce blu (in cui riscuote il comune) e metà bianche (in cui riscuote il parcheggiatore abusivo). E già che c’è, il parcheggiatore riscuote pure sulle blu. Non capisco cosa vi sia di strano, il provvedimento di Sciagura (soprannome per un certo assessore) mirava precisamente al ritorno dei parcheggiatori (che evidentemente votano AleDanno) e ha ottenuto il risultato. Dunque non ci sorprendiamo se questi individui vengano lasciati lavorare indisturbati…

E poi, in fondo in fondo, sono sempre uno stimolo ad andare a piedi o ad usare i mezzi pubblici, no ?

3. Andrea Rossi - marzo 10, 2009

I militari non hanno competenza su queste materie, si sperava e si spera che impiegando i militari per sorvegliare presidi fissi si liberino forze dell’ordine per controllare il territorio, ma tra il dire ed il fare…

I parcheggiatori abusivi sono una vera piaga, qualche mese fa al palaeur in occasione di uno spettacolo per bambini ce ne erano a bizzeffe, in quell’occasione pero’ ho visto la guardia di finanza dargli filo da torcere.

Alemanno su queste cose non puoi fallire !!!

4. Nic - marzo 10, 2009

La verità è che sul fronte traffico non si vogliono rogne e mi sembra proprio che il Comune di Roma si stia “calando le braghe”.
Prova ne è la cancellazione di progetti sulla mobilità alternativa, la mezza soppressione delle strisce blu, la chiusura delle Strade Verdi, il lassismo generalizzato sulla sosta in doppia fila e sui marciapiedi.

5. Andrea Rossi - marzo 10, 2009

x Nic

Si e’ vero anch’io ho questa impressione, almeno dalle mie parti mi sembra che il traffico sia peggiorato e che si sia data agli automobilisti romani una specie di carta bianca, via boccea e’ una doppia fila continua dalle 7 di mattina alle 7 di sera, va bene la tolleranza zero ma deve essere applicata sempre e non solo nei confronti di chi non vota.

6. peterstride - marzo 10, 2009

@degradoesquilino
“L’amministrazione comunale ha sminchiato tutto il sistema delle strisce blu che aveva ARGINATO SE NON ELIMINATO il problema dei parcheggiatori.”
Mi chiedo dove vengano lette queste cose (quelle scritte in maiuscolo)….forse si disconosce che proprio nelle vicinanze di casa di Veltroni negli anni del suo primo mandato (2001-2006) esercitava (di fronte al cinema Europa- Porta Pia) un parcheggiatore abusivo negli spazi destinati alla sosta a pagamento. Stessa situazione nei pressi dell’ospedale Bambino Gesù, ecc., ecc.,….

Relativamente allo “SMINCHIATO”, riferito al sistema dei parcheggi a pagamento (di superficie) faccio notare che, semmai, in tema, è stato posto fine all’ARBITRIO ed è stata ristabilita la legalità, violata per oltre un decennio dalle Giunte Rutelli/Veltroni.
E’ bene infatti ricordare agli smemorati quanto previsto dall’art. 7, comma 8, C.d.S.: “Qualora il comune ………….. disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1, lettera f), su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta”.
Ne si può obiettare quanto previsto dalla seconda parte della norma: “Tale obbligo non sussiste per le zone ……definite “A” dall’art. 2 del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 97 del 16 aprile 1968, e in altre zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dalla giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico”.
Sarebbe infatti stata necessaria un VERA motivazione adeguatamente espressa negli atti con i quali in tutti quegli anni le striscie blu proliferavano nella città….basti considerare come è finita la vicenda nel quartiere Ostiense con la pronuncia del TAR Lazio.

Personalmente (in quanto più che trentennale fruitore del mezzo pubblico, dal bus, al tram, alla metro) sono favorevole al parcheggio a pagamento dappertutto….se le norme dettate dal legislatore lo CONSENTONO….ed è proprio questo il problema: i sindaci Rutelli e Veltroni hanno avuto svariati anni di Governi Nazionali di identico colore a cui rivolgersiper far correggere la norma sopra indicata così da non dover ricorrere all’ARBITRIO.
Per quanto concerne i parcheggiatori abusivi, vanno identificati e sanzionati….bisogna però sapere che, all’attuale vigenza del ns. sistema giuridico, ciò non serve a NULLA se la persona nei cui confronti si procede non ha una residenza stabile (non fittizia) e non risulta intestataria di beni immobili e/o mobili registrati (veicoli a motore). Infatti, nonostante l’avvio di procedure di recupero in caso di mancato pagamento delle sanzioni da parte degli agenti della riscossione (leggasi Equitalia e sua filiali come, per es., Gerit), si tratterebbe di crediti INESIGIBILI (preciso che l’agente della riscossione a fronte dell’attività svolta, anche se infruttuosa, ha diritto al pagamento del lavoro).
Salva l’ipotesi in cui ricorra il reato di estorsione (ma allora siamo su un piano diverso ed anche qui ce ne sarebbe da dire), bisogna riconoscere che il sistema delle depenalizzazioni introdotte con la legge 24.11.1981 n. 689, ha determinato queste enormi falle nel caso di “piccole” (ma assolutamente odiose) violazioni come quella di specie. Non è il caso di sottacere il comportamento dell Questure dei grandi centri urbani che per decenni hanno sostenuto: preferisco sapere dove si trova quel parcheggiatore abusivo tutto il giorno piuttosto che non poterlo rintracciare …….trattandosi nel 99% dei casi di un pregiudicato…………

7. gualtiero - marzo 10, 2009

Della serie meno multe per TOTTI ?

8. Nic - marzo 10, 2009

Dopo tutte ‘ste parole resta il fatto che dopo i LAVAVETRI con la primavera sono tornati anche i PARCHEGGIATORI ABUSIVI.
P.S. L’ultima volta che li ho visti è stato a Casablanca in Marocco

Roma è sempre più terra di nessuno alla faccia della “tolleranza zero”

9. Andrea Rossi - marzo 10, 2009

X Nic

Non esagerare, la situazione generale e’ migliorata, prima le favelas sotto i ponti erano un po’ ovunque, ricordo le favelas sotto i ponti della via flaminia o quelle al laghetto dell’Eur, di certo alcune cose sono invece colpevolmente ignorate (doppia fila).
I parcheggiatori sono un problema atavico, spero che Alemanno non gli dia tregua.

Io sono favorevole ai parcheggi a pagamento ed in questo senso credo che Alemanno abbia fatto inizialmente un po’ di confusione, ora la situazione e’ migliorata, apprezzo il fatto di aver differenziato maggiormente le tariffe.
Il punto e’ che i tanti soldi che sono entrati in questi 15 anni al comune grazie ai parcometri avrebbero dovuto essere impiegati per migliorare la mobilita’ romana che invece e’ rimasta sempre la stessa, forse i soldi che entravano sono serviti solo per creare societa’ come la sta e per far assumere gli ausiliari del traffico con criteri poco chiari.

10. Armando - marzo 10, 2009

X
Andrea Nic e Degradoesquilino

Riprendo un vecchio post……

La mobilità alternativa è sempre stata relegata a ruoli totalmente marginali.

Un fatto reale è quello che ad esempio il Governo con gli incentivi a far ripartire gli acquisti non ha pensato ad incentivare l’acquisto di biciclette e di bici a pedalata assistita.

Questo la dice lunga sul tipo di interesse e di sviluppo della mobilità alternativa delle aree urbane.

I politici non ci credono e così la maggior parte dei cittadini continua ad usare i motori a scoppio.

I nostri amministratori non vogliano prendere atto ad esempio che anche in alcune realtà del nostro Paese ci sono città ( Bolzano Ferrara Parma etc. senza parlare delle esperienze dei paesi del nord ) dove la mobilità in bicicletta riguarda circa il 25% – 30% degli spostamenti.

Sento già il coro di voci dire: ma Roma per la sua conformazione e la grandezza non è idonea all’uso della bicicletta….etc. etc.

Oggettivamente l’unica scusa reale per non uasare la bicicletta è il rischio che corre il ciclista sulle caotiche strade romane dove corrono tantissimi automobilisti incivili e insensibili alle tematiche della mobilità alternativa.

Se si attuassero serie politiche atte a sviluppare una rete ciclabile estesa, sicura, efficente e sopratutto messa in rete e non singoli spezzoni, l’uso della bici gradualmente sarebbe sempre più massiccio.
E i cittadini romani potrebbero apprezzare cosa significa una città a misura di bicicletta.

Sento già il coro di voci dire ma le distanze sono di molti km: anche questo dato è poco veritiero perchè la stragrande maggioranza degli spostamenti è al di sotto dei 10 Km.

E anche se la distanza fosse molto maggiore l’uso della bici potrebbe essere messo in rete con i mezzi pubblici idonei al trasporto delle medesime.

Per concludere serve una seria disponibilità a rivedere tutto il sistema del trasporto privato concretamente e in maniera efficace, si ha l’impressione che le varie amministrazioni abbiano fatto alcune piste ciclabili tanto per mettere a posto la propria coscienza ambientale, oppure come operazioni di facciata.

Quando si avrà una cultura della mobilità avanzata, sicuramente il senso civico e di responsabilità verso il proprio territorio urbano sarà meno lontano da quello delle città europee.

E poi non dimentichiamoci che………

Secondo l’Isfort, l’istituto di ricerca sui trasporti, nel 2006 il 56% dei nostri spostamenti è stato inferiore ai 5 chilometri e il 74% entro i dieci. Percorsi talmente brevi da essere adeguati alla bicicletta. Un mezzo che non solo fa bene al pianeta, ma anche alla nostra salute, purché i rischi siano contenuti.

Significa che con un pò di buona volontà i cittadini romani potrebbero cambiare almeno un pò la mentalità che li lega all’auto-dipendenza.

Ricordo che ci sono anche delle ottime biciclette a pedalata assistita in modo tale da superare agevolmente i vari dislivelli della nostra amata città.

11. Andrea Santosuosso - marzo 10, 2009

Daccordo in pieno con Armando per tutto ciò che riguarda la bicicletta, anche io sono un cicloamatore convinto. Sono però convinto dell’irrecuperabilità della mentalità dei romani, troppo attaccati al feticcio a 4 ruote.
Sempre per Armando. Si, i vigili li ho chiamati ma non sono venuti, o meglio dopo 40 minuti non erano ancora arrivati e io sono tornato al lavoro. Il parcheggiatore abusivo pure…

12. Armando - marzo 10, 2009

Grazie Andrea Santosuosso,
a conferma che vi è molto da lavorare per migliorare questa città.

Sono parzialmente d’accordo sul fatto che i romani sono quasi irrecuperabili sul fetticcio auto…..( e non solo….vedi muri imbrattati, sporcizia da terzo mondo per terra senso civico ridotto al lumicino ect.) però qualche piccolo segnale alle volte si vede, certo è veramente troppo poco, ma come si dice la speranza è l’ultima a morire!!

13. degradodiroma - marzo 10, 2009

Io pure torno a dire cose già dette .. ed ad appoggiare in pieno Andrea Rossi al commento 9.

La situazione a mio avviso è migliorata in termini di riduzione dei fenomeni favelas, parcheggiatori, zingari in giro, lavavetri, prostitute, e migliorata in termini di aumento di vigili, polizia, carabinieri, esercito, volontari per la sicurezza.

E questo a mio avviso rappresenta comunque un risultato, piccolo, ma pur sempre un risultato.

E torno a dire che l’erba cattiva non si estirpa facilmente da un giardino che è stato abbandonato per anni.

Quello che però non bisogna dimenticare è che se si vuole il prato all’inglese … occorrono anni.

Laura

14. Andrea Santosuosso - marzo 10, 2009

Speriamo tanto nello sbocciare del prato all’inglese, ma la visione della signora che faceva il bucato era veramente devastante.
😦

15. k_t - marzo 11, 2009

Laura continua a chiedere tempo, come se la volontà di agire dovesse arrivare piano piano, come un crescendo rossiniano. Ma dove avete visto i miglioramenti in termini di sicurezza e decoro? C’è solo una differenza rispetto al passato, i militari disseminati qua e là, senza una precisa funzione. Dove ci sono i militari non ci sono peones, si spostano di qualche kilometro. E’ come il vape antizanzara, dal salotto te le ritrovi in cucina. Non c’è nessuna voglia di fare, non ci illudiamo. Ma poiché è inutile criticare e non proporre, ecco che cosa mi sarei aspettata da un sindaco con gli attributi:
1) inasprimento dei controlli sul traffico, soprattutto frustate di multe a chi si ferma in doppia fila. Ci penserebbero due volte a prendere la macchina per spostarsi da un negozio all’altro.
2) sequestro un giorno sì e un giorno sì della mercanzia dei vu cumprà. Non frustate, solo mandare al macero tutta la robaccia che i romani idioti continuano a comprare da ‘sti maledetti.
3) riduzione drastica dell’accesso delle autovetture private alle strade del centro storico.
4) vigilanza nei parcheggi dove TUTTI SANNO che governano gli abusivi.
5) Rimozione forzata dei nomadi che stazionano in aree non permesse. Prendi il carro attrezzi e li porti “gentilmente” in un campo attrezzato!

E togliamo ‘sti schifosi lucchetti da ponte Milvio e dagli altri monumenti!

Tempo richiesto, 0 anni, 0 mesi, 3 settimane.

16. monuska - marzo 11, 2009

Ed io negli ultimi mesi ho dovuto constatare con grande rabbia e sconcerto il ritorno MASSICCIO sulla metro (B, x la A nn saprei…) di suonatori, di bambini con la mano tesa e di zingare che portano a tracolla questi bambini perennemente narcotizzati. Si danno il cambio ad ogni fermata, quindi io ad ogni viaggio da termini a palasport me ne vedo almeno 3! Possibile che i vigilantes nn li blocchino? E possibile che, dopo l’annuncio/spot di far viaggiare i militari in divisa, io ancora nn ne ho mai incrociato nessuno?

17. Nic - marzo 11, 2009

A regà ma ancora nun l’avete capito? Stanno ancora in rodaggio… è colpa de Rutelli, de Veltroni, de Petroselli, de Carlo Marx, de l’alluvione…
Quando finirà ‘sto rodaggio? Boh! Nun se dànno numeri.

18. mobbast - marzo 11, 2009

che ci siano strisce bianche, blu, rosa o arancioni poco cambia se:
– ci sono persone che parcheggiano sulle fermate dei bus in modo ordinario (posto auto proprio)
– ci sono macchine parcheggiate agli incroci proprio dove le strisce blu o bianche finiscono.
– ci sono macchine sui marciapiedi.

mancano i controlli sulle regole. se non ci sono questi è inutile stare a dire che erano meglio le strisce blu di veltroni o quelle di alemanno. qui c’è gente che prende ogni giorno la macchina per venire in centro e non caccia un euro.

19. Andrea Rossi - marzo 11, 2009

X Armando

Completamente d’accordo, la bicicletta potrebbe essere tranquillamente usata su moltissimi itinerari ma si preferisce incentivare la produzione e la vendita di automobili per motivi economici.

x k_t

Siamo onesti su alcune cose questa amministrazione ha gia’ fatto meglio della precedente, Veltroni spese centinaia di migliaia di euro per le telecamere sulla salaria che avrebbero dovuto mandare via le prostitute che invece rimasero li’ indifferenti, Alemanno ha fatto un’ordinanza a costo zero e le prostitute non si vedono quasi piu’ (e comunque non nude sotto le case della gente).
Sul resto sono d’accordo con te.

X Nic

Io ho sempre detto che il “rodaggio” sarebbe stato di un anno, l’anno sta per scadere ma gia’ le critiche ad Alemanno sono iniziate come puoi leggere anche dai miei commenti, e’ finito il tempo delle fazioni e delle ideologie, almeno io voto in base a cio’ che vedo, se Alemanno non migliorera’ la situazione sta tranquillo che i romani lo “purgheranno” cosi’ come hanno purgato Veltroni.

20. monuska - marzo 11, 2009

Sono appena tornata da via dei castani (Centocelle) che, con mi gradissimo disappunto (per nn chiamarlo rodimento di…) ho constatato essere invasa da ambulanti buttati per terra con la loro porcheria! Qui qualcuno ce n’era sempre stato, ad altezza dei negozi, ma ora da piazza dei gerani fino a piazza dei mirti non ho visto spazi vuoti.
Ovviamente nn si vedeva neanche un vigile a pagarlo oro, ma per fortuna, dove non possono (o vogliono) le “autorità”, ci ha pensato Giove pluvio 😉

X Andrea: concordo e ne sono strafelice che nn si vedano più quei peep show stradali, però i travestititi sulla Prenestina, Via Longoni sono più nudi, popputi e gettonati che mai !!

21. Andrea Rossi - marzo 11, 2009

x Monuska

Si e’ vero non appena la guardia si abbassa il mercato della carne torna prepotentemente alla ribalta.

22. degradodiroma - marzo 11, 2009

Adoro il Capo della Polizia Municipale di Napoli.

Questa sera al TG5 la notizia che il capo dei Vigili Urbani chiede la collaborazione dei cittadini e chiede foto comprovani parcheggi di auto in seconda e tripla fila, denunce di parcheggiatori abusivi, insomma una partecipazione al riordino della città.

Se questo dovesse accadere per Roma, penso che io sarei insieme a molti di voi a dire “ECCOCI, SIAMO PRONTI !!”
—-
Per k_t (@15) : Quando IO dico : “E torno a dire che l’erba cattiva non si estirpa facilmente da un giardino che è stato abbandonato per anni. Quello che però non bisogna dimenticare è che se si vuole il prato all’inglese … occorrono anni.”, intendo osservare che qualunque brutta abitudine non può essere eliminata facilmente, e non sto “chiedendo tempo” per Alemanno come sostieni tu.
Occorre perseverare nei controlli e nelle “giuste punizioni” per distruggere delle brutte abitudini, e su questo, spero converrai, Alemanno ha comunque scagliato la sua prima pietra.

Un cattivo comportamento non si estirpa dall’oggi al domani e questo vale per le situazioni di bullismo scolastico, per i comportamenti incivili nei condomini, per le azioni di sopruso, insomma per tutte quelle pratiche altrui che hanno allontanato questa società dal civismo per assenza di controlli e giuste punizioni.

Laura

23. ale70 - marzo 11, 2009

Purtroppo,e mi rincresce veramente dirlo perchè ho cercato di crederci, ma non vedo assolutamente migliorie rispetto al passato e alle giunte di Rutelli e Veltroni…abito sull’ostiense zona periferica, non so se qualcuno di voi ha mai fatto caso allo SCHIFO, ovvero ai quintali di immondizia che impunemente sono stati accumulati all’altezza della fermata della metro Magliana e oltre verso il GRA, approssimativamente km 7/8 della via del Mare, nelle boscaglie limitrofe, da accampamenti abusivi di stranieri che pur avendoli tolti riprolificano come l’erbaccia…Che VERGOGNA !!! Mentre i poliziotti e i carabinieri vanno in giro a cazzeggiare senza far nulla con la scusa che non hanno la benzina. Roma è una città da Quarto mondo !! Stop ! Avete mai provato d’estate ad andare al mare a capocotta, tra Ostia e Torvaianica e rendervi conto che è terra di nessuno in mano a parcheggiatori abusivi nordafricani senza scrupoli che mi hanno anche distrutto il vetro posteriore dell’auto per non aver pagato il pizzo e che avendo denunciato il fatto ai carabinieri di Ostia mi hanno ripsosto che dovevo avere le prove…..le prove??????? Ma dico io, farvi un giro sulla litoranea e fermare tutta quella gente che sta lì a bivaccare e chiedere i documenti e le generalità nooo, vero??! Altrimenti si fa uno sgarro al papa che predica l’accoglienza??! Alemanno??? Che grande delusione………..

24. k_t - marzo 11, 2009

x Laura/degradodiRoma

Stridore di unghie sui vetri. Fai il conto dei delusi da Alemanno e fattene una ragione. Le abitudini non cambiano neanche in 100 anni se non arrivano segnali forti da chi ha la responsabilità del governo della Città.

Il Sindaco che vorrei, oggi, è Giuliano Ferrara. No, forse troppo leccapiedi pure lui. Meglio Paolo Guzzanti, ma senza i figli intorno.

25. Andrea Rossi - marzo 12, 2009

Paolo Guzzanti ??????? Per carita’….

A me Alemanno non ha deluso, almeno per ora, quello che mi ha deluso moltissimo e’ stato Veltroni (a cui diedi il voto la prima volta…sigh)

26. mobbast - marzo 12, 2009

vicino piazza fiume ho segnalato alla polizia municipale l’uso di una fermata del bus (Po/c.so d’Italia) come parcheggio personale di alcuni proprietari di SUV e mercedes SLK. ci passo tutti i giorni e vedo sempre le stesse macchine. nella zona parcheggi con strisce blu liberi ci sono. quindi chi parcheggia lì lo fa per non pagare e conscio di essere impunito (del resto mantenere un SUV costa no?)
io scrivo ai vigili che mi dicono di parlare con atac che mi dice di parlare con trambus. (la mia lettera è stata anche pubblicata su Metro, anche se hanno erroneamente riportato la fermata del bus). niente, solo chiacchiere, il concetto è quel che conta. ad oggi se parcheggi su una fermata del bus la fai franca.
alla fine trambus dice che sì, in effetti è compito loro ma che personale mezzi ecc ecc. sono pochi e sai com’è, la gente è incivile. comunque loro ci danno un occhio…
seee vabbè.
da quando trambus mi ha scritto passo tutti i giorni in quella fermata e faccio foto, le macchine continuano a parcheggiare lì. impunite.

27. Andrea Rossi - marzo 12, 2009

x Mobbast

Una puntata di Report di qualche anno fa fu dedicata ad un confronto tra il trasporto pubblico romano e mi pare quello di new york, ebbene durante la puntata intervistarono Mario Di Carlo che all’epoca si occupava proprio di mobilita’ (o era a capo dell’Atac non ricordo bene) e gli chiesero come mai a Roma tutte le fermate dell’autobus fossero occupate dalle automobili, la risposta di Di Carlo fu assolutamente in linea col personaggio, disse una cosa tipo :”si e’ cosi’, ma che ce volemo fa, a Roma e’ cosi’…etc etc”, insomma sembrava un comune cittadino scoglionato che si lamentava del mondo come appunto se non fosse lui il responsabile principale di quello stato, esilarante e disarmante.

p.s.: personalmente nei quartieri centrali di Roma farei in modo di rendere difficile la vita ai possessori di Suv, mezzi totalmente inadatti alle citta’ italiane.

28. degradodiroma - marzo 12, 2009

Per K_t : No, non mi sembra che “sei convenuta”. Forse non abbiamo lo stesso grado di attenzione o lo stesso livello di osservazione alle cose.

Laura

29. k_t - marzo 12, 2009

Hai ragione, che posso fare per aiutarti? Prova a dormire almeno otto ore, a fare yoga, oppure prendi un paio di caffé in più. Può favorire la concentrazione.

30. degradodiroma - marzo 12, 2009

Per k_t : Come già in passato (quì) .. conosco il dovere antico dell’ospitalità e quindi non replico.

Laura

31. Andrea Rossi - marzo 13, 2009

x Laura

Beh mi sembra che due delle pretese di k_t siano state esaudite, l’ici e’ stata eliminata (anche se dal governo nazionale) e la lotta ai vu’ cumpra e’ sicuramente costante ed assidua, se ne vedono infatti molto ma molto di meno (qualche tempo fa via cola di rienzo e viale marconi erano impraticabili).

32. k_t - marzo 13, 2009

qui si scrive senza accento

33. monuska - marzo 14, 2009

Vi conisglierei di fare una passeggiata in zone meno in vista e ricche e quindi indegne dell’attenzione della politica quali Via Tuscolana, Centocelle e Via Prenestina. Su Via tuscolana la fila di vu cumpra è parallela a quella dei negozi regolari. Ce ne saranno almeno un centinaio, tanto che, con l’affollamento del sabato pomeriggio, si creano ingorghi di passanti e si corre spesso il rischio di inciampare nelle loro cianfrusaglie!!!
Ultimamente poi, dopo un’iniziale sparizione dovuta alla tanto proclamata linea dura di Alemanno, a Centocelle e Tor Pignattara, c’è stato l’effetto tsunami: gli ambulanti irregolari, a cui ora si sono aggiunti negozianti aperti fino alle 23 (parrucchieri indiani e negozi di abbigliamento cinesi), sono tornati in massa.

34. Andrea Rossi - marzo 14, 2009

x Monuska

Se e’ cosi’ come dici tu e non ho motivi di dubitarne allora significa che non c’e’ nulla da fare, se nemmeno Alemanno che anche su queste cose ha basato la sua vittoria riesce a fare nulla stiamo proprio messi male…

35. monuska - marzo 14, 2009

Anche io ci avevo sperato tanto, ero davvero stufa di questo buonismo ipocrita di tutti nei confronti del degrado e dell’illegalità (guardo solo la situazione del paese/città a prescindere dei loro governanti). Nei primi 3-4 mesi in effetti avevo notato la differernza, in positivo, e ne ero davvero contenta, ma ora evidentemente i delinquenti, che capiscono al volo la situazione, sono ritornati prepotentemente perchè nessuno ha dato segnali forti di cambiamento.
Aaah, quanto sognerei Roma gestta da austriaci (visitate Vienna e piangete per il confronto impietoso) esigenti, intransigenti e devoti al proprio lavoro!


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: