jump to navigation

Vandalismo e prepotenza novembre 12, 2008

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Romina

09112008

Domenica mattina diverse centinaia di persone si sono radunate nella strada dove abito per occupare due stabili, ex-alberghi, da tempo disabitati.
negativoLa scena, per chi non l’ha mai provata è terrificante perchè hai la senzazione del branco contro cui nulla si può: sfondano i portoni e rompono eventuali catene e con i megafoni incitano la gente che li segue ad occupare, altra gente si siede sui cofani delle macchine, sugli scooter e fa, della tua tranquilla strada, il loro bivacco per ore.

La strada rimane bloccata per qualche ora, hai paura di scendere … Chiami polizia e carabinieri che tardano ad arrivare, e quando arrivano, fanno controlli di routine e poi se ne vanno; si è fortunati se una volante rimane a presidiare.
Ho avvisato Fabrizio Santori che subito, di domenica, mi ha risposto.
Di seguito il suo intervento: OCCUPAZIONI: INTERVENGANO PREFETTO E QUESTORE
Sono colpita dalla gentilezza e dalla partecipazione di questo giovane, capace consigliere che voglio pubblicamente ringraziare.

da degradodiroma : sullo stesso argomento Nè Rutelli nè Tarzan suo alleato

Advertisements

Commenti

1. fabio - novembre 12, 2008

Su queste cose non riesco a esprimermi. Non so quale sia il limite tra l’esasperazione e la gratuità. Gli atti di violenza, almeno quelli, non sono mai giustificabili.

2. Pablito - novembre 12, 2008

Sicuramente non si può giustificare nè la violenza nè chi occupa proprietà altrui (anche quelle inutilizzate e abbandonate)…anche se però bisognerebbe dire due paroline sulle speculazioni edilizie che hanno caratterizzato Roma negli ultimi anni…

3. DegradoEsquilino - novembre 13, 2008

Esasperazione? L’esasperazione è della povera gente, non dei prepotenti. L’esasperazione è della gente che l’affitto lo paga, con sacrifici inenarrabili, non di chi scrocca la casa con la violenza.

4. Andrea Rossi - novembre 13, 2008

Occupare palazzi privati anche se non abitati e’ una cosa molto grave, altra cosa e’ l’occupazione da parte di gente realmente disperata (sto parlando di poveri veri) di edifici pubblici abbandonati da anni dalle nostre amministrazioni.

In questi anni si e’ cementificato moltissimo eppure di case popolari non se ne e’ vista nemmeno l’ombra, forse ora ci vorrebbero piu’ case popolari e meno speculazione edilizia, sempre sperando che le nuove case popolari non siano come gli ecomostri creati dalle giunte di sinistra (tipo corviale) e che vengano assegnate con criteri trasparenti e di equita’ (e che non ci sia il lassismo delle ultime amministrazioni).

5. Romina - novembre 13, 2008

No, stavolta sono d’accordo con Degrado Esquilino. L’occupazione quale che sia la sua spinta è illegale. E’ un atto di protervia. Oltretutto viene fatta da personaggi che lo fanno per mestiere , organizzati con tanto di idraulici e elettricisti, che sfruttano la povera gente, ubriacandola di chiacchiere e di presunti diritti. La gente che vedo andare e venire da quello stabile è di tutti i tipi: c’è gente dignitosa ma anche gente ai margini della società. In ogni caso quella promiscuità non porta buone cose.

6. Pablito - novembre 13, 2008

Io invece quoto Andrea Rossi, nessuno nega l’illegalità dell’atto, però ci sono delle motivazioni che non vanno trascurate. Specie in una città come Roma, dove il primo quotidiano è di un costruttore…
Ovviamente ci sono disperati e meno disperati però in ogni caso bisogna costruire case popolari (e non farle troppo belle , perchè altrimenti le “occupano” i politici 😉

7. Andrea Rossi - novembre 13, 2008

“…non farle troppo belle, perche’ altrimenti le occupano i politici”, gia’ e’ vero qui in Italia stiamo messi davvero male, le case popolari o le si fanno in maniera mostruosa (tipo appunto corviale) oppure i politici o qualche loro amico le occupa per poi comprarle a prezzi stracciati (vi ricordate l’inchiesta giornalistica dell’anno scorso in cui beccarono Bonanni, Veltroni, Cossutta e molti altri che abitavano in case di pregio comprate a due soldi ? Dopo pochi giorni smisero di parlarne…).

p.s.: mi pare che anche il secondo quotidiano romano sia di un costruttore, mentre la ormai principale tv locale romana appartiene al re delle discariche (stiamo messi proprio bene…)

8. prue - novembre 16, 2008

ma di quale violenza parli!!!!

ma fammi il piacere va!

9. degradodiroma - gennaio 17, 2009

Ricevo il seguente Comunicato Stampa da Fabrizio Santori sul tema delle “Okkupazioni”.
Laura
——————-
Comunicato Stampa
EMERGENZA CASA: OCCUPAZIONE EX OSPEDALE REGINA ELENA
Si continuano ad utilizzare le strutture pubbliche come se fossero di proprietà di gruppi politici organizzati dell’estrema sinistra mentre appare evidente che queste occupazioni hanno come unico obiettivo la strumentalizzazione e l’esasperazione di situazioni di disagio. Migliaia di immigrati, molti di loro irregolarmente presenti sul territorio nazionale, vengono istigati ad occupare stabili. In barba ad ogni graduatoria o verifica puntuale dei requisiti di assistenza alloggiativa, nuclei familiari che per anni hanno ottenuto il privilegio di vivere in strutture pubbliche e private a costo zero producono un effetto moltiplicatore dei costi dei servizi sociali che non ha precedenti e che si ripercuote sui municipi ove si registra una carenza di fondi per l’assistenza sociale di tanti anziani, famiglie indigenti, donne sole che rappresentano la maggioranza silenziosa e dignitosa di questa città che da anni aspetta un cambiamento”. “E’ necessario a questo punto che il Prefetto di Roma disponga controlli puntuali all’interno degli stabili pubblici occupati abusivamente, cosa mai avvenuta nel passato, al fine di individuare i soggetti che da anni utilizzano strumentalmente famiglie disperate e soffocate da questa morsa di arroganza e di illegalità che viene mascherata da iniziative politiche”.
Fabrizio Santori, consigliere comunale di Roma e Presidente della Commissione Sicurezza


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: