jump to navigation

Sicurezza intermittente ottobre 9, 2008

Posted by degradodiroma in Segnalato da ..., Sicurezza.
trackback

Segnalato da : Rossella

La pista ciclabile di Tor di Valle, tristemente nota per l’aggressione che portò alla morte il ciclista Luigi Moriccioli, è una pista molto lunga il cui intero percorso si aggira intorno ai 33 Km.
Nel zona dove accadde il triste episodio, e comunque per un tratto lungo circa 1 km. e 1/2, la pista è ora dotata di luci e videocamere di sorveglianza.
Sui restanti 32Km. il nulla.

Fino a qualche tempo fa delle ronde di sorveglianza motorizzate elettricamente assicuravano il controllo lungo tutto il tragitto, ora non più.
I grandi insediamenti di campi rom, sono stati rimossi, ed i controlli periodici delle forze dell’ordine impediscono tempestivamente l’insorgere dei tentativi di reinsediamento, ma il controllo continuativo e costante lungo tutta la pista è durato un anno.

La pista è pressocchè extraurbana, isolata dalle abitazioni, con campi tutt’intorno, popolata da ciclisti, pedoni, maratoneti, bambini che usufruiscono dei parchi giochi dislocati vicini ai tratti urbani, poi attrezzi sportivi lungo il percorso .. e poi .. drogati, motorini  …

La sorveglianza è indispensabile per assicurare la sicurezza.

Non ci può essere una sicurezza “precaria” ma soprattutto non può esserci una sicurezza che si accende ad “intermittenza”. 

da degradodiroma : qualche immagine della pista su  Itinerario 45 e Tevere Sud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: