jump to navigation

Buona sosta a tutti ottobre 2, 2008

Posted by degradodiroma in Accampamenti, Degrado, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Andrea Santosuosso

Una campagna elettorale spesa, giocata e vinta spingendo sul tema della sicurezza e del decoro urbano, l’impegno a risolvere aspetti e problemi legati alla presenza di insediamenti nomadi nel quartiere… e adesso che le elezioni sono passate ?
All’interno del parcheggio della Stazione di Monte Mario, un parcheggio di scambio auto-treno urbano FM3, un’area che deve servire ad invogliare i cittadini ad utilizzare i mezzi pubblici lasciando a casa l’automobile ecco che spunta la presenza di un nuovo piccolo campo sosta per ora composto da 4 camper disposti a cerchio e un camion con raccolta di rottami di ferro.
Ecco il nuovo che avanza senza soluzione di continuità col vecchio che ci ha lasciato…
Buona sosta a tutti.

 

 

Commenti

1. teimate - ottobre 2, 2008

Purtroppo è così. A Tor di Quinto, nella strada laterale lungo la pista ciclabile e prima dei campi sportivi stanno ricostruendo un villaggio (baraccopoli), a poche centinaia di metri da quello dismesso urgentemente dopo il ben noto fattaccio.

2. daniela - ottobre 2, 2008

State tranquilli, ora ci penserà Ramona Badescu – neo consulente del Sindaco per i rapporti con i rom – a risolvere la situazione. Dopo essersi prodigata per l’inserimento dei poeti rumeni nei programmi ministeriali delle scuole, sistemerà la questione Rom.

3. degradodiroma - ottobre 2, 2008

Che i Rom tornassero ad essere nomadi era un evento che ci si doveva aspettare. Le recenti azioni effettuate dall’amministrazione capitolina, censimento rom, censimento dei campi, allonamamenti ed espulsioni .. hanno dato vita a fenomeni nuovi, uno fra questi il ritorno della mobilità che nei recenti anni si traduceva in stanzialità, vedi Casilino 900.
Pensare che d’incanto i Rom possano sparire dalla nostra vista, mi sembra oggettivamente impossibile.

Vorrei fare un paragone, senza comunque creare inutili e sterili fraintendimenti.

Ma se nella mia cucina si è formato un formicaio, posso adoperarmi per allontanare le formiche ospitate e questo lo posso fare anche amichevolmente, magari con delle azioni di disturbo. Queste dapprima si sposteranno, e poi torneranno o nel loro luogo di origine o si riassembreranno creando nuovi formicai.

Per distruggere il formicaio, vecchio o nuovo che sia, e quindi per non vedere più in giro nella mia cucina alcuna formica dovrei usare degli insetticidi.

Ma il problema è, da quanto tempo il formicaio era lì e non me ne ero accorta ?
Ed ancora, perchè si è formato quel formicaio ?

A queste domande c’è una risposta.
Le formiche sono arrivate nella mia cucina perchè non ho pulito abbastanza o perchè non ho controllato abbastanza, ed ho quindi, per mia incuria, lasciato che il formicaio si espandesse.

Ora posso certamente decidere di non avere più formiche nella mia cucina ma devo dapprima eliminarle e poi vigilare perchè non ritornino oltre al fatto che questo lavoro dovrò certamente reiterarlo per assicurarmi la loro totale sparizione.

Insomma lavoro ce n’è tanto e bisogna anche decidere che mezzi usare, ma certo non posso pretendere che d’improvviso il fenomeno sparisca al mio orizzonte.

Laura

4. libertyfighter - ottobre 2, 2008

Vorrei far notare che Alemanno ha appena aumentato le tariffe dei parcheggi a pagamento. Nonostante la campagna x la viabilità e tutte le altre menate di propaganda. Vorrei far notare ancora che ci sono più auto che parcheggi e che quindi è impossibile parcheggiare senza commettere infrazioni e che il Comune guadagna con le infrazioni per divieto di sosta. Alemanno non sta facendo nulla per la viabilità anzi, si sta prodigando per aumentare gli incassi comunali dovuti all’indotto da mancanza di parcheggi e viabilità.
Estremamente deluso ed incazzato.

5. Andrea Santosuosso - ottobre 2, 2008

Senza scomodare il mondo degli insetti e degli insetticidi io credo che il caso in questione sia molto più semplice da affrontare e da risolvere. Non serve cercare le cause scavando nel passato altrimenti tra 3 anni staremo ancora qui a questionare se la responsabilità sia o no di Veltroni o di Alemanno. Quello che mi domando è: come può un gruppo di persone decidere di occupare suolo pubblico sottraendolo ad un’area di parcheggio di scambio senza che un vigile, un carabiniere, un poliziotto o magari un militare (visto che adesso abbiamo anche quelli…) intervenga? Per far andare via 4 camper (da questa mattina nel frattempo sono diventati 5) non serve cercare le responsabilità, serve la VOLONTA’ di affrontare i problemi.
E’ questa che purtroppo manca.

6. degradodiroma - ottobre 2, 2008

OT :
Tariffe ridotte per parcheggi brevi, aumento al centro
(ANSA) – ROMA, 14 SET – Da domani tornano le strisce blu a Roma: ma ci saranno tariffe differenziate e agevolazioni per i lavoratori.I lavoratori che parcheggiano per un lungo orario possono scegliere tra pagare giornalmente 4 euro per 8 ore oppure 70 euro al mese. Per le soste brevi (15 minuti) si pagano 20 centesimi. Aumenta da 1 euro a 1,20 la tariffa nella ztl (zona a traffico limitato). Parcheggio gratis davanti agli ospedali e per le auto elettriche.

Laura

7. Pietro T - ottobre 2, 2008

A leggere certa stampa http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=295047 sembrerebbe che le forze dell’ordine starebbero comunque operando nell’area, sia pur a rilento.

8. daniela - ottobre 2, 2008

Se voglio andare a fare un giro in centro, turistico o shopping che sia, e voglio avere la comodità di arrivare con la mia bella macchinina, trovo giusto pagare il parcheggio perchè potrei anche fare uno sforzo e non intasare il lungotevere (in caso di shopping vorrei spendere due parole sulla “comodità” di salire con buste e bustine sugli autobus sempre zeppi di gente…).
Se voglio andare a trovare nonna a piazza Verbano (una delle tante piazze e piazzette di un quartiere che centro non si può proprio definire, nemmeno è zona commerciale) perchè devo pagare?
Lavoro vicino al Policlinico: il parcheggio gratis dovrebbe essere riservato ai fruitori dell’ospedale – invece è utilizzato principalmente da chi lavora nei pressi per parcheggiare gratis. Chi controlla?
Buona idea delle tariffe giornaliere o mensili.
Ripeto però che secondo me sono troppe le vie assoggettate ai parcometri.
Ma poi non dovevano “liberare” il 20% dei posti?

Forse mi sbaglio, forse non ho visto bene, a me sembra che da quando ci sono i militari a presidiare gli obiettivi sensibili ci siano in giro meno macchine della Polizia e dei Carabinieri.
Anche di Vigili Urbani ancora non ne ho visti molti di più in giro.
La mattina percorro Via Tiburtina dalla tangenziale al Verano ed è una sequela di camion in doppia fila a scaricare finestre e porte ai rivenditori che sono presenti in quella zona. E si formano file kilometriche!
Io spero sempre…….critico ma spero.

9. degradodiroma - ottobre 2, 2008

Per Teimate. Pietro al commento 7 già comunicava la notizia, io la ritrasmetto prelevandola da “Il Messaggero” : Tor di Quinto, sgomberati 3 campi.
Il post comunque riferisce ad un’altra località.

Laura

10. Albert1 - ottobre 2, 2008

Inizio con un saluto circolare, era un po’ che non mi affacciavo…
Chi mi conosce (anche solo “virtualmente”), sa bene come la penso sull’argomento nomadi-rom-zingari-gitani-migranti o comunque essi si identifichino, e posso dire di avere una certa esperienza in merito.
Quello segnalato da Andrea è (fortunatamente) solo un temporaneo stanziamento: di solito i camper non vengono tenuti fermi per molto tempo. Questo non vuol dire che la cosa vada sottovalutata, perché un “accumulo” di questo tipo può preludere alla formazione dei dintorni di un vero e proprio campo, diciamo una specie di “esplorazione preventiva”: quando è così, bisogna tenere d’occhio le eventuali zone verdi nei dintorni, dove è probabile che comincino a venir su le baracche.
Se la domanda è “perché non si fa niente davanti a queste cose”, purtroppo la risposta è: “perché non c’è niente da fare”.

Triste ma vero.

Se nell’area è consentito il parcheggio gratutito e senza limiti di tempo, se i mezzi sono in regola (e occhio, perchè di solito quelli che girano con i camper hanno tutto a posto per benino, gli ho visto pure il bollino blu), non si può fare assolutamente niente. E non dipende dal Sindaco, né dal Presidente del Consiglio, né da quello della Repubblica. Anche perchè, se pure uno volesse forzare la mano e trovare il cavillo dovrebbe vedersela con l’opera nomadi al completo e con accuse di razzismo e minacce di denuncia di fronte a qualche alto commissariato per i diritti umani.

Purtroppo il problema non è di facile soluzione: posso dire che perlomeno con la nuova amministrazione gli si sta dando peso (magari non ancora quello giusto, ma meglio di prima), anche se da qui a risolverlo ne passa.

Mi piace la metafora delle formiche, Laura. Posso aggiungere che una volta entrate non te ne liberi mai più veramente ? Possono spostarsi, non farsi vedere per un po’, magari per mesi, ma prima o poi te ne rivedi una che passeggia sul piano della cucina, e nel giro di una notte c’è di nuovo l’esercito al completo. Io ho imparato a conviverci, alla fine (stando in campagna e al piano terra non c’è modo di sfuggire), le tengo sotto controllo, pulisco più del dovuto 😉 , tengo tutte le cose appetibili in barattoli ermetici, ma qualcuna in giro c’è sempre. Gli zingari ? Uguale. Sto imparando a conviverci. Finchè restano pochi…

11. Loredana - ottobre 2, 2008

Purtroppo quando si fa una campagna elettorale si dovrebbe avere davanti il bilancio del comune e poi promettere. Perché i comuni hanno delle spese e non possono permettersi di abbatterle,per cui quasi sempre quel che è stato avanzato prima delle elezioni poi fa ii conti con la dura realtà. E hai voglia a dar credito ai buoni propositi.
Personalmente aspetto ancora un altro po’ prima di iniziare a criticare premesso che Roma è una città grande,dai tanti problemi e non è certo facile tenerle testa. Se anche c’è volontà di risolvere certe
questioni non lo si fa dal giorno alla notte!
Detto questo il problema esposto da Andrea sui campi nomadi è un dejà-vu. Li si debella facendogli giocare la carta; vuoi essere nomade o vuoi essere stanziale? Se sei nomade nomadi….ti do sei mesi di tempo per goderti Roma da “turista” e poi te ne vai altrove. Chiedi il visto per entrare,e la vidimazione ogni volta che ti sposti di accampamento in modo che non ti perdo di vista.Sulla tua roulotte attacchi un bel bollone (non vedo perché il cittadino deve esporre il contrassegno dell’handicap che è pure un dato sensibile e loro no) che indichi la data di scadenza del permesso.E non puoi rientrare in Italia per più di un certo numero di volte consecutive oltre le quali o chiedi di diventare stanziale oppure non puoi rientrare prima di un certo periodo. A questo punto se decidi di diventare stanziale,devi avere documenti,mandi i figli al scuola….etc.etc…

Sono idee e mi pare che qualcuno abbia scritto altrove che in Francia si fa così…

12. Andrea Santosuosso - ottobre 2, 2008

Scommettiamo che se però io mi piazzo con un camper in qualche parcheggio del centro (magari nei “quartieri alti”) facendo il bucato e spargendo immondizie dopo un po’ mandano i vigili a cacciarmi via?
La verità è che come al solito le periferie vengono abbandonate a se stesse in nome dell’immagine e il centro della città viene curato meglio. Da questo punto di vista non è cambiato nulla.
Tanto per dirne una, ci sono i famosi “soldatini” a Via della Camilluccia e a Via Cortina d’Ampezzo, ma dalle parti di Monte Mario vecchio c’è il deserto.
P.S. credo che poi la sosta sia autorizzata per massimo 15 gioni e le foto le ho scattate il 21 settembre, calcolando che erano là da almeno due settimane siamo ampiamente fuori tempo massimo. Volere è potere, ma qui c’è molta voglia di potere e poca volontà.

13. Andrea Santosuosso - ottobre 2, 2008

Allo stesso modo vorrei segnalere la permanenza di un bel gruppetto di uomini che bivaccano all’interno di un piccolo parco a Via Chiarugi (50 metri da dove ho fatto le foto).
Ho segnalato il “campeggio” questa estate nel corso del mese di agosto avvertendo con DECINE di telefonate Polizia, Carabinieri e Vigili Urbani. Nessuno è intervenuto. Ho scritto al Messaggero che ha pubblicato un piccolo articolo, ho scritto all’Assessore che mi ha risposto che il problema sarebbe stato affrontato, ho scritto alla sezione di un noto partito di quelli che hanno vinto le ultime elezioni a Roma…
Morale? I campeggiatori ancora là ma adesso almeno in buona compagnia (i camper) da ridere…
😉

14. Albert1 - ottobre 2, 2008

Andrea, sfondi una porta aperta (odio questo modo di dire ma è così vero)…
Tieni presente che ho smesso anni fa di girare in camper proprio a causa dell’impossibilità di fermarmi liberamente senza essere attaccato da iperzelanti vigili di provincia che magari averceli a Roma.

E’ pur vero che (come quasi tutti noi) gli zingari “risiedono” in periferia e “lavorano” al centro, dato che cercar casa in centro è da pazzi, per loro come per noi: i campi quindi si formeranno necessariamente in periferia.

Spiego meglio il mio punto di vista: vivo e lavoro in una zona che da tempo immemore è afflitta dalla questione nomadi (bosniaci e slavi in genere prima, romeni poi, tutti insieme adesso – “All Together Now”, come cantavano all’epoca i Fab Four e adesso che la TIM ci ha sfatto gli zebedei con lo spot quella canzone non ce la faccio più a sentirla).
La mia “zona” si identifica con le stazioni “Magliana” e “Muratella” della linea FM1, e si sa cosa vuol dire questo.
Le ho viste tutte e ne ho subite alcune: furti, rapine, aggressioni, svaligiamenti di uffici, spaccio, zozzerie inimmaginabili, eserciti di topi, incendi, nubi tossiche e chi più ne ha più ne metta.

In 15 anni avrò comunicato con le autorità (tra denunce, esposti, segnalazioni, petizioni) almeno una cinquantina di volte senza ottenere – mai – niente. Un fico secco. Nulla. Nada.
Unica cosa degna di nota (sotto la scorsa amministrazione) lo sgombero forzato e forzoso dell’immensa cittadina sotto la Roma – Fiumicino (3.000 anime) a quanto pare eseguito solo dopo pressioni inenarrabili da parte di lobby ambientalistiche (si legga: finchè svuotano il magazzino a me va bene, ma guai se inquinano il Tevere).
Devo dire che invece, da quando è cambiata giunta (e bada bene, parliamo sempre di periferia), queste cose vengono prese un po’ più sul serio: se chiamo perchè via Testoni (staz. Muratella) è al buio, due giorni dopo torna la luce, e adesso spuntano pure le telecamere. Rivedo i Carabinieri, la Polizia, quando vengono nei campi è per portarsi via qualcuno, non tornano mai a “mani vuote”. Ripeto siamo (molto) lontani dalla soluzione, ma almeno qualcosa si muove: se poi sia fatto per mera convenienza o per motivi di “facciata” poco mi importa. Quello che mi interessa è che prima o poi si torni a vivere in una maniera sostenibile: non chiedo chissà cosa, mi basterebbe una qualità della vita tipo quella di Bucarest.

15. Albert1 - ottobre 2, 2008

Aaaargh.
Sono finito in coda di moderazione…
Eppure non avevo scritto neppure una parolaccia ! 😉
Laura, ripescami, per favore!

16. Loredana - ottobre 2, 2008

Infatti noi diverso dalla Francia che abbiamo?
Che loro quando una cosa gli va storta si fermano con l’auto in mezzo alla strada e ti dicono “o mi risolvi” il problema subito oppure da qui non mi schiodo.
Dovremmo prendere ciascuna una tenda da campeggio e metterci accanto agli zingari, quando arriva il vigile,il poliziotto,o chi per lui (come arrivava la mattina sotto casa mia quando avevo girato due ore senza trovare parcheggio) gli dici perché lui si e io no?
La tenda non ce l’ho se me ne procurate una appena ho due o tre giorni di ferie….

17. degradodiroma - ottobre 2, 2008

Giro di saluti a tutti e .. ad Albert1un +1 😀

Secondo me “le grandi manovre” sono iniziate, perchè c’è la volontà a cambiare le cose che si erano incancrenite.
Se così non fosse, oggi non avremmo letto la notizia su Tor di Quinto (commenti 7 e 9), cioè si torna anche su luoghi che erano stati in precedenza bonificati.

Poco ? Troppo poco ?? Zero ???

Rispetto al nulla anche lo Zero ha una sua dignità.

Laura

18. degradodiroma - ottobre 7, 2008

Questa segnalazione l’avevo trasmessa a Fabrizio Santori, per competenza, e questa che segue è la sua risposta.
Laura.
—————————————
PURTROPPO SIAMO BLOCCATI DAL PREFETTO FINO AL 15 ottobre ’08 PER IL CENSIMENTO

POLIZIA MUNICIPALE AVVISATA E SOLLECITATA COMUNQUE SONO STATI PIU’ VOLTE A CONTROLLARE QUESTI SIGNORI MA NON POSSIAMO MANDARLI VIA FINO A QUANDO IL PREFETTO NON DA’ L’OK

Ti tengo aggiornata
Fabrizio
—————————————

19. Grandi miracoli « Il degrado di Roma - novembre 6, 2008

[…] giorni fa in un post di Andrea Santosuosso (Buona sosta a tutti) veniva denunciata la presenza di un campo rom, zona stazione Monte Mario, organizzato dalla sosta […]

20. anna - novembre 14, 2008

giorni fa ho contattato gli amministratori del xix municipio segnalando la il problema. mi hanno risposto che sono al corrente della cosa e che hanno predisposto un’ordinanza che vieta la sosta dei camper nel parcheggio di monte mario. resta il dubbio su chi debba far rispettare questo provvedimento e in che modo. se ci si limita a porre dei cartelli non credo proprio che il problema venga risolto.

21. Andrea Santosuosso - novembre 14, 2008

Devono farlo rispettare i Vigili Urbani, su questo non c’è alcun dubbio.
E bisogna “dargli il tormento” finché non compiranno fino in fondo il loro dovere.

22. degradodiroma - novembre 14, 2008

Per Anna .. segui il percorso tracciato nel commento 19.
Laura

23. anna - novembre 17, 2008

Ho visto, e mi fa piacere. Staremo a vedere!


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: