jump to navigation

Filo diretto con Bologna luglio 21, 2008

Posted by degradodiroma in Confronti nazionali, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Daniele

Ciao a tutti, mi chiamo Daniele, e abito a Bologna, che ci faccio qua ? Guardando questo sito mi pare di notare alcune differenze tra il  “degrado” romano e quello bolognese, del quale sono mio malgrado un esperto. Mi pare di vedere, leggendo i post e guardando le foto che dalle vostre parti si soffra in maniera abbastanza estesa (su tutto il territorio comunale) dei classici casi di:

A) Sporcizia/writers/attacchinaggio abusivo

B) Eterni lavori in corso  (per lo più pubblici)

C) Tante belle parole da parte delle amministrazioni pubbliche seguite da simpaticissimi scaricabarile quando si parla di situazioni reali.

Mi pare di capire che la responsabilità sia un pò di tutti quanti, giovani scarabocchioni (writers) extracomunitari, commercianti che attaccano pubblicità in ogni dove. Insomma la pubblica amministrazione latita o eleva ridicole sanzioni e quindi tutti fanno un pò come gli pare.

In  quel di Bologna il degrado si sviluppa per lo più nel centro storico, negli ultimi 20 anni, in alcune zone sono stati aperti un numero incredibile di locali notturni adibiti per lo più allo sballo giovanile con il risultato di avere intere vie popolate tutte le notti da nugoli di ubriachi urlanti con tutto ciò che ne consegue (pipì e pupù sui portoni, bottiglie rotte, notti insonni ecc..). Il sindaco precedente, Guazzaloca (destra) ha dato pure il via libera  ai dehors  nelle stradine del centro aumentando  lo sballo ed il casino. L’attuale Cofferati (sinistra) eletto per la sua “legalità a tutti  i costi” ha di fatto chiuso un paio di centri sociali situati dove non davano noia a nessuno facendo riversare questa gente dove ? .. ma nel centro storico ovvio aumentando pure lui sballo ed il casino. Il commercio alcolico notturno ? Intoccabile!! Destra e sinistra si trovano d’accordo, centinaia di locali sotto casa della gente che fatturano solo sulla vendita di alcool nulla hanno a vedere con le folle che girano festanti per le vie di notte !! Voi non avete questi problemi ?  I vostri “commercianti notturni” non creano disagio ? Se è così spiegatemi il trucco che lo insegno a Cofferati  🙂

Commenti

1. Poliscor - luglio 21, 2008

Caro Daniele,

fortunatamente (per me) vivo in un tranquillissimo quartiere di periferia dove la notte non si sente volare una mosca, quindi forse non sono il piu’ adatto a risponderti. Ma Roma, come immaginerai, ha il suo bel centro storico condito da locali notturni (concentrati piu’ nella “periferia” del centro), ritrovi tradizionali di “allegre comitive”, bivacchi, sciami di ubriachi urlanti e piscianti, tappeti di vetri rotti, cartacce, lattine. Lo scempio dei muri, poi, e’ esteso a tutta la citta’, nessun metro quadrato escluso.
Una “ricetta”, dici? Te lo sapro’ dire tra un annetto o giu’ di li’, quando Alemanno avra’ avuto un minimo di tempo per mettere in pratica quei buoni propositi che paiono animarlo.
Per ora, un effetto pare esserci stato: al posto degli zingari lavavetri ora abbiamo dei saltimbanchi giocolieri. Almeno i parabrezza sono salvi.

2. Degrado Esquilino - luglio 21, 2008

Ho passato alcuni giorni per lavoro a Bologna lo scorso gennaio e l’ho trovata in smagliante forma. A parte gli eccessi della bologna studentara (in riduzione) ho trovato una città pulita, ordinata, in cui funzionano i mezzi pubblici.
Si consiglia ampio servizio di bike sharing: che cavolo aspettano????

3. manuele - luglio 21, 2008

della desolante situazione di Bologna ne sono a conoscenza già dal 2002 (quando ancora privo di forte spirito di osservazione e senso critico, avevo comunque notato la sporcizia generale, soprattutto nei pressi dell’università..) ma ritornandoci negli anni la situazione non è mai drasticamente migliorata.. infatti l’anno scorso, parlando con Vittorio Sgarbi (che tra l’altro si è laureato proprio lì) gli avevo detto testuali parole :
<> e lui: <> 😦

4. manuele - luglio 21, 2008

..professor sgarbi, sa che c’è una città più imbrattata di Milano ? ..quella città è Bologna !
e lui : lo so, lo so..

5. Liliana - luglio 21, 2008

Allora concludo che la sporcizia sia ” in the eye of the beholder ”
negli occhi di chi la vede! Liliana USA

6. degradodiroma - luglio 21, 2008

Come in posta ho già scritto a Daniele, Roma ha San Lorenzo e Trastevere, nell’analoga situazione di Bologna.
Come testimoniano questi 2 vecchi post : San Lorenzo e
San Lorenzo non è Gardaland.

Laura

7. Les - luglio 21, 2008

Salve Daniele,
gli effetti del degrado urbano sono simili in tutte le città e per quanto riguarda Roma la colpa maggiore è degli stessi cittadini di nazionalità italiana.Io credo di comportarmi civilmente ma il 90% dei miei concittadini romani è incivile e spesso non se ne accorge nemmeno.Dalle strade piene di mozziconi di sigarette ai muri dei palazzi letteralmente ricoperti di tag fino al primo piano (serrande comprese); dalla segnaletica stradale danneggiata oppure obsoleta fino ai tetti invasi da selve di antenne da cui fuoriescono decine di fili che ricadono giù lungo i palazzi per entrare negli appartamenti.
Tutti questi segni di inciviltà sono da addebitare perlopiù ai romani e alle istituzioni che (non) li governano.
—-
Oggi navigando in rete ho scoperto un altro blog che sicuramente conoscete, http://degradoroma.giovani.it, devo dire che l’ho trovato interessante e ben fatto.
Leggendo l’impostazione di un topic ho avuto la sensazione che sia orientato politicamente a sinistra mentre guardando i link presenti su questo blog penso che il blogmaster sia orientato a destra.
Trovo che nei blog che si occupano del bene comune esprimere le preferenze in campo politico aiuti la discussione sgombrando il campo da polemiche ambigue.
Io ho una formazione di sinistra ma oggi mi sono spostato un pò a destra, posso definirmi un “democratico repubblicano” oppure un “repubblicano democratico”.
Laura, ti do del tu sperando che non ti offenda, tu mi hai risposto scrivendo

“Oggi comunque siamo tutti in trepidante attesa perchè se può essere vero che “la problematica del decoro urbano non abbia colore politico”, il recente cambiamento alla guida della città ci fa ben sperare o se preferisci … “sognare”.”

Magari la giunta Alemanno facesse qualcosa per il decoro urbano, il fatto è che oltre al problema degli insediamenti abusivi di rom e vagabondi finora non ho sentito una parola sulla piaga dei graffiti, io spero vivamente che prima della fine del mandato la giunta Alemanno organizzi almeno una campagna mediatica per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del decoro urbano.
Come ha già detto qualcuno su questo blog sono passati solo pochi mesi dall’elezione di Alemanno e non si può pretendere tutto e subito, anche questo è vero.
Spero che la giunta concentri parte della sua azione nel contrastare i writers, anche quelli politicizzati sia di sinistra che di destra, che imbrattano la città con i loro proclami pieni di odio e intolleranza verso il “mondo moderno”.
—-
Sull’altro blog che vi ho segnalato il blogmaster difende la Festa del Cinema.
Io, da appassionato di musica e cinema quale sono, gli ho così risposto:

“Io ho a cuore la cultura e mi spiace che fino a pochi mesi fa la destra romana ne abbia spesso parlato in termini dispregiativi però non mi trovo d’accordo con la difesa della Festa del Cinema come se fosse una risorsa irrinunciabile di Roma in termini culturali e finanziari.
Per stare al passo con il resto d’Europa Roma deve diventare una città più pulita perché il decoro urbano è uno dei principali standard che incidono sulla qualità della vita quotidiana, sia dei romani che dei turisti.”

Anche qui consiglio un articolo apparso su cnn.com:

http://www.cnn.com/2008/WORLD/europe/07/18/naples.garbage/index.html

La cosa più importante sono i commenti dei turisti stranieri, leggeteli, sono impressionanti e riguardano anche Roma.

8. Andrea Rossi - luglio 21, 2008

In periferia dove abito i prolemi vengono dai rumori ipermolesti dei motorini modificati che scorrazzano indisurbati considerata la cronica assenza dei vigili urbani, d’estate con le finestre aperte si fa fatica a dormire, e meno male che c’e’ l’obbligo di revisione…

9. manuele - luglio 23, 2008

ho letto i commenti all’articolo della cnn.. che figura ! ma d’altronde lo sapevamo già che quasi tutti i turisti che vengono in vacanza in Italia se ne vanno via disgustati ed insoddisfatti.

10. daniele - luglio 23, 2008

Ringrazio Laura per la pubblicazione del mio…. “sfogo”. Preciso che le foto non sono mie, ma provengono da flickr (foto 1 e 3) (tag pratello) e da un concorso fotografico di repubblica sulle vie di Bologna (foto 2) e sono i ogni caso pubbliche. Ringrazio tutti i commentatori che giustamente sottolineano come…. “tutto il mondo è paese”. Il problema è comune in molte città d’Italia ed è indipendente dal colore politico alla guida. Il nocciolo sta nell’educazione e nella gestione della “cosa pubblica” vista oramai come business da entrambi gli schieramenti, sempre più distanti dalle realtà concrete. Da una parte c’è il “pacchetto sicurezza”… dall’altra tagliano le volanti e riducono le forze dell’ordine, quello che oggi è un delinquente domani assume il ruolo di perseguitato dalla magistratura, troppa politica fine a se stessa, troppe norme propagandistiche e troppo poco “rispetto delle norme”.
Un esempio su tutti: dopo aver previsto robusti tagli all’operatività delle pubbliche amministrazioni, sanità,istruzione e soprattutto forze dell’ordine, al dl 112/98 in fase di conversione in legge è previsto l’annullamento del tetto degli stipendi dei dirigenti pubblici fissato a 274mila euri l’anno… poverini ora lo RADDOPPIANO…… Una strana coincidenza è anche che la sorella del primo cittadino di Roma è stata nominata 1 mese fa dirigente di 1° fascia…….. E noi a prendercela con gli impiegati pubblici da 1200 euri al mese…. continuiamo pure a vedere il dito e non la luna….
Daniele

11. manuele - luglio 23, 2008

ho mandato il link di questo post al sindaco Cofferati..


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: