jump to navigation

Spendere 26 milioni di Euro maggio 18, 2008

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Fabrizio Santori

ROMA , NOMADI: QUANTO COSTANO I CAMPI AUTORIZZATI

ECCO COME VENGONO SPESI 26 MILIONI DI EURO IN UN ANNO

Santori (PdL) : “ I nomadi contribuiscano alle spese dell’amministrazione”
“Spendere 26 milioni di euro per la gestione di 27 campi nomadi autorizzati e l’assistenza dei 5mila 227 rom che vi abitano ci appare una cifra esorbitante che l’amministrazione deve in tempi brevi cancellare” È quanto dichiara, Fabrizio Santori (PdL), consigliere comunale di Roma, che rende noti i dettagli dei costi sostenuti dall’amministrazione per la gestione dei campi nomadi autorizzati della Capitale nell’anno 2006 e aggiunge “spesso tale solidarietà non ha ripagato i cittadini romani, proprio i campi nomadi in questi anni sono stati il fulcro di attività illegali e il rifugio di altri cittadini dediti alla microcriminalità , non è un caso che il controllo della scorsa notte all’interno del campo di Via Salone, che ha portato al fermo di 50 persone, ci risulta abbia scovato una donna rom già arrestata e denunciata per rapimento di minore”.

“Il nostro obiettivo – continua Santori – è quello di recuperare e destinare tale voce di spesa alle esigenze primarie delle famiglie romane e allo stesso tempo studiare un sistema di collaborazione dei nomadi alla pulizia e alla manutenzione del campo, prevedendo un contributo economico per coloro i quali sostano nel campo”.

“In questi anni è quintuplicato il business dell’accoglienza ma è necessario pianificare interventi di assistenza per i nomadi in linea con le esigenze prioritarie dei cittadini romani che chiedono una giustizia sociale che appare dimenticata dalle istituzioni, – conclude la nota – oltre alla riduzione e allo spostamento dei campi, come luoghi di soggiorno temporaneo e rispondenti per igiene e manutenzione ai valori insiti alla dignità della persona, al di fuori dei centri abitati sfruttando aree agricole, anche private e non utilizzate, anche in deroga all’osservanza delle destinazioni d’uso stabilite dagli strumenti urbanistici generali”.

Fabrizio Santori dossier Costo Nomadi

Commenti

1. fabio - maggio 18, 2008

A me sembra una cifra esorbitante, anche per 26 campi rom.
È scandaloso. Come sono stati spesi? Con 26 milioni di euro si potevano fare politiche sociali per eliminare i campi e introdurre nella società, con assiduo controllo, i rom regolari.

2. degradodiroma - maggio 18, 2008

Fabio, se clicchi sull’ultimo rigo del post avrai la risposta alla tua domanda.
Ciao.
Laura

3. fabio - maggio 18, 2008

Grazie, ho letto. La maggior parte della spesa è per la manutenzione dei campi…

4. Anna - maggio 18, 2008

Anni or sono, spinta da una voglia incredibile di volontariato estremo decisi insieme ad un gruppo di amici di andare a fare volontariato presso il campo nomadi a tor de cenci…
Il campo nomadi allora aveva all’entrata il presidio di un agente della municipale per controllare chi entrava e chi usciva (???!!!).
Avuta l’autorizzazione da questo guardiano andiamo con i volontari che già operavano li dentro per conoscere meglio questo microcosmo!
Degrado, sporcizia, abbandono…
il bello è che loro adorano stare così, non vogliono che si faccia nulla per migliorare il loro status.è nel loro DNA stare in quelle condizioni, solo pochi di loro vogliono provare a fuggire da li, a farsi una vita normale, ma vengono “diseredati” dalle loro famiglie, allontanati come appestati, denigrati per aver tradito i valori ROM.

ho fatto un solo giorno di volontariato…sono stata aggredita, derisa, e maltrattata…ma chi me l’ha fatto fare a me di andare li a fare volontariato dove a nessuno interessa???????
fosse per me smantellerei tutto e farei di loro dei veri rom, gitani, non stanziali!

5. nicoletta - maggio 18, 2008

invece no, cara anna! perché questa tua esperienza è importantissima, e andrebbe sbattuta in faccia a tutti quelli che ancora si ostinano a vedere in questa gente delle povere vittime, costrette a rubare perché noi italiani razzisti e xenofobi non diamo loro lavoro. costrette a vivere in baracche immonde perché noi italiani e xenofobi non diamo loro case. costrette a mandare i figli a mendicare perché noi italiani razzisti e xenofobi non facciamo niente per integrarli… e così via…
io non so voi, ma io sono schifata da quello che sta accadendo. dalla spagna che si permette di straparlare sulla nostra politica (loro! che ai clandestini sparano!) al “riformista” che titola LE LEGGI RAZZIALI all’indomani delle prime notizie sul pacchetto sicurezza di maroni, e via dicendo. condanno quello che è accaduto a napoli, ovvio! ma da qui a fare di questa gente delle povere vittime ce ne passa…
sono anni che si dice che prima o poi la situazione sarebbe esplosa, perché la gente è stufa, perché lo stato è latente.
meglio che mi fermo, va…

6. Andrea Rossi - maggio 19, 2008

Io credo che questa ridicola sinistra che farnetica continuamente sia destinata a sparire, la gente comune vive ogni giorno sulla propria pelle una realta’ che politici e giornalisti non conoscono minimamente chiusi come sono nei loro salotti ben frequentati, la gente e’ stufa e vuole semplicemente legalità e fermezza, il razzismo non c’entra assolutamente nulla.

7. johnny - maggio 19, 2008

Io che non mi ritengo di sinistra invece sono sempre piu sconcertato dalla visione ottusa di fascio-terroni che non hanno mai messo la testa in un altro paese europeo e non sanno minimamente il significato di democrazia.

Il più grosso difetto dell’italiota medio è proprio questo; non avere una cultura liberale e democratica che si basa proprio sui diritti elementari di TUTTI.
Problemi se si voglio risolvere si devono affrontare alla radice e non con il razzismo spicciolo e sopratutto va prima fatto un esame di coscienza e valutare quanto si possa essere ipocrita:
– gli zingari sono per oltre il 40% italiani
– gli zingari sono il braccio manovale della criminalità organizzata
– gli zingari alimentano l’indotto degli sfasciacarrozze e dei meccanici per i pezzi di ricambio delle auto
– gli zingari non rom ma di etnia italiana controllano roma e le elezioni avendo in mano il 25% di societa di finanziamento e prestiti
– il clan dei casamonica il ceppo piu potentedei zingari italiani ha in rappresentanza 3 concessionarie di auto sportive la 4a è stata chiusa perche il socio era Pippo Calò il cassiere dlela banda della magliana legato al clan dei siciliani e co fondatore di ordine nuovo
organizzazione neofascita dietro a forza nuova.
– il 2° clan piu famoso di zingari è quelo dei tredicine proprietari di TUTTE le psotazioni furgoni panini accanto ai monumenti di roma e di tutte le caldarroste presso il centro di roma, quest’anno è stato eletto ed indovinate?? con la PDL di colli albani.

Vogliono risolvere il problema roma spostandoli dopo il raccordo anulare ed i centri abitati?? Bella soluzione eh?? Ma ci avete pensato??
Hanno lasciato sfogare la gente, giustamente esperata, e poi il reato di clandestinità dopo il primo annuncio è stato soppresso come mai?? Come mai hanno attuato queste azioni , senza che decreto/legge/articolo o potere sia stato modificato non essendoci ancora un governo??Lo potevano fare prima le forze dell’ordine???
Se vogliono dare + poteri al sindaco signifa che quello precedente non ce li aveva??Rifletutto??

..ed intanto a piazza del popolo alla festa della polizia cani, agenti, blindati…ed in mezzo a tutti c’erano gli indiani con le rose che vendevono tranquillamente….che figurone!!

FORSA ITAGLIA!!!

8. degradodiroma - maggio 19, 2008

Quando si arriva a toccare il fondo del barile, ogni soluzione può andare bene se comincia almeno ad andare nel verso giusto, diciamo che invertire la rotta già serve a qualche cosa, poi tutto potrà essere perfettibile e spero che questo qual cosa non faccia la fine del “pacchetto sicurezza” di Prodi che è vissuto il tempo di una farfalla.

La questione di spostare i campi Rom fuori il raccordo .. veramente già ce ne sono, e ne cito uno che conosco, Capannelle-Ciampino, autorizzato da Veltroni per la felicità dei residenti che periodicamente vivono nei fumi della mondezza e delle gomme bruciate, e se ora invece hanno iniziato lo smantellamento del campo di Via di Salone, che è già fuori di suo, beh ! forse allora le informazioni oltre che essere discordanti sono anche in contrasto con quanto sta accadendo.
Poi ti invito a vedere questo filmato , già proposto da Andrea (quì), tutto, ma di porre particolare attenzione a partire dal 2′:14″ dove vedrai una Rom, che “si distingue” .. e per la quale probabilmente verranno adottati gli stessi principi di democrazia ed integrazione che sono stati offerti a Tredicine.

Ma comunque non capisco .. se si cacciano gli zingari si fa del “razzismo spicciolo” e se si accoglie Tredicine non bisognava fare integrazione ?? … boh !

Forse è più giusto dire che il razzismo, non centra nulla.

Ma Fabio Franceschini che è circondato da un campo nomadi ne sa qualche cosa di più di tutti noi, lui sta vivendo questo dramma sulla sua pelle ed ormai da troppi, troppi anni.

Laura

9. johnny - maggio 20, 2008

Il razzismo c’entra eccome e ci stiamo sputtanando in europa leggete the guardian o der spiegel.
Ma perchè è razzismo??
Perchè quando un problema complesso viene affrontato con risposte semplici il disastro è presto fatto e per questo siamo risibili agli occhi dell’europa e del mondo.

Premessa:
– e’ giusto introdurre il reato di clandestinità
– è giusto non rendere stanziale chi si proclama nomade
– è giusto innalzare per gli stranieri gli anni ed i requisiti per ottenere la cittadinanza

MA
per realizzare tutto ciò servono
PRIMA
regole certe e precise
CHE IN ITALIA NON ESISTONO!!!

Per imparare a nuotare bene devi riuscire a farlo al mare.
MA PRIMA
1 devi allenarti conla ciambella in piscina
2 devi cominciare a nuotare a 3 metri di profondita
3 vai al mare

Se salti i primi 2 punti imputando la colpa alle paure, alle inefficienze del governo prima, alle risposte dei cittadini
i risultati ….sono veramente imbarazzanti.

Quindi se il tuo obbiettivo è giusto ma usi metodi errati
nasce il razzismo e pure pesante perchè a quel punto
ci saranno immigrati e clandestini di serie a o serie b
ed il primo cretino al bar che vede passare uno straniero
non sarà piu in grado di distinguere se regolare o meno.

L’itaglia agli itagliani…ecco il proclamo che oggi è di moda
il solo nominarlo in europa sarebbe perseguito come xenofobia …

una nazione europea che ha firmato un trattato costituzionale
è chiamata ad i suo obblighi REGOLE CERTE ED OBBLIGHI PER TUTTI INDIPENDENTEMENTE DA SESSO RAZZA O RELIGIONE
ma questo paese di regole non ne ha…

ed allora….qual’e la via piu facile ???

L’accendiamo???


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: