jump to navigation

Presìdio maggio 16, 2008

Posted by degradodiroma in Le mie segnalazioni, Sporcizia.
trackback

Secondo me questa Piazza ha bisogno di un doppio presìdio. Quello della Polizia e quello dell’AMA.

Laura

Advertisements

Commenti

1. Cirilla - maggio 16, 2008

Perchè non ci facciamo sentire con l’AMA sia telefonicamente che via mail?
Ecco cosa riporta il sito del Comune di Roma sulle modalità di contatto dell’AMA:
“PULIZIA DELLA CITTÀ
il numero verde 800867035 per informazioni, segnalazione di disservizi, preventivi per i servizi a pagamento, denuncia di discariche abusive o di siringhe abbandonate, conferimento di rifiuti ingombranti nelle isole ecologiche, altri eventi . Negli orari di chiusura del numero verde, per situazioni di emergenza ed eccezionali, i cittadini possono contattare la Sala Operativa AMA, attiva 24 ore su 24, ai numeri 06.51693339, 06.51693340”
L’indirizzo di mail è: info@amaroma.it

Potremmo mandare una mail con il link del post di oggi.

Ecco la pillola quotidiana di romanità:
“ER DECORO

Pussibbile che ttu cche ssei romanaNun abbi da capí sta gran sentenza,Che ppe vvive in ner monno a la cristianaBisoggna lasscià ssarva l’apparenza!

Co cche ccore, peddio!, co cche ccusscenzaVòi portà scritto in fronte: Io so’ pputtana? Nun ze pò ffà lle cose co pprudenza? Abbi un po’ de ggiudizzio, sciarafana.

Guarda fra Ddiego, guarda don Margutto: C’è bbarba-d’-omo che nne pò ddí ggnente? Be’, e la viggijja maggneno er presciutto.

Duncue sta verità tiettela a mmente Che cquaggiú, Checca mia, se pò ffà ttutto,Bbasta de nun dà scànnolo a la ggente.

Terni, 8 novembre 1832”

E noi facciamolo scoppiare lo lo SCANDALO.
Vostra Cirilla

2. Degrado Esquilino - maggio 16, 2008

L’Ama c’entra, ma in subordine. Sarebbe come mandare i boy scout a combattere la ‘Ndrangheta. Il problema non è nemmeno del sindaco, ma è un problema di stato: ovvero coloro che vendono abusivamente merci per strada vanno durissimamente perseguiti; se clandestini vanno ri-spediti da dove sono venuti e, contestualmente, va multato con la massima fermezza chi acquista tali merci.
Speriamo sinceramente che il nuovo governo (magari sollecitato dal nuovo Sindaco) abbia la volontà politica di risolvere un problema che ESISTE SOLO IN ITALIA (porcavacca!!)

3. Andrea Rossi - maggio 16, 2008

Se non sbaglio si tratta di piazza Risorgimento ovvero una delle piazze piu’ importanti di Roma a due passi da San Pietro, se questa piazza e’ ridotta cosi’ figuriamoci le periferie…

Poi dice che uno si butta a destra.

4. Cirilla - maggio 16, 2008

E’ vero è solo una parte del problema e ringrazio DE per questo contributo costruttivo.

Mi sono soffermata solo su di un aspetto delle percezioni suscitate dalle immagini del post: quelle della sporcizia, non raccolta o “recintata” insieme alle buche o ai lavori in corso.
C’èrano molti altri messaggi da recepire.
Mi permetto di rappresentare un altro problema: quello determinato dal “buonismo”, per la gente comune quando arrivano i vigili urbani ed allontanano gli ambulanti che vendono merci contraffatte, questi ultimi sono poveretti (ed è vero) che vanno difesi. E’ successo a Piazza Trilussa a Trastevere, dove i vigili sono stati circondati dalla gente e spintonati per difendere gli ambulanti. E’ un problema CULTURALE di noi italiani, se rispettiamo la legalità siamo “fessi”, siamo invece “furbi” se compriamo i cd taroccati o film riprodotti ad esempio. Sono d’accordo sulle multe agli acquirenti. Sono d’accordo sul rispedire a casa i clandestini e coloro che hanno commesso reati.
E basta col buonismo pure sulle “badanti” senza permesso che lasceranno soli i poveri anziani: Roma è piena di gente straniera con il permesso di soggiorno che può ricoprire tali ruoli e fatemelo dire anche di italiani, cha vanno pagati secondo i parametri di legge, che possono e vogliono fare questi lavori. C’è sempre qualcuno che vuole fare il ….furbo: non hai il permesso per questo ti sottopago e nonti assicuro….dobbiamo ricordarci che tutti abbiamo uguali diritti, italiani e non.

5. degradodiroma - maggio 16, 2008

Ed uguali doveri, italiani e non.
Laura

6. Andrea Rossi - maggio 16, 2008

Chi e’ favorevole all’immigrazione di rado lo e’ in buona fede, molto piu’ spesso si tratta di gente a cui l’immigrazione fa comodo, fa comodo alle fabbriche del nord che hanno bisogno di braccia, fanno comodo a chi gli affitta le case in nero, fanno comodo agli acquirenti di cd e borse false, fanno comodo alle mafie, fanno comodo ai ricchi che cosi’ hanno sempre la servitu’ che desiderano etc etc…

Pare che ora anche la sinistra si stia accorgendo che la gente e’ stufa e che questo tipo d’immigrazione danneggia soprattutto la gente piu’ povera che abita nelle periferie, troppo tardi pero’…

7. Degrado Esquilino - maggio 16, 2008

Caro Andrea Rossi, sei tutto scombussolato.

1. Se un imprenditore ha bisogno di mano d’opera a basso prezzo e dunque caldeggia l’immigrazione significa che è in CATTIVA FEDE?? Oppure che solamente vuol far girare i macchinari della sua fabbrica e dunque fare il suo mestiere?

2. L’immigrazione NON è un problema in quanto tale (lo dimostra un paese come gli Usa, fatto al 100% di immigrazione. Idem l’Australia o chissà quanti altri). Il problema è il mancato rispetto della legalità. Chi non rispetta le leggi deve pagarla. E cara. Immigrato o italiano.

3. Il raffronto tra piazza Risorgimento e le periferie purtroppo è a vantaggio di quest’ultime. Viviamo dei mesi in cui la situazione nelle piazze di periferia è letteralmente idilliaca rispetto alla condizione del centro storico e della città storica.

8. manuele - maggio 16, 2008

a quando un reportage sul degrado delle sponde ed argini del tevere ?
possibile che nemmeno i graffiti cancellino ??

9. Pablito - maggio 16, 2008

Incredibile come D.E. abbia cambiato toni …ora si è anche convinto della giustezza delle tesi della destra (e comunque anche della lega).
Sono immagini che colgono molto degrado, la sporcizia soprattutto (almeno mio avviso), i vu cumprà (tranquillo D.E. vista la giunta e il governo avranno vita breve…) e si vedono (anche se sono passati inosservati a tutti) i cantieri per la metro C che il buon Veltroni sta facendo costruire ai soliti palazzinari…che stanno gia con il solito ritardo…e che poi all’interno ci piazzeranno i soliti negozi per guadagnare di più…il tutto per il bene di Roma e dei romani !

Per Andrea Rossi, francamente non voglio risp alle tue teorie sull’immigrazione, voglio solo chiederti se per sinistra ti riferisci a Veltroni ?

10. Andrea Rossi - maggio 16, 2008

Degrado Esquilino scrive:

“1. Se un imprenditore ha bisogno di mano d’opera a basso prezzo e dunque caldeggia l’immigrazione significa che è in CATTIVA FEDE?? Oppure che solamente vuol far girare i macchinari della sua fabbrica e dunque fare il suo mestiere?”

Certamente e’ in cattiva fede quando spaccia la sua accoglienza per “carita’ cristiana” mentre in realta’ gli servono braccia a buon mercato, SFRUTTARE LA MANODOPERA fino a prova contraria non e’ cosa buona e giusta, e’ ovvio che ci sono imprenditori che non sfruttano ma non e’ il caso ad esempio di molti imprenditori agricoli del sud italia.

“L’immigrazione NON è un problema in quanto tale (lo dimostra un paese come gli Usa, fatto al 100% di immigrazione. Idem l’Australia o chissà quanti altri)”

Tu scrivi che l’immigrazione non e’ un problema in quanto tale e citi addirittura gli Stati Uniti, incredibile…
Negli Stati Uniti ci sono state e ci sono tuttora tensioni fortissime tra i diversi gruppi etnici, ricordiamoci poi che l’immigrazione negli Stati Uniti dei neri rispondeva in sostanza alla stessa esigenza dell’europa attuale ovvero il bisogno di braccia a costo zero o quasi.

x Pablito

Io sono assolutamente convinto che la buona parte di coloro che a parole si professano tolleranti e caritatevoli in realta’ sono soltanto degli ipocriti che nascondono i loro molto meno nobili fini, non c’e’ nessuna virtu’ in chi a parole e’ accogliente e tollerante, affermare che l’europa ha bisogno degli immigrati lascia trapelare un razzismo strisciante molto peggiore di chi si professa contrario all’immigrazione, gli esseri umani non sono bestie da usare ne macchine senz’anima.
Io mi riferisco agli ipocriti, alle anime belle, ai comunisti milionari che abitano nei quartieri alti, a confindustria che ci invita a comprare prodotti italiani e poi avalla l’utilizzo di manodopera straniera a basso costo o non vede le tante imprese italiane delocalizzate in romania al fine di sfruttare il basso costo della manodopera.

Non esito a dire che di fronte a tali atteggiamenti ipocriti preferisco un onesto partito di destra che apertamente si dichiara contrario all’immigrazione, essere contrari all’immigrazione non ha nulla a che vedere con il razzismo, sono solo le strumentalizzazioni ipocrite di certa sinistra a mescolare le carte in tavola (come ho gia’ scritto a volte i razzisti sono proprio questi importatori di carne).

11. Andrea - maggio 16, 2008

Riguardo il degrado sulle sponde ai margini del Tevere mi permetto di segnalare lungotevere Testaccio e il dramma del marmista Fabio Franceschini per cui siamo impegnati in una raccolta firme ogni fine settimana a viale Marconi. E’ graditissimo il contributo di tutti.
http://grandebugia.splinder.com/post/17123733/Da+pi%C3%B9+di+un+anno+prigionieri

Ciao degrado di Roma, scusami lo spam ma ti assicuro il caso è veramente giunto al limite.

Grazie

Andrea

12. degradodiroma - maggio 16, 2008

Grazie Andrea .. hai fatto bene a lasciare questo commento .. comunque oggi è stato proposto questo Commento su : Critiche al “nulla” da Smemo73, cui ho aggiunto la petizione on-line disponibile per Fabio Franceschini.
Ciao.
Laura

13. smemo73 - maggio 16, 2008

Si, lo scandalo dei rom a testaccio è palese.
Ho già provveduto a segnalare il fatto sia alla polizia municipale sia agli organi del consiglio comunale.

Speriamo di vedere presto il ripristino della legalità in una zona così centrale!

14. Pablito - maggio 16, 2008

Il raffronto tra piazza Risorgimento e le periferie purtroppo è a vantaggio di quest’ultime. Viviamo dei mesi in cui la situazione nelle piazze di periferia è letteralmente idilliaca rispetto alla condizione del centro storico e della città storica.

Ne dubito, cmq ti consiglio di visitare le zone perifieriche e poi ne possiamo riparlare…
A volte sento parlare di questa città storica, sia da veltroni e anche dai giornali, e non capisco…a prescindere che ai sensi della legge per ricevere una tutela per “storicità” occorrono solo 50 anni mi piacerebbe capire un attimino questi confini della città storica ….

Per Andrea,
non voglio fare polemiche , ti do ragione che spesso i perbenisti sono squallidi, a prescindere dalle idee politiche e dallo stato sociale…a proposito chi voleva dare il voto agli stranieri ….?? Cento ? Diliberto ? ah no era Gianfranco Fini…

15. Andrea - maggio 17, 2008

Grazie Laura, ti ho risposto di là.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: