jump to navigation

Opere di alta ingegneria ? aprile 21, 2008

Posted by degradodiroma in Parcheggi, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : M. Rossi

Sono una delle tante cittadine romane “vittima” della malgestione della nostra città !

Vorrei sottoporre un problema che da qualche tempo agita i sonni dei residenti del quartiere Appio Tuscolano, ovvero i lavori di “alta ingegneria” che sono stati eseguiti nel mio e presumo in altri quartieri di Roma (non so su quanti, ma forse a breve su tutta la città).

Noi tutti sappiamo che il problema del traffico a Roma è abbastanza serio, in termini di viabilità, e parcheggio. Ora io, e non solo io, non riesco proprio a comprendere il motivo degli enormi marciapiedi che hanno tolto un buon numero di parcheggi a fronte degli interventi urbanistici che hanno visto il restringimento delle carreggiate, creando inoltre non pochi problemi di viabilità.

In particolare, la viabilità nella zona P.zza Tuscolo, Via Etruria, Via Ceneda, e in tutto il quartiere Appio-Latino-Tuscolano è diventata insostenibile.

Attualmente questi enormi marciapiedi, con angoli sproporzionati, creano pericolo a chi si immette nella strada, sia ai pedoni che agli automobilisti, ma in conpenso sono, “”ben utilizzati””, e imbrattati dai cani.

Viene spontaneo pensare che chi ha progettato tale modifica al suolo pubblico e chi l’ha successivamente approvata non solo non risiedano nelle zone interessate ma probabilmente non abbiano alcuna difficoltà a trovare parcheggio, altrimenti si sarebbero ben guardati dal ridurre il numero dei posti disponibili ai residenti !!!!!!!

Questa “grande opera di ingegneria”, forse nata con l’intento di migliorare le condizioni del traffico e contemporaneamente la vivibilità dei pedoni si è rivelata per noi residenti un ulteriore ostacolo alla possibilità di parcheggiare in tempi decenti con un conseguente aumento di disagio ed irritazione.

Commenti

1. Boyakki - aprile 21, 2008

concordo… anche nella X circoscrizione hanno fatto delle cose terrificanti. Tipo Via Lemonia (via notoriamente ampia piena di parcheggi su cui i residenti delle vie limitrofe potevano contare in caso di carenza di posti) che è stata trasformata in una specie di pista di go-kart strettissima con riduzione dei posti (e c’è pure una scuola, non vi dico che bello il traffico all’orario di uscita), oltre alla solita discutibile pista ciclabile che pare vogliano infilare ovunque. Poi hanno inserito dei sensi unici assolutamente random ed hanno creato inutili marciapiedi ampi, ovviamente altissimi, togliendo decine di parcheggi.
Siamo amministrati da dei pazzi col terrore del mezzo privato.

Saluti
Boyakki

2. Degrado Esquilino - aprile 21, 2008

Segue la lettera che ho scritto al Messaggero dopo aver letto queste cialtronerie pubblicate, ieri l’altro, sul quotidiano romano. Va da se che se è grave la pubblicazione di tali enormità su un quotidiano, è ancor più grava la loro pubblicazione su un blog che stigmatizza il degrado di Roma. La lotta al degrado non si fa dando voce a chi inneggia al parcheggio selvaggio. Ancora una volta, e come sempre, vergognatevi di come interpretate la città.
______

Per carità, fa sempre piacere leggere di cittadini che si disperano per non poter più -a causa di eccellenti interventi urbanistici- esercitare il diritto alla sosta selvaggia. Tuttavia Il Messaggero potrebbe evitarsi di pubblicare lettere inqualificabili come quella del sig. M. Rossi che, nel quadrante Appio Tuscolano, lamenta l’impossibilità -grazie ai nuovi marciapiedi- di lasciare l’auto a casaccio come si faceva prima. La pagina delle lettere dovrebbe servire a tutto fuorché a fare apologia di inciviltà. Evviva, dunque, le strade del quartiere Appio Tuscolano che sono state finalmente dotate di percorsi pedonali europei. Realizzati con gli stessi standard presenti in tutte le città occidentali.

3. degradodiroma - aprile 21, 2008

@2 : Credo che Lei, come al solito, intravede cose non dette, ma asserisce opinioni con la solita fermezza di chi è depositario dell’intero sapere.
Mi riferisco a “inneggiare al parcheggio selvaggio” .. mi scusi ma dove lo ha letto ?
E poi “lasciare le auto a casaccio”, allora ben vengano i vigili e ben vengano i parcheggi. Peccato che nessuna delle due cose sia offerta in questa città.
Laura

4. Boyakki - aprile 21, 2008

Personalmente ritengo che il parcheggio selvaggio sia conseguenza dell’impossibilità di parcheggiare in modo normale. Se nel raggio di 1 km quadrato non si riesce a trovare un posticino per entrare un attimo in un negozio, anche un santo deciderebbe di lasciare qualche minuto l’auto sulle strisce o in locazioni non ortodosse. Non mi venite a dire “beh, allora torna a casa, posa la macchina e prendi i mezzi” perchè in genere le persone lavorano, hanno poco tempo libero e non possono perdere pomeriggi in questo modo.
Concordo sulla discutibilità dei parcheggi selvaggi, ma posso assicurare per esperienza diretta che la situazione lamentata dal sig. M.Rossi è assolutamente irritante. Ridurre i parcheggi non riduce conseguentemente le macchine in circolazione, pertanto queste macchine da qualche parte andranno messe.

saluti
Boyakki

5. Romina - aprile 21, 2008

c’è D.E. competente in materia del nulla, c’è il buon senso, e ci sono gli ingegneri che studiano i raggi di curvatura…

6. superbisco - aprile 21, 2008

Ciao M.Rossi, io abito a Prati e qualche anno fa anche nel mio municipio si è ricorso ai famigerati “angoloni”, per migliorare la sicurezza stradale.

Ti dirò una cosa, una testimonianza oggettiva: gli incidenti in prossimità di piccoli incroci sono passati da una media di 1 a settimana a zero. Nulla, nessun incidente.
Sai perché? Perché gli odiati angoloni, che tolgono circa il 35% dei posti auto, funzionano. Già a qualche metro dall’incrocio vedi perfettamente se arriva una macchina o se passa un pedone e fai in tempo a frenare.

Ti assicuro che tra qualche tempo ti ricrederai sul tuo attuale giudizio negativo. Il problema secondo me, risiede nel numero eccessivo di auto.

Ciao

7. Albert1 - aprile 21, 2008

Tranquillo, D.E., non è grave, poi te passa…
Ma niente niente sei parente di Vittorio Sgarbi ?
No, lo dico perchè da come riesci ad esprimere concetti (in linea di principio anche sensati) in tal maniera da far passare la voglia di ascoltarti sembra che tu abbia fatto scuola da lui.
Sostanzialmente ritengo che:

1) il centro storico della città dovrebbe essere esclusivamente pedonale;
2) dovrebbe essere permesso possedere più di una macchina solo a chi può dimostrare di avere il posto per parcheggiarla a casa;
3) i parcheggi in città dovrebbero essere tutti a pagamento, con agevolazioni (tipo abbonamenti a prezzo ridicolo per residenti e lavoratori della zona) confortate da un aumento (tipo 2-3 euro l’ora) per i visitatori occasionali (chi per esempio va a fare shopping il sabato a Prati).

A fronte di questo, però:

1) Il centro storico dovrebbe essere talmente servito dai mezzi pubblici da non far rimpiangere la macchina, *E* i parcheggi di scambio dovrebbero essere veri e funzionali;
2) I parcheggi privati nelle zone residenziali dovrebbero essere incentivati e protetti;
3) I parcheggi occasionali dovrebbero essere aumentati, non diminuiti come nel caso in oggetto.

E’ inutile, le macchine non le possiamo distruggere, possiamo solo fare in modo che ci sia posto per metterle.

8. fabio - aprile 21, 2008

Si fanno interventi urbanistici sulla mobilità e non si pone rimedio all’origine del problema: AUTOMOBILE.
1° pagamento obbligatorio annuo del servizio trasporto pubblico a tutti i residenti di età superiore agli 11 anni. Abbattimento del prezzo relazionato agli introiti di abbonamento medi precedenti, diviso per la popolazione pagante. Aumento delle corse e dei mezzi su gomma.
Dopo un anno, verificare analisi costi-benefici, flusso di traffico.
Mi pare che non si capisca una cosa semplicissima, le auto continuano ad aumentare e la città è sempre la stessa, perché tutte tendono al centro. Quanto bisogna attendere perché si prenda finalmente la drastica decisione? Quando le auto saranno talmente bloccate nel traffico, da lasciarle sulla strada per far prima a piedi?

9. Degrado Esquilino - aprile 21, 2008

Caro Albert, mi interesso più alla sostanza che alla forma. Esiste, per tua e per mia fortuna, gente che la pensa come me. E che intravvede in quello che dico elementi condivisibili al di là dello stile. Io personalmente diffido, quando esprimo un concetto, da chi guarda il COME lo esprimo trascurando il COSA.

Detto questo gli ‘angoloni’ alle curve sono norma europea. Punto e basta. Non c’è molto da discutere. Le strade vanno fatte così. Per precisa legge comunitaria. Gli angoli non sono proporzionati ma rialzano precisamente quella porzione di strada che comunque non sarebbe stata utile per il parcheggio. Dunque non tolgono alcun posto auto. Tolgono -e molti qui se ne dispiacciono- posti auto illegali ed abusivi.

Sfortunatamente, a fronte delle argomentazioni buone di Albert, mi è toccato di leggere -non a caso in questo sito che tra tante cose buone pur di far piacere ad una parte politica si pone su posizioni indifendibili- anche chi se la piglia con le piste ciclabili. Esempio sommo di civiltà di un agglomerato urbano. Caro Boyakki, le stanno sull’anima anche i tram, le metropolitane ed il car-sharing?

10. Degrado Esquilino - aprile 21, 2008

Per Laura: l’individuo che hai ospitato si lagna, in buona sostanza, di non potere più posteggiare in curva. Questo è quanto. Stigmatizza, inoltre, la realizzazione da parte dell’amministrazione di bellissimi (bellissimi!) marciapiedi di caratura internazionale. Come ce ne sono in tutte le città del mondo. Odia lo spazio per i pedoni. Attacca la messa in sicurezza degli attraversamenti. Schifa l’impossibilità oggettiva -finalmente- del posteggio sulle strisce. Sei già tornata sull’argomento con toni vicini a quelli del signore, dunque non mi sorprendo. Ma considero l’operazione di bassissimo profilo e di grandissima diseducatività.

11. Albert1 - aprile 21, 2008

D.E., ‘sto discorso di forma e merito l’abbiamo già fatto. Sono d’accordo che il merito sia quello che conta alla fine, ma la forma ha un suo peso, sempre e comunque. Tieni conto che esprimere un concetto con dei termini poco acconci ha il risultato immediato di non far capire il concetto stesso, e poi apre la strada alle interpretazioni (cosa che chi bada al nocciolo rifugge come la peste).
Se devo dire una cosa, la dico chiara e con le parole giuste: nessuno potrà poi dire che ha capito male o male interpretato perchè ho usato parole a vanvera con la scusa del “chi se ne frega della forma”.
Il punto è che ti ostini (non capisco perchè) ad usare espressioni che possono provocare solo risposte stizzite (“cialtronerie” e “vergognatevi” sono due campanelli d’allarme grossi così), salvo poi tornarci su tre-quattro commenti dopo ed elaborare il concetto (magari con qualche aggiustatina). Di qui l’invito a frenare i ditini, pensare, pensare ancora una volta e poi, alla fine, scrivere quello che hai da dire. In una discussione “de visu”, la gente che fa come te in genere la liquido dopo due battute: gli “urlatori” non mi sono mai piaciuti, e anche se hanno qualcosa di apprezzabile da dire semplicemente, a me non riescono a dirla.

12. danilo "bikecity" - aprile 21, 2008

chiamare degrado questo mi sembra esagerato il vero degrado per Roma sono oramai le troppo macchine circolanti….. ma insomma vogliamo dare piu’ spazio ai pedoni alle piste ciclabili alle preferenziali per i mezzi pubblici, tram metro ecc. , vogliamo rendere Roma piu’ vivibile ? ma che aria respirate dove vivete? per non sentire l’aria puzzolente vi chiudete in casa ?
certo che cio’ causa dei problemi ai proprietari delle automobili….ma se vogliamo un futuro per la nostra citta’ si deve puntare su altro altro che posti macchina, traffico, e stress (cose che sindaci di qualsiasi colore politico di citta’ come Londra parigi ecc… basano oramai da decenni la loro campagna politica) ed infine lasciatemi dire certo a Via Lemonia ora la strada si e’ ristretta ci sono meno posti macchina non si puo’ sfrecciare piu’ a 100 KM orari come avveniva prima e che appunto li c’e’ una scuola!!!!!!!!

13. degradodiroma - aprile 21, 2008

Quando visitai alcune città della Spagna … molti, ma molti ma molti anni or sono, e non vi dico quanti per evitare conteggi strani … una cosa mi sorprese e produsse in me un forte entusiasmo che penso potrei paragonare a quello che visse l’Homo erectus quando scoprì il fuoco.
Costruzioni in pieno centro città che fungevano da parcheggio delle auto. Piani e piani, sopraelevati, piani e piani interrati capaci di contenere auto, camion …
I parcheggi erano lì, frequenti, disponibili ..

Non voglio ripetermi ma porto qualche esempio. Via Appia deposito Stefer da oltre 20 anni abbandonato : Braccobaldo showwwwww
Porta Pia, come testimoniato da Striscia la Notizia : Ancora Porta Pia
Cornelia … come ha richiamato alla memoria Andrea Rossi …. nel commento precedente ma su altro post.

A me sembra una grossa contraddizione avere attenzione per il problema parcheggio sventrando del Pincio, lì si sono indispensabili, ed in città, per i Romani no.
Che poi si debba ridisegnare Roma senza tener conto delle esigenze di chi lavora e si muove per necessità con le auto credo che sia quanto mai assurdo, significa solo non avere quelle stesse esigenze ed a tutti i costi volerle ignorare.

Laura

14. Pablito - aprile 21, 2008

A dir la verità anch’io non vedo negativamente tali lavori, vicino casa mia hanno quasi trasformato una piazzetta in isola pedonale e sicuramente ne ha guadagnato la vivibilità !

PS credo che questi lavori positivi sono stati utilizzati dalla giunta per nascondere i disastri in periferia…

15. Boyakki - aprile 21, 2008

Chiamato in causa, rispondo.
Ma parbleu! Ben vengano metropolitane e ogni genere di mezzo pubblico che funzioni. Sarei ben felice di lasciare l’auto a casa per prenderla solo la domenica… con quello che costa la benzina poi.. 🙂 Quel che io dico è che, nella Roma di oggi, con scarsa copertura di mezzi pubblici efficienti (avrò piacere di modificare quest’affermazione quando saranno completate la linea C, la linea D e i vari prolungamenti secondo i piani del Comune) per raggiungere varie zone della città muoversi in auto è ancora indispensabile, e torturare gli automobilisti con vari espedienti – strisce blu, ZTL a sorpresa, eliminazione di parcheggi ecc. – non risolverà certo il problema.

Pur non volendo scendere sul piano personale, racconto la mia esperienza che mi ha fatto pensare “hey, ha ragione!” quando ho letto la lettera di M. Rossi. Pochi giorni fa dovevo recarmi in un negozio in zona Alberone (via Gino Capponi) per ordinare una macchina da scrivere per fare un regalo ad un amico tecnofobo. Chiedo il permesso per uscire prima dal lavoro (nel quartiere Trieste) e col traffico mi arrivo lì intorno alle 19.20. Noto che in prossimità del negozio sono stati edificati diversi “angoloni”, oltre ad una nuova piazza pedonale e noto altresì che grazie a tali novità di parcheggi più o meno legali nella zona non ce n’è nemmeno l’ombra, tanto che erano occupati anche tutti i vari passi carrabili e posti per disabili limitrofi. Giro e rigiro diligentemente per la zona, fino a che non decido di occupare temporaneamente – in modo incivile, per carità, ma era l’unica cosa possibile da fare – un vicino passo carrabile. Arrivo in negozio e… sorpresa! Poiché erano le 19.35 lo stesso aveva da poco chiuso i battenti. A quel punto ho comprensibilmente stramaledetto gli angoloni, le nuove piazze pedonali e tutti i vari espedienti che vengono continuamente escogitati senza tener conto del fatto che a Roma la macchina è ancora indispensabile.
Alla fine l’ho ordinata tornandoci con la metro la mattina dopo, perdendo quindi due permessi. Ora quando dovrò ritirare la macchina da scrivere (che si suppone pesante) dovrò farmi accompagnare da qualcuno che resti in macchina mentre io pago e la ritiro. Non mi sembra molto normale.
Se gli angoloni azzerano gli incidenti, che ben vengano. Ma, vista la penuria di posti disponibili a fronte di quelli necessari in alcune zone, possiamo davvero permetterceli senza che si faccia nulla per recuperare parcheggi?

Circa le piste ciclabili… beh, a sostegno delle mie tesi dico soltanto “Palmiro Togliatti”. All’interno dello square centrale ci potevano far passare un eurostar e invece… corsia preferenziale trafficogena e inutile (lo dico in quanto non ci ho mai visto nessuno transitare in bici) pista ciclabile al centro dello square.

Che poi la pista ciclabile a Via Lemonia abbia tutto un altro senso sono d’accordo, ma forse sarebbe stata più bella dentro il parco e non avrebbe tolto parcheggi ai residenti o ai clienti dei negozi delle vie limitrofe (Cossuto ad esempio, per chi lo consoce, che è molto frequentato). Circa il discorso della scuola… sapete tutti che i bambini bisogna portarli andarli a prendere, e non tutti vivono in prossimità della scuola. Azzerare i parcheggi utili provoca parcheggi selvaggi ed il conseguente grosso casino all’orario d’uscita.

Saluti!
Boyakki

16. degradodiroma - aprile 21, 2008

Sei stato in via Gino Capponi ? … se mi facevi un fischio venivo e te la guardavo io la macchina 😀 .. forse si dovrebbero inventare dei servizi di scambio .. tipo questo .. !

La Piazza che tu citi è Piazza Scipione Ammirato. Una piazza che ha visto coordinamenti di cittadini con manifestazioni di protesta. Una piazza d’armi che avrà tolto circa 60 posti auto, e mi tengo bassa.
I residenti sono furibondi ma pensi che interessi a qualcuno ?
Laura

17. Boyakki - aprile 21, 2008

Si è quella la piazza. Grazie dell’informazione, non sapevo che fosse sgradita anche ai residenti: vedi, i nostri amministratori riescono a mettere d’accordo tutti 😀 😀

Ciao e complimenti per il blog (scusa la cafoneria, stamattina ero entrato senza salutare la padrona di casa :D)

Boyakki

18. degradodiroma - aprile 21, 2008

Il buon giorno si riconosce dal mattino ed i cafoni si riconoscono a distanza .. tranquillo .. sei lontano mille miglia da quel genere umano. Ciao.
Laura

19. Luciano - aprile 21, 2008

Una domanda per Degrado Esquilino:
cortesemente – ipotizzando che lo scrivente non abbia vissuto a Roma dal 2001 in qua – Le chiedo di ELENCARMI le DIECI OPERE PIU’ SIGNIFICATIVE che la giunta veltroni ha ATTUATO al fine di migliorare la MOBILITA’ (intesa nella sua TOTALITA’: creazione di linee metro, nuovi parcheggi, parcheggi di scambio, operazioni finalizzate all’utilizzo del mezzo pubblico, sistemazioni urbane e quant’altro…).
Tale elenco, cortesemente, dovrà contemplare SOLO ED ESCLUSIVAMENTE opere delle quali progettazione, finanziamento ed esecuzione siano ascrivibili ALLA SOLA GIUNTA veltroni (quindi sono da ESCLUDERSI interventi promossi da rutelli).

Confidando in una Sua CERTA RISPOSTA, attendo fiducioso il suo elenco.

Luciano

20. Degrado Esquilino - aprile 22, 2008

Caro Boyakki, se gli angoloni non ci fossero stati avresti posteggiato in curva. E di conseguenza sulle strisce. Posteggiare in quel modo toglie la visibilità all’incrocio ed è il più alto motivo in assoluto di incidenti in città. Parcheggiare come avresti parcheggiato senza gli angoloni è un modo di parcheggiare da assassini. Niente di personale, ma di questo stiamo parlando. E c’è poco da scherzare. Trovando il negozio chiuso è un miracolo che ti ha consentito di ricevere una sonora lezione che ti farà optare per una mobilità più sostenibile (che sia lo scooter, la bici, o il mezzo pubblico) inevce di deambulare con tre o quattro metri cubi di lamiera attorno. Come se una chiocciola andasse in giro con una casetta grande quanto una caraffa da un litro.

Mi dicono che i vituperati angoloni abbiano ridotto drasticamente gli incidenti in quel di Prati dove per fortuna sono sempre più adottati. E sto preparandomi alla mobilitazione per far si che il nostro nuovo presidente di municipio faccia altrettanto all’Esquilino.

Piazza Scipione Ammirato è una operazione di altissimo profilo. Di civiltà. Uno di quei luoghi dove sembra di stare in Europa e non in Medio Oriente dove a quanto pare piace a sguazzare a certuni.

Certifico, ancora una volta con amarezza, che all’ennesima apologia della sosta selvaggia (e la sosta selvaggia significa morte, ne più e ne meno) viene salutata dalla tenutaria del blog come cosa “lontana mille miglia” dalla cafonaggine. Ahime io partirsene dal quartiere Trieste, inquinare per nove chilometri, ingombrare per nove chilometri per poi arrivarsene al quartiere Appio e piazzare la macchina a caso facendo rischiare la vita al prossimo lo considero molto, molto, molto cafone. E, ripeto, me ne vergognerei assai.

21. Degrado Esquilino - aprile 22, 2008

post scriptum: per fortuna la mia stimata amica Susi Fantino ha letteralmente stravinto le elezioni. Sbancando i sondaggi (ma non era invisa alla popolazione? O forse l’Appio è diventato un quartiere di estrema sinistra).
E dunque nella prossima consiliatura parteciperemo all’inaugurazione di altre e molte piazze pedonali, civili, pulite, architettonicamente studiate.
E lo dice uno che odia i comunisti. Ma ama il civismo.

22. degradodiroma - aprile 22, 2008

Per Voi del commento 21 : Susi Fantino bleah!
Laura

23. degradodiroma - aprile 22, 2008

Per Voi del commento 20 :
Alcuni consigli, Voi scrivete :“salutata dalla tenutaria del blog”
Vi informo che dal Vocabolario …. alla voce “te|nu|tà|rio s.m.
CO chi ha il possesso o la gestione di un locale equivoco.” quindi Consiglio N.1 … frequentare il dizionario prima di scrivere amenità.

Consiglio N.2 : Vi invito a leggere quanto scritto attentamente, prima di scrivere insulsaggini.

Consiglio N.3 : Non mettere in bocca ad altri cose che quelle persone non hanno mai detto.

Consiglio N.4 : Per affrontare meglio la Vostra carriera politica i punti sopra elencati sono tutti indispensabili.

Laura

24. fabio - aprile 22, 2008

Così prodiga di consigli… e a me niente???
Ecco… sono offeso!

25. Degrado Esquilino - aprile 22, 2008

Cara Laura, lo stile Emilio Fede (quanto sarà che in mancanza della seppur minima argomentazione ti appelli al dizionario?) pur simpatico, alla lunga stanca. Sia l’interlocutore sia i lettori. Non sarebbe opportuno, su questo blog, confrontarsi sui contenuti? Quello che molta gente pensa è che il vero problema di Roma sia la quantità di romani che la frequentano: non date adito a certe filastrocche. Che leggendo te e quei (per fortuna pochi) lettori che dan seguito a certe tue battaglie di inciviltà, vengono automatiche.

Riguardo alla Fantino, vorrei sapere una tua opinione sui tuoi concittadini di municipio. Sono tutti imbecilli visto che hanno dato un consenso al loro presidente che non ha eguali in alcun altro municipio? Un quartiere della media borghesia si è trasformato in un covo di zecche comuniste? Oppure i cittadini si sono resi conto del buon governo e dei progressi di civiltà del quartiere e di conseguenza hanno votato? Il quartiere più disordinato di Roma, caotico, incrostato di lamiere sta diventando, in molti suoi punti, un luogo civilizzato. Questo per te e per molti come te è peccato mortale. Ma per il mondo delle persone per bene e non in cattiva fede è qualcosa da premiare.

Giudicare un presidente di municipio da una bicicletta abbandonata (che non è neppure sua competenza rimuovere) non è solo ridicolo, è patetico. Tanto patetico da fare tenerezza.

26. Degrado Esquilino - aprile 22, 2008

Caro Luciano, non mi appassiono a fare il biografo della giunta Veltroni. Che non mi pare abbia governato con grande piglio il problema della mobilità. A memoria mi ricordo: la partenza della metro D, i prolungamenti della C, alcune preferenziali, la partenza dei cantieri di alcuni parking, anche importanti e poco più. Davvero poco.

Ma, ripeto, il problema di Roma non sono i sindaci e le giunte. Sono i romani. Gente che reputa disdicevole fare 4 minuti a piedi per spostare il culo dal sedile dell’auto alla sedia del ristorante. Gente che considera da sfigati anche il semplice concetto di passeggiata. Persone che si sentono fallite se costrette a posteggiare a più di un chilometro. Esteti della doppia fila. Apologeti del parcheggio in curva.

La popolazione, automobilisticamente parlando, più indisciplinata d’Europa. E dunque eccola una delle svolte della giunta Veltroni: le telecamere. L’auspicio è che si moltiplichino per 1000.

27. Claudio - aprile 22, 2008

Le ragioni dei marciapiedi enormi sono presto dette:

– chi li realizza becca un appalto niente male (solitamente è il solito “cugino di”)
– meno parcheggi liberi significano maggiori vendite di box (dove “ce magnano” costruttori che costruiscono, banche che finanziano, eccetera)
– più traffico e strisce blu ovunque significano OBBLIGO per i poveri cristi a DOVER risanare il buco dell’ATAC prendendo i mezzi. E contribuendo, magari, pure a sfamare qualche ROM lasciandogli il portafoglio appiccicato alle dita sul bus o sulla metro

…in poche parole, questa non è altro che la lampante dimostrazione che il popolo bue DEVE cacciar fuori i soldini per risanare i danni che “quelli bravi” hanno fatto e continuano a fare

28. Pablito - aprile 22, 2008

Piazza Scipione Ammirato è una operazione di altissimo profilo. Di civiltà. Uno di quei luoghi dove sembra di stare in Europa

Su questo devo dargli ragione, anch’io abito la vicino (via P.Tola) e devo ammettere che la maggioranza dei cittadini è rimasta pienamente soddisfatta (non per niente ormai è più simile a un parco che ad una piazza).

Per Boyakki
I parcheggi effettivamente sono diminuiti, ma se non sei riuscito a fermarti con la macchina non ti meravigliare…questa è la regola da sempre (e non certo per causa della riqualificazione).

29. Pablito - aprile 22, 2008

“E dunque eccola una delle svolte della giunta Veltroni: le telecamere. L’auspicio è che si moltiplichino per 1000”

E magari le estendiamo anche in prossimità delle stazioni ferroviarie in perifieria…cosi si evitano episodi spiacenti …!
Ma veltroni cuorebuono purtroppo era ocupato ad affrontare altre situazioni…

“la partenza della metro D, i prolungamenti della C”

Posso confermare che è tutto vero…stanno facendo dei rilievi a 3 cm dal colosseo (mitico…) rendendo off limits gran parte dell’area daventi al colosseo !!!
PS poi se non erro toccherà anche a piazza risorgimento (questi progetti hanno finalità chiaramente commerciali e speculative, non per niente faranno stazioni della metro a pochi metri da stazioni preesistenti….)

PS il mio commento precedente dov’è…? 😦

30. Luciano - aprile 22, 2008

Caro Degrado Esquilino,
pur non appassionandoti “a fare il biografo della giunta veltroni”, appoggi rutelli, e con quello ti sei candidato…uhm…qualcosa non quadra…
COMUNQUE, GRAZIE PER LA RISPOSTA…che, come volevasi dimostrare, NON GIUDICO SUFFICIENTE…IN PRATICA, HAI PALESEMENTE AMMESSO LE CARENZE DELL’AMMINISTRAZIONE USCENTE IN FATTO DI MOBILITA’ URBANA…
Poiché non voglio essere accusato (da te) di “emiliofedismo” vado ora ad argomentarti, punto per punto, quanto ho testè asserito riguardo all’insufficienza delle tue risposte…

Tra le “iniziative” della giunta veltroni, tu citi:

a) “la partenza della metro D”: bene, ad oggi sono stati aperti ESCLUSIVAMENTE i cantieri per i SONDAGGI;

b) “i prolungamenti della C”; riferimento NON VALIDO, poiché tale metro era allo studio DALLA PRIMA GIUNTA rutelli, ORMAI 15 ANNI OR SONO…ergo: NON E’ di “ideazione veltroni” (condizione da me richiesta, nda) e, ANCOR PEGGIO, il progetto si sta ARENANDO in due stazioni/cardine (Venezia e Colosseo) a causa dei reperti archeologici rinvenuti dai cantieri aperti SOLO DAL 2006…in pratica, UN FALLIMENTO “DATATO 1994”, o giù di lì…;

c) “alcune preferenziali, la partenza dei cantieri di alcuni parking, anche importanti e poco più. Davvero poco.”…affermazioni che si commentano da sole…aggiungerei soltanto che l’apertura di “alcune preferenziali” in una città PARALIZZATA DAL TRAFFICO E SOTTODOTATA DI MEZZI PUBBLICI DI TRASPORTO FERRO/GOMMA SUONA PIU’ COME UNA “PRESA IN GIRO” CHE ALTRO…

…il mezzo privato, in questo SFACELO URBANISTICO, mi pare LA SOLA RISPOSTA che i cittadini romani si siano potuti dare…decisamente LA MENO PEGGIORE, anche se c’ha portato agli attuali livelli di congestione…

Ripeto: caro Degrado Esquilino, pur RINGRAZIANDOTI per la risposta, leggendo quanto hai scritto ho avuta CONFERMA della BONTA’ del mio voto ad ALEMANNO, domenica prossima.

Un saluto.

31. degradodiroma - aprile 22, 2008

Per Pablito. Non mi sento di aderire alla tua opinione. La riqualificazione della piazza, che pure andava fatta, non doveva stravolgere l’esistente .. si può far bene senza che ci siano nuove affermazioni di stili ed architetture. Che il quartiere fosse poi già soffocato dall’assenza di parcheggi prima della ristrutturazione è indubbio, ma che ne sia stato privato di un consistente numero a causa di questa … è lampante !!
Laura

32. Pablito - aprile 22, 2008

“si può far bene senza che ci siano nuove affermazioni di stili ed architetture.”

Sicuramente è vero, però non mi puoi dire che c’è stata una rivolta dei residenti…sicuramente qualcuno ha protestato, ma converrai con me che saranno state 30 persone…
I distastri della nostra zona sono altri vedi i lavori di piazza C. Baronio e sarebbe anche ora riqualificare (o almeno provarci ) la caffarella lato via lidia.

33. degradodiroma - aprile 22, 2008

Pablito il giorno della protesta veniva giù il putiferio .. d’acqua … pensi che se anche qualcuno fosse stato intenzionato a partecipare non ha preferito rimanere a casa al calduccio ? … 😀
Laura

34. zonalais - aprile 23, 2008

Il giorno dell’inaugurazione pero’ non pioveva, eppure non ce ne erano molti di piu’.
Piazza Scipione Ammirato è un sogno rispetto all’attuale Piazza Montecastrilli o a Piazza San Domenico Savio dove il parcheggio abusivo mette a rischio la vita dei pedoni e di quanti guidano rispettando le regole.
Per quanto attiene alle proteste sul giornale La Piazza abbiamo visto le foto di uno dei pochi contrari (quello con il megafono) in piedi (con i piedi) sulla panchina, complimenti.

35. Degrado Esquilino - aprile 23, 2008

Luciano precisiamo perché ahime non sei molto aggiornato sul panorama più stringentemente attuale:

PUNTO A) per la metro D non siamo neppure ai sondaggi archeologici dovendo essere ancora perfezionato il bando

PUNTO B) la giunta rutelli aveva approntato una tratta portante della linea C, la giunta Veltroni ha il merito di averla prolungata verso Grottarossa

PUNTO D) il fatto che ci siano pochi mezzi pubblichi e poco funzionanti (cheppoi su molte tratte il mezzo pubblico resta vincente) non esime dalla responsabilità i veri responsabili dell’attuale terzomondizzazione della città. Che non sono ne Rutelli, ne Veltroni, ma sono quella percentuale (maggioritaria? minoritaria?) di romani che si comportano come sappiamo.

Sulla querelle relativa a Piazza Scipione Ammirato la cattiva fede della tenutaria è così lampante (e ancor più pelosa visto che si tratta di un opera di riqualificazione del SUO STESSO quartiere!!!) da invitare tutti quanti a ritenere chiusa la discussione.

36. Albert1 - aprile 23, 2008

Niente, eh ? In c*lo j’entra, in testa no… niente da fare…

37. degradodiroma - aprile 23, 2008

Qualche risposta un pò in ritardo …

Per Fabio : Commento 24. Scusami non ti ho risposto prima .. se vuoi qualche consiglio dalla nonna .. accomodati pure … scegliamo il tema.

Per Albert1 : 😀

Per il commento 25 e 35 (DegradoEsquilino) : Dopo l’uso del Lei, ora passo al Voi, come pronome personale di seconda persona plurale tipico nell’uso antico.

Se anche non intenzionalmente, questo blog è stato da Voi accostato al Messaggero (commento 2), Vi ringrazio comunque.
Se poi io personalmente ed in più di una occasione ho ricevuto l’appellativo di “Emiliofediana”, ancora Vi ringrazio per questo.
In cambio di tanti doni, Vi offro “Il manuale del piccolo Esquilino”, a Voi personalmente dedicato, con la raccolta delle Vostre migliori performance, offerte in questo blog ed indirizzate alla sottoscritta.
Questo Vi offrirà degli indubbi vantaggi. Mediante il “copia” ed “incolla” potreTe, in un nuovo Vostro commento, riusare tutto simultaneamente risparmiando così il Vostro prezioso tempo e potreTe, volendo, darne copie in distribuzione per una maggiore diffusione.

——————————
Il manuale del piccolo Esquilino
Versione : bozza del 04/08
Prefazione : Bignami ad uso di Degradoesquilino, quale collezione delle sue migliori performance all’indirizzo del blog degradodiroma e/o alla sua “tenutaria”(?).

Tenutaria(?), ammenocchè, seppoi, vabbene, approposito, menomale, malsopportiamo, melestia, gestrice, permalosa gestrice, ridicolo, patetico, incivile, zitella inacidita, acida e piccata, basso cabotaggio, blog infantile, tasso di guardia di squallore, cafonissimamente, fortissimamente ridicola, patetico e ingenuo, inacidita, fai scemate, faziosità emiliofediana, emiliofedizzato, cattiva fede ancor più pelosa, non raffinata, non ha la capacità intellettiva ed intellettuale, tue battaglie di inciviltà, disonestà intellettuale, informazione degradata, cialtronate, cialtrona, essere beceri, fare becero e cialtrone, pagliacciate, perseguibile penalmente, apologia di reato, banale, demagogico, assenza di credibilità, superficiale, ….
——————————

Quando poi Voi dite che non ho argomenti per rispondere e che quindi trovo spunti sugli errori, beh ! replico che tutto il blog praticamente parla a mio nome e ripetermi all’infinito può risultare noioso …
Voi avete sempre posto le questioni in un modo “sgarbato” e questo, come già in passavo Vi ho detto, mi impedisce ogni confronto. Non mi interessano le persone che usano l’insulto e l’arroganza e quindi faccio mio il detto “L’indifferenza è il maggior disprezzo”.

Quando poi Voi asserite quì o in altri post simili …che la macchina è un vizio da abolire .. beh ! rispondere a questi alti e significativi concetti sarebbe come sparare sulla croce rossa e quindi Vi risparmio … ma soprattutto … MI RISPARMIO.
Laura

38. Pablito - aprile 23, 2008

PUNTO A) per la metro D non siamo neppure ai sondaggi archeologici dovendo essere ancora perfezionato il bando

Bando ???? Ah vuoi dire quando veltroni chiamava al telefono i soliti 2 costruttori e gli chiedeva consigli sul percorso di metro o sulla stesura del prg ?

ps senza dimenticare il cambio di destinazione di scuole….

39. Luciano - aprile 24, 2008

Caro Degrado Esquilino,
perdonami se non sono stato, a proposito della linea D, così tempestivo e puntuale nel dettagliare il mio intervento…
IN OGNI CASO, tu non lo sei stato altrettanto per quel che concerne la linea C…

Tu dici: “PUNTO B) la giunta rutelli aveva approntato una tratta portante della linea C, la giunta Veltroni ha il merito di averla prolungata verso Grottarossa”.

Benissimo: si da il caso, però, che io abbia in casa un piccolo libretto, che “conservo gelosamente da anni (per vedere QUANTO SARANNO INGIALLITE LE SUE PAGINE QUANDO SALIRO’ SUL PRIMO TRENO DELLA NUOVA LINEA!), edito da “Comune di Roma/Acea”, collana (presumo) “dal Campidoglio – Materiali”, a cura del “Dipartimento mobilità e trasporti” e dal titolo: “Linea C: la scelta tecnologica – Un’expertise internazionale”.

Nell’ultima pagina, leggo: “Finito di stampare nel mese di giugno 1996”

Ora, A PARTE CHE nel volumetto si possono COMODAMENTE LEGGERE

1 – il “Programma di progettazione della tratta Colosseo-Ottaviano”, con un cronoprogramma che – incredibile auditu! – CONTEMPLA SOLTANTO GLI ANNI 1995-1996!!!…quando MI PARE che la progettazione dell’opera sia andata BEN OLTRE quei termini;

2 – a cura di Antonio Insalaco, un saggio dal titolo: “Le preesistenze archeologiche lungo la tratta Colosseo-Ottaviano”…ovvero QUELLE STESSE PREESISTENZE, NOTE ANCOR PRIMA DEI SONDAGGI (ATTUALI, ANNO DOMINI 2008!!!), CHE TANTI PROBLEMI STANNO DANDO ALLE “FUTURE” (???) FERMATE VENEZIA E COLOSSEO E CHE – IN CASO DI MANCATA REALIZZAZIONE DELLE STESSE E DI BLOCCO DELL’OPERA DA PARTE DELLA SOVRINTENDENZA, “TRONCHEREBBERO A META'” LA LINEA C, INFICIANDONE L’EFFICACIA!!!

3 – a pag. 58 del volumetto, inoltre, leggo un bel cronoprogramma dal titolo “Programma di attuazione della tratta Colosseo-Ottaviano”…attuazione da eseguirsi in 48 mesi…OVVERO, fatte salve le fasi della progettazione dell’opera, l’ATTUAZIONE (che a casa mia significa REALIZZAZIONE) avrebbe dovuto essere…ATTUATA dal 1997 in qua!!!!!
Ripeto: AD OGGI, APRILE DELL’ANNO ANNO DOMINI 2008, SAI DIRMI TU, CARO DEGRADO ESQUILINO, PERCHE’ LE INCAPACI (DEFINIRLE “INCAPACI”, LO AMMETTO, E’ FIN TROPPO GENEROSO!!!) AMMINISTRAZIONI rutelliveltroni NON SONO RIUSCITE A TROVARE QUESTI 48 MESI NECESSARI PER REALIZZARE SOLO – E, RIPETO, S-O-L-O!!!) LA PARTE CENTRALE DELLA TRATTA TRA I 124 (MESI) CHE SONO TRASCORSI DAL 1997 IN QUA?!?!?

Al tuo “Punto D” del messaggio 35 NON RISPONDO NEANCHE, ché scaricare sui romani (che usano il mezzo proprio) colpe DEI SINDACI (che ai romani un APPENA DECENTE mezzo pubblico NON HANNO FORNITO) MI SEMBRA GIOCO COSì SQUALLIDO AL QUALE NON VALE LA PENA NEANCHE DI PARTECIPARE…QUINDI, MI SCUSERAI, TI LASCIO “GIOCARE DA SOLO”…

PRIMA DI CHIUDERE, PERO’ VOGLIO SMONTARE A TE E AI MOLTI ROMANI “ABBOCCONI” CHE GIRANO IL FALSO MITO DEL PROLUNGAMENTO DELLA LINEA C FINO A GROTTAROSSA: TU DICI CHE “la giunta Veltroni ha il merito di averla prolungata verso Grottarossa”…E PERCHE’ IO, A PAG. 13 del succitato libretto, in una piccola mappa che riproduce il Gra e zone limitrofe, VEDO CHE ERA GIA’ PREVISTO NEL 1996 (!!!) IL PROLUNGAMENTO DELLA C FINO A GROTTAROSSA?!?!?

QUINDI, ALLA “TUA” GIUNTA veltroni, NON VA ASCRITTO NEANCHE QUESTO MINIMO MERITO, E INVITO TUTTI I ROMANI A NON CADERE NEL TRAPPOLONE DI rutelli, PATENTE BUGIARDO E VENDITORE DI FUMO, MA A CAMBIARE IL MODO DI GOVERNARE QUESTA CITTA’ VOTANDO GIANNI ALEMANNO!!!

PS: se vorrai fornirmi un indirizzo mail, a PROVA di quanto ho detto, ti invio LE SCANSIONI delle pagine che ho citato.

VOGLIO GIANNI ALEMANNO SINDACO DI ROMA!

Luciano.

40. Luciano - aprile 25, 2008

Per Degrado Esquilino.
Con questo, che sarà L’ULTIMO messaggio del nostro scambio, invio a te e a TUTTI i lettori del post un INTERESSANTISSIMO LINK con le opere “promesse e mai realizzate” a Roma in materia di trasporto pubblico e mobilità.
Buona lettura…

…E BUON VOTO – SFACCIATAMENTE SCHIERATO – PER ALEMANNO!!!

Luciano.

Ecco il link: http://digilander.libero.it/micbas832/tramroma/att_roma/procla_1.htm

41. degradodiroma - aprile 25, 2008

Luciano sei un genio ed un segugio.
Era un pò che cercavo una cosa del genere in rete. Semplice, schematico, essenziale, ridotto all’osso ma efficace.
Le promesse e le realizzazioni a confronto.
Sei grandeeeeeeeeeee

Ciao 😀
Laura

42. romacogitans - aprile 26, 2008

Beh, quel link campeggia da oltre un anno nel mio blog tra i miei favoriti … e l’ho inserito nuovamente anche nell’ultimo articolo contro cicciobello…


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: