jump to navigation

Chi sa rispondermi ? gennaio 28, 2008

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Marco Del Duca

a : info@municipioroma7.it, info@amaroma.it, urbanistica@comune.roma.it, decoro.urbano@comune.roma.it 

Salve,
questa non è la prima volta che scrivo ma purtroppo finora non ho ricevuto risposte.

Mi chiamo Marco Del Duca e abito in Via T……. , zona La Rustica, appartenente al Municipio VII.
Avrei un paio di domande che riguardano Via Alessandro Castelli.
Dopo il riassetto della viabilità in seguito ai lavori TAV, il passaggio a livello è stato rimosso, Via Della Rustica è stata divisa in due tronconi distinti e molte vie sono passate da poco frequentate viuzze del quartiere a principali vie di transito.
Via Alessandro Castelli è una di queste ex-viuzze. Ora parte come proseguimento di Via della Rustica, all’altezza del “vecchio” passaggio a livello, per arrivare nel cuore del quartiere La Rustica, smaltendo parecchio traffico da e per il GRA.
Questo preambolo, forse inutile per chi conosce la zona, serve per chiarire che non stiamo parlando di una via fuori dal complesso urbano, poco traffica o isolata.
 
Le mie domande riguardano i temi dei rifiuti e dell’illuminazione stradale:
 
Domanda N.1) da parecchio tempo il prato ai bordi della strada (il bordo destro provenendo da Tor Sapienza) nei pressi del “vecchio” passaggio a livello è diventato una discarica (vedere foto allegate). Moltissime carcasse di frigoriferi e lavatrici, pezzi di automobili, calcinacci e rifiuti vari creano uno spettacolo a dir poco deprimente.
Aspettare che la vegetazione ricopra tutto durante la prossima primavera (così come è successo durante la scorsa) non è sicuramente la soluzione migliore.
Per non parlare poi del rischio incendi. Ongi anno i pompieri hanno molto da fare nel periodo estivo per domare gli incendi che attaccano i prati de La Rustica quando si riempiono di erba secca (lasciata colpevolmente a seccare senza manutenzione). I rifiuti che bruciano non sono una gran bella cosa, come dimostrano le recenti esperienze della regione Campania.
Chiaramente la colpa vera e propria di questo obbrobrio è da imputare all’inciviltà delle persone che hanno pensato più pratico gettare li i loro rifiuti piuttosto che trasportarli fino al vicino centro di smaltimento AMA di Tor Sapienza, però questo non giustifica il mancato intervento delle istituzioni.

La mia domanda è “per quale motivo non vengono rimossi tali rifiuti?”

Domanda N.2) i lampioni che costeggiano la strada, da entrambi i lati, sono stati in funzione per poche settimane dopo l’apertura della strada ma poi si sono spenti. Non ci sono ne abitazioni ne esercizi commerciali quindi la via è nel buio totale dopo il tramonto. Percorrere la strada a piedi dopo che è calato il sole (durante l’inverno vuol dire dopo le 17) è decisamente un’esperienza da evitare. Al momento Via Alessandro Castelli e Via Virgilio Guidi sono le uniche due vie per raggiungere Tor Sapienza (il quartiere più vicino, escludendo Casale Caletto)) a piedi.

La mia domanda è “per quale motivo non vengono riparati i lampioni?”

Pulire un prato e riparare lampioni sembrano azioni abbastanza semplici per un semplice cittadino come me perchè non richiedono ne infrastrutture ne opere edili ma evidentemente nascondono problematiche enormi.

Via Castelli Via Castelli
 

Commenti

1. fabio - gennaio 28, 2008

Scusami, Marco, io non ce l’ho una risposta.
Posso azzardare una causa, manca il controllo del territorio.

2. circondati - gennaio 28, 2008

Di Risposte non ne ho, purtroppo…
Posso solo constatare che i problemi simili esistono in tutte le zone di Roma.
Menefreghismo, incompetenza, cialtroneria, inefficienza, spreco, clientelarismo e chi più ne ha più ne metta.
Sembra che i “nostri” amministratori ce la mettano tutta per farsi odiare.
Purtroppo c’è ancora chi non apre gli occhi e sostiene che mediauolter e la sua ciurma sono i migliori in circolazione. Allora siamo fortunati… pensate se ci capitavano amministratori peggiori !!!

3. degradodiroma - gennaio 29, 2008

Un articolo de “Il Giornale” di oggi, sulla : Sicurezza ? Meglio evitare il confronto in Municipio VII.
Laura

4. valentina cavalletti - gennaio 30, 2008

Ciao Marco,
ho avuto un problema simile dietro al nido di mio figlio La Mongolfiera in Piazza Maresciallo Giardino. Guarda e vedrai che meraviglia. http://it.youtube.com/watch?v=uzurz3Z-vno
Però dopo un paio di mesi sono venuti a pulire, grazie all’interessamento dell’assessore all’ambiente del mio municipio Roberto Tavani.
Sostanzialmente una volta scoperto a chi pertiene il giardino o l’area verde che tu segnali qualcuno, con fatica, si muove. Ma è una croce e bisogna stargli col fiato sul collo.
Quindi ti consiglio, se non l’hai già fatto:
di scrivere all’assessore all’ambiente del tuo municipio,
di scrivere all’assessore all’ambiente del comune Dario esposito;
di scrivere a quelli del Servizio giardini del Comune di Roma…
e sicuramente all’ama, ma quello mi pare l’hai già fatto.
Fammi sapere, mi interessa come procede la cosa. Ti ringrazio
Valentina Cavalletti
valiandri@hotmail.com

5. Marco Del Duca - febbraio 9, 2008

Grazie Valentina per i tuoi consigli.
Sto inviando ora una terza e-mail, ampliando un po’ il gruppo dei destinatari (anche sulla base dei tuoi consigli).
Purtroppo l’AMA S.p.A. ha risposto che “la rimozione dei rifiuti all’interno dell’area verde recintata non rientra nelle competenze di AMA SpA”.
Speriamo qualcosa si risolva perchè non è per niente un bel vedere.

P.S.:
L’ACEA ha così risposto riguardo i lampioni spenti: “nel corso della verifica eseguita in data 03/01/08 in Via A. Castelli, gli impianti dei quali Acea esegue la manutenzione per conto del Comune di Roma sono risultati regolarmente funzionanti”.

Senza parole.

Ho inviato un fax di risposta al mittente di questa comunicazione e sono ancora in attesa. Vi farò sapere.

Stay tuned!

6. Marco Del Duca - marzo 8, 2008

Salve,
finalmente ho trovato delle risposte alle mie domande ma purtroppo la situazione sembra molto lontana da una soluzione.

Per quel che riguarda i lampioni spenti:
ho scoperto che i lampioni spenti di Via Alessandro Castelli sono stati installati dalla RFI a seguito dei lavori di riassetto urbano per la TAV. Sono spenti a causa dei ripetuti furti di rame.
La procedura di municipalizzazione (ovvero passaggio alla gestione di ACEA) è in corso, forse i miei figli avranno lampioni funzionanti.

Per quel che riguarda i rifiuti:
ho scoperto che la zona interessata è di proprietà privata.
AMA non può operare su questa zona.
Il proprietario non è residente a Roma, è stato contattato varie volte dal VII Municipio e la pratica procede molto lentamente.

Preferisco pensare che le informazioni ottenute siano vere, comunque la morale della storia è che ci teniamo i lampioni spenti e la mondezza sul prato.

Povera Roma.

7. Marco Del Duca - maggio 24, 2008

Salve,
per dovere di cronaca vorrei informare che qualche cosa si è mosso nella situazione “rifiuti”.
Il prato ridotto a discarica è stato recintato da una muro ed ora vi si accede solo tramite un cancello.
La maggior parte dei rifiuti sembra esser stata rimossa, ma ribadisco “sembra” perchè in realtà la vegetazione rigogliosa copre parte della zona.

Per quel che riguarda i lampioni, ho provato a contattare RFI ma al momento nessuna risposta.
Strada ancora al buio, per fortuna le giornate si allungano.

Che cosa è successo a Roma?


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: