jump to navigation

E lungo il Tevere che andava … dicembre 3, 2007

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Stefano

Ponte Sisto

… lento lentooooo ..

Claudio Baglioni così cantava nel 1972 (ma io non ero nato). Oggi forse dovrebbe aggiungere qualche cosa al testo della sua canzone, se non altro per raccontare l’immobilismo del fiume in alcuni suoi tratti, comunque centrali, in cui l’addensarsi della mondezza la fa da padrona. Ma qualcuno, a memoria d’uomo, ricorda per caso un dragaggio del fiume ??

Ponte Sisto Ponte Mazzini Ponte Mazzini

Commenti

1. fabio - dicembre 3, 2007

Sono gli argini, (a parte l’immondizia) bisognerebbe ripensarli, perché il fiume si vuole riappropriare dei suoi spazi, la Natura si doma assecondandola (o distruggendola).

2. fabio - dicembre 3, 2007

A me non piace Claudio Baglioni.
Preferisco.

“Er barcarolo va vaaa contocorenteeee…”

3. fabio - dicembre 3, 2007

contro, ah ah è uscito conto
che sia un lapsus freudiano??

4. manuele - dicembre 3, 2007

il fiume fa schifo, gli argini pure. oltre ai rifiuti (consolatevi, ho visto delle bottiglie di plastica anche sul tamigi e addirittura una bicicletta sul fondo del liffey a dublino..) ci sono detriti, banchi di terra, piante cresciute tra le fessure delle pietre, rami, .. è già un miracolo che ci riescano a passare i battelli turistici anche se forse date le condizioni critiche sarebbe meglio sospende questo servizio indecente fin quando non faranno seriamente un recupero e una valorizzazione del tevere!

5. Greko GFCREW - dicembre 3, 2007

nel 2007 non credo che non esistano sistemi e imbarcazioni, capaci di percorrere il fiume e rastrellare lo sporco.
Non si fa perche’ spendere 2 soldi per l’ambiente non arricchisce nessuno. Buffoni come sempre.

6. Eccezzziunale .. veramente « Il degrado di Roma - ottobre 3, 2008

[…] Sullo stesso tema un antico post : E lungo il Tevere che andava .. […]


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: