jump to navigation

Vietato uscire novembre 16, 2007

Posted by degradodiroma in Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Romina

Via Amba Aradam - Tocco MuroIl nuovo restyling di Via Amba Aradam (da Piazza S.Giovanni a Porta Metronia) ha compreso, oltre l’abominio delle corsie a zig-zag auto/autobus, anche la posa delle barriere al limitare del marciapiede che va da Via dei Laterani al Battistero. Peccato che sul marciapiede

SI ENTRA MA NON SI ESCE 

poichè hanno dimenticato (??)  di lasciare un varco in prossimità del Battistero. Dalla foto infatti si vedono le persone camminare in mezzo alla carreggiata, mentre il marciapiede è completamente libero.

Domando:
– nome e cognome del Progettista
– nome e cognome del Direttore Lavori
– nome e cognome del Collaudatore
Chi è il genio? E’ uno solo o tutti e tre?

Via Amba Aradam - Vai Via Amba Aradam - Torni Via Amba Aradam - Esci

da degradodiroma : segnalazione inoltrata a Striscia la notizia.

Commenti

1. fabio - novembre 16, 2007

È talmente ridicolo che non si riesce neanche a fare dell’ironia, come ti metti per esempio a canzonare il naso rosso di un pagliacci o i suoi pantaloni a zompafosso? quello si veste così perché è un pagliaccio. Tu lo sai e ti metti a ridere per le sue gags, ma sai che è un’illusione…
ma non è che dici: uh, guarda quant’è ridicolo vestito così, dici piuttosto: quant’è divertente, che ci vuol far ridere.

Ah, sì… è così. Questi ci vogliono far ridere, hanno istituito un servizio per rompere la monotonìa della vita dei cittadini.
ah ah ah ah
grazie, di cuore, a chiunquew ha avuto questa pensata del recinto per i cavalli in pieno centro
grazie, veramente…
ah ah ah

2. fabio - novembre 16, 2007

ah ah
sì, bravi però,adesso… come tutti i circhi che si rispettano, smontate la tenda. Cioè smontatelo e riportatelo da dove lo avete preso, al maneggio.
Vi aspettiamo per nuove esilaranti installazioni, ad opera del servizio assessorato: CHEFAIRIDI?

3. Daniele - novembre 16, 2007

Non lo hanno dimenticato, lo hanno fatto apposta, così come stanno costruendo barriere architettoniche ed ostacoli dappertutto a Roma.
Il fine, della mente distorta che lo ha partorito, è trasformare Roma in una città non più a misura d’uomo, non più per i romani.
E giù a buttare i soldi pubblici.

4. RondoneR - novembre 16, 2007

ha ragione daniele. quelle non sono altro che transenne definitive.
e c’è una vera e propria adorazione per questo stratagemma. il pedone è visto come una vacca al pascolo da veicolare.

5. Albert1 - novembre 16, 2007

MUUUUUUU!!!

Mè so’ comprato l’urtimo campanaccio firmato Dorceggabbana.
Rimane ‘na cifra fine, nun vedo l’ora che ariva sabbato così me lo metto pe’ffà lo struscio a via der Corso…

MEUUUUUUH!

6. manuele - novembre 16, 2007

ma sicuramente ci sarà un passaggio segreto nel muro! un pò come harry potter alla stazione di londra.

7. Greko GFCREW - novembre 16, 2007

forse lo hanno fatto per evitare che quelli che vanno in motorino quando cè l’intoppo si intrufolino nel marciapiede per superare la fila… certo è che io a sta gente che fa ste cose je taglierei le mani…
Stiamo in mano a degli imbecilli.

8. degradodiroma - novembre 16, 2007

Io in fondo al muro ci vedrei un bel tromp O’ leil raffigurante un’arco con un volto di bambino che si affaccia come per giocare a nascondino e il battistero di San Giovanni sullo sfondo .. però non vorrei fosse una istigazione a …
Laura

9. fabio - novembre 17, 2007

… sbaaaaaaammmmeeeeeeeee.
ahi ahi ahi ah … che male de capoccia… ci ho sbattuto in pieno le corna…
ma se acchiappo quello che ha avuto la brillante idea de dipigne un trompe l’oeil su ‘sto rudere?? aaaaaahh ahaahhhh

10. ZonaLais - novembre 19, 2007

Se siete in buona fede guardatevi questa di foto…

e poi smentite questo articolo, noi l’abbiamo gia’ fatto su ZonaLais
ZonaLais

11. degradodiroma - novembre 19, 2007

Grazie della segnalazione, Zonalais, ma potrai osservare dalle foto che le persone, al pari di coloro che hanno effettuato le foto di segnalazione, il cartello di divieto NON L’HANNO VISTO e pertanto quello che tu chiami “il nostro FINTO DEGRADO”, è altresì confortato dalla frequentazione del marciapiede da parte dei cittadini, che quindi affrontano la “vasca” e poi sono costretti a tornare indietro. Questa segnalazione pertanto a mio avviso è più che lecita, avrei altre foto da mostrare che collezionano immagini notturne, dove i pedoni transitando sulla strada rischiano di essere investiti anche a causa della scarsa visibilità.
Sono pertanto costretta, ancora una volta, ad osservare, come il tuo radicato ODIO, verso questo blog, sia anche dimostrato dal tuo APPOSITO post odierno nel tuo sito.
Laura

12. Albert1 - novembre 19, 2007

Ah, beh…
allora il discorso cambia. Accidenti se cambia.

Quindi qui abbiamo non più un marciapiede a sola entrata, bensì una inaccessibile quanto inutile spianata di asfalto, contornata da orridi cancelletti stile pseudoparigino.
Tanto valeva chiuderla tutta e farci un giardinetto con panchine.

Bene, cosa dire ? Quando qualcuno si prende la briga di “smentire” gli articoli di un Blog, vuol dire che il Blog in questione ha raggiunto un discreto livello di “autorità”: io sarei contento di tale e tanta attenzione. Posto che la svista (voluta o accidentale che sia), rimane una svista (ed è anche possibile che il segnale sia posteriore alle foto, ma questo non rileva), credo che il senso della cosa non cambi: l’intervento in questione è e resta uno di quegli inutili lavori fatti perchè qualche impresetta municipalizzata aveva due settimane libere e un po’ di ferro in avanzo. Non mi venite a raccontare che serve al decoro urbano, e per quanto attiene alla “sicurezza” dei pedoni, mi fate un paio di foto del più vicino attraversamento che non sia da suicidio ? Che so, tipo semaforo pedonale, strisce illuminate, cosette così che facciano convenire il passare sull’altro lato piuttosto che costeggiare il battistero ?

Comunque una bella “guerra” tra Blog romani era proprio quello che ci serviva, altro che rete, altro che comunione d’intenti, altro che solidarietà. Ma che niente niente qualcuno si è accorto che cominciamo a dare fastidio ed è iniziata l’opera di “smerdamento” dall’interno ?

Bene, molto bene.

13. Romina - novembre 19, 2007

IO sono l’autrice del post, non Laura, IO ho commesso la svista, e di svista si tratta! Ma se avessi visto il segnale, a patto che il segnale ci fosse stato, avrei fatto un post ancora più agguerrito. Ed ora mi rivolgo agli esperti, se vorranno rispondermi. Perchè mai fare un NON-MARCIAPIEDE? Cosa rappresenta un marciapiede con un segnale di divieto ai pedoni? E’ una nuova filosofia architettonica? O è un dormitorio in pectore?

14. ZonaLais - novembre 19, 2007

Nessuno ODIO, anzi come scritto nell’articolo abbiamo sempre evitato di commentare su tuoi post per rispetto alla tua liberta’ di interpretare alcuni episodi come degrado che degrado non e’ o meglio che noi consideriamo non essere colpa degli amministratori ma degli amministrati.
Abbiamo anche evitato di commentare i commenti di chi si aggrega al linciaggio collettivo, solo che stavolta non e’ questione di interpretazione hai/avete preso una cantonata.

Qui chi fomenta ODIO sei solo Tu (Laura).
Chiedere a “gran voce” nome e cognome di chi avrebbe commesso un errore imperdonabile che poi errore non e’, come lo chiami tu ?
noi lo chiamiamo fomentare il malcontento e l’ODIO.
Magari poi potevi linciarli pubblicamente, per poi tornare indietro e riabilitarli in caso di querela sacrosanta.
Noi abbiamo inteso evidenziare che un certo modo di “fare notizia” a tutti i costi e’ “pericoloso” perche’ non tutti hanno gli “strumenti” per utilizzarlo in modo utile e corretto. Verdetto senza processo questo e’ cio’ che fate qui, sicuramente nel caso in oggetto.
Cosa aspetti ? che un esagitato prenda a schiaffi (o peggio) qualcuno del municipio o del comune ?

Comunque nel post su ZonaLais abbiamo evitato di citare il tuo blog, tu puoi semplicemente cancellare il nostro commento (anzi anche questo) e stiamo a pace 🙂
Chi fara’ mai un collegamento fra i due post ?
In fin dei conti il nostro e’ un blog molto meno conosciuto, meno accessi, meno visibilita’, “scope” molto locale mica come il tuo che e’ il fulcro del degrado a Roma.
Solo chi legge, si documenta e riflette… ma evidentemente questa e’ una categoria in declino.
ZonaLais

15. Albert1 - novembre 19, 2007

Laura, se ti azzardi a cancellare anche solo una parola ti taglio le mani 😀

Mannaggia, ma sempre di lunedì mattina mi dovete far trovare queste cose ??? E scrivetele il venerdì, che DEVO DA LAVORAAAAAAAAA!

16. degradodiroma - novembre 19, 2007

Per Zonalais : Penso che sarà mia cura andare sul posto, e fermarmi a fare delle interviste .. così poi catturando il pensiero di altre persone “CHE NON FOMENTANO ODIO”, come tu sostieni faccia questo blog, saprai dalla voce dei romani cosa pensano sia del marciapiede sia del PALO !

Per Albert1 : No che non cancello .. anzi .. 😀

Laura

17. ZonaLais - novembre 19, 2007

Per parte nostra la chiudiamo qui, affermando che il sopralluogo avresti dovuto farlo PRIMA di pubblicare accuse rivelatesi infondate, senza fare chissa’ quali ricerche.
Certo che se la giustizia la fa’ chi viene intervistato per strada su un marciapiedi o su un palo, stiamo freschi.
Le interviste sono superflue, raccogli piuttosto le firme (e’ facile parlare, molto, ma molto meno firmare con tanto di documento vediamo quanti commentatori ti seguiranno) per una petizione e fai fare in quel tratto la modifica che ritieni piu’ opportuna e giusta.
La vita democratica in un paese civile si svolge cosi’.
O pensi di poter andare contromano perche’ non ritieni giusto un cartello di senso unico ? e cavartela facendo interviste sul significato di un cartello di senso unico.
La verita’ e’ che quel punto era pericoloso, le persone (soprattutto turisti in branco ci passavano ed obbligavano le auto a bruschi scarti)
qualcuno lo avra’ segnalato o meno, qualcuno e’ intervenuto, pero’ si sa che chi fa’ sbaglia, soprattutto se non fa’ quello che dicono i blogger.
ZonaLais

18. alessandro c. - novembre 19, 2007

a mio parere ci avreebero potuto mettere un cartello che specificava che il marciapiedi alla fine era chiuso…così chi voleva farsi un giro fino al muro ( magari per prendere dell foto, che so…) poteva farlo sapendo che poi doveva tornare indietro..le transenne serviranno per non far parcheggiare sul marciapiedi magari…..ma mettere un cartello di divieto di passaggio per i pedoni, SU UN MARCIAPIEDI…allora il marciapiedi cosa ci sta a fare????? Bene chi ha detto allora di metterci delle panchine o dele aiuole…ma così non ha senso…ripeto magari un cartello come per le strade chiuse…..Non conosco poi il blog di Zonalais…ma già che parla di FINTO DEGRADO, credo proprio che non perderò neanche un attimo del mio tempo per vedere di cosa parla….Un saluto!

19. degradodiroma - novembre 19, 2007

Dunque il cartello c’è ma la gente non lo vede.
Mi immagino poi la signora anziana che cammina a testa bassa per guardare dove mette i piedi ed essere certa di non cadere.
Poi mi immagino di sera .. o forse il cartello è illuminato ?? anche per questo sarà bene fare un accertamento ..

Ora Zonalais ed il suo copioso seguito (“Per parte nostra la chiudiamo qui”) hanno deciso di chiuderla quì .. ma anche in altre occasioni “avevano” sbattuto la porta e dichiarato il “loro” sprezzo per questo blog e la sottoscritta, sia in questa sede sia su di un’altro blog (degradoroma.giovani). E per gli amanti del “gossip” suggerisco queste letture .. con relativi commenti :

Ormai ex-giardino di Villa Lais e
Speriamo che domani piova (in questo secondo post io sono riconosciuta con il nome Laura, e degradoroma è il blog che ospita).
Laura

20. fabio - novembre 20, 2007

Mah

21. ZonaLais - novembre 20, 2007

x Alessandro C. che afferma che si poteva mettere un cartello per indicare che il marciapiedi era chiuso in fondo.
Tutto si puo’ migliorare e noi tutti possiamo contribuire correttamente a farlo, l’importante pero’ e’ che non abbiano sbagliato (sarebbe stato veramente gravissimo), e non hanno sbagliato.
Quel tratto e’ frequentato da gente di tutte le nazionalita’ essendo a ridosso di SanGiovanni, quale cartello e’ piu’ internazionale ed esplicativo di un divieto di passaggio ai pedoni ?
Anche se l’avessero scritto almeno in italiano, la “povera vecchietta che camminando a capo chino per non inciampare” non l’avrebbe comunque letto, volendo celiare potremmo arrivare a dire ma che e’ stato il mitico solerte boy-scout a fare attraversare per forza sta’ vecchietta ?
Ci spiace infine che ti autocensuri non volendo capire di cosa parla ZonaLais pero’ probabilmente dipende dal fatto che non abiti nel IX Municipio (in particolare la zona di Villa Lais) o comunque non ti interessa quella zona.

xAlbert: l’attraversamento piu’ vicino e’ proprio alle spalle di quella foto lo vedi tranquillamente dalle paginegiallevisual e porta davanti all’ingresso del San Giovanni.
Ed e’ sicuramente meno pericoloso che girare intorno al battistero (senza protezione alcuna) in mezzo ad una strada ad alto scorrimento come quella.
Che il cartello all’inizio non ci fosse quando sono state fatte le foto ci sembra un po’ strano (anche perche’ l’asfalto vicino al cartello era in ordine come il resto), ma anche ammettendo che fosse cosi’, c’era sicuramente quello in fondo vicino al battistero (a ribadire la pericolosita’ di quel passaggio) che e’ visibilissimo anche se “tagliato” nella foto principale di questo post.

xTutti: il tema del nostro intervento era il fatto di aver sbattuto il mostro in prima pagina, senza verificare prima se veramente c’era un mostro. il tutto aggravato dal fatto che una volta che si e’ presa una toppa la si ammette, non ci si gira intorno cercando scappatoie.
Questo e’ il comportamento che tutti noi contestiamo ai politici salvo poi adottarlo secondo convenienza.
Quindi visto che non hanno sbagliato, ma potevano fare meglio, munitevi di mail o carta e scrivete al comune per suggerire un modo migliore di usare quel marciapiedi.

xLaura: il problema non e’ il gossip, o l’ODIO, il problema sono i FATTI, ed i commenti che seguono i FATTI.
Se tu pubblichi una notizia e gli altri ci commentano sopra fidandosi di te e pensando che sia corretta, poi devi avere il coraggio di smentirla. Altrimenti fai disinformazione e’ piu’ chiaro ora ?
Stessa cosa e’ successa per gli ex-giardini di villa lais dove ti sei fidata di chi ti manda una mail, ma che poi non ha partecipato alla discussione ne era presente agli incontri in municipio IX per denunciare la cosa direttamente.
Per quanto riguarda “speriamo che domani piova” avevamo difeso i vostri blog dall’accausa di razzismo e dalla richiesta di oscuramento avanzata da altri, non ti sembra corretto ?
Abbiamo argomentato pure sul perche’ pero’ andavano “ridimensionati dialetticamente” (questo e’ ODIO ?)
La chiusa di quel commento poi non e’ certo di chi ODIA anzi e’ di chi sprona a far meglio:
“Continuiamo a segnalare tutto il bello ed il brutto, aiutare e controllare le municipalita’, ma non puntare tutto sul negativo, cerchiamo anche le cose buone (e ce ne sono).
Certo intitolare un sito al degrado non consente molto campo libero….”

Per concludere noi di ZonaLais non abbiamo ne vogliamo avere seguito, (non abbiamo messo i commenti proprio per evitare la claque, le critiche ed i pochi attestati di stima possono arrivare benissimo via e-mail) non siamo un giornale, non siamo un partito ne ne facciamo parte, ci piacerebbe invece che da queste esperienze di urban blogging nascessero associazioni di quartiere che si occupassero quotidianamente della propria zona al massimo del proprio municipio.
ZonaLais

22. degradodiroma - novembre 20, 2007

Per Zonalais : Per conto mio ti muovi su di un pianeta diverso dal mio, usi un linguaggio attraverso il quale ti allontani sempre dalla realtà ed anzi puntualmente la capovolge, direi che SEI un politico.
MOSTRI, TOPPE, DISINFORMAZIONE, RIDIMENSIONE DIALETTICA … ??? scendi dal tuo piedistallo e togliti l’aureola perchè la perfezione non è di questa terra. Ti nascondi dentro altri blog per screditarne altri (questo nella fattispecie) .. e qui a conferma del fatto che tu l’ETICA non sai neppure dove sia di casa.
Scusa se scrivo di te al singolare e non al plurale .. ma solo perchè penso che il tuo “pistolotto” non sia stato scritto a 120 dita –> 12 persone.

Ma tornando alla questione del post … io ci vedo anche una sottile comunicazione da parte del Municipio … “Io vi ho avvisato .. dovete attraversare e passare dall’altra parte .. se qualcuno non lo fa e quindi cammina a bordo marciapiede .. lo fa a suo rischio e pericolo, e se viene arrotato da una macchina non pretenda un risarcimento dal Comune” .. un modo per dire “IO ME NE LAVO LE MANI DELLA SICUREZZA DEI CITTADINI, UOMO AVVISATO MEZZO SALVATO”.
Le soluzioni agli abomini non le devono cercare i cittadini partecipando ad assemblee e riunioni, le soluzioni le devono trovare le persone che sono state elette e che devono amministrare la cosa pubblica e se non sono capaci di farlo lasciassero il posto ad altre persone (vedi Alle assemblee ed alle riunioni preferisco le decisioni). Io non mi voglio sostituire a nessuno .. ma pretendo che gli assessori comunali sappiano decidere con autorevolezza, nel rispetto della città e dei cittadini.
Laura

23. ZonaLais - novembre 20, 2007

Non c’e’ proprio dialogo.
Secondo te quello che abbiamo scritto era un pistolotto.
Abbiamo spiegato ed argomentato, forse perche’ ci sembrava ci fosse un margine, non dico di comprensione reciproca ma almeno di dialogo.
Tu invece te la vuoi cavare affermando “SEI un politico” e che ci allontaniamo dalla realta’ e la capovolgiamo, quando chi ha pubblicato il falso scoop sei tu, chiarissimo.

Non denigriamo nessuno, esprimiamo il nostro parere rispetto ad atteggiamenti che non ci piacciono, che sono vuoti, che fanno domande retoriche che pretendono soluzioni magiche.
Ripetiamo di averi difeso dall’accusa di razzismo (che ti non abbiamo mai attribuito) e dalla minaccia di oscurare il blog (che era avanzata da quello che ha scritto il commento su quel sito).

Per il resto quello che ti manca e’ il concetto di democrazia, quelli che tu hai votato non sono tuoi dipendenti ma RAPPRESENTANTI e non hanno la bacchetta magica, hanno idee che tu puoi condividere (se li hai votati) o meno (se non li hai votai, a volte anche se li hai votati) e cercano di portarle avanti, puoi criticarli costruttivamente suggerendo alternative, al limite anche contestarli (noi lo facciamo personalmente) se non ti stanno a sentire, ma sempre proponendo alternative serie.
Il decisionismo che dici tu si applica nelle aziende che non sono uno stato o una pubblica amministrazione oppure si chiama dittatura (di qualunque colore sia) e noi sinceramente ne faremmo volentieri a meno.
ZonaLais

24. Stefano - novembre 20, 2007

Scusate se lo dico, ma secondo me il fatto che ci sia quel cartello è ancora più assurdo!!
Cioè,hanno speso i soldi per risistemare un marciapiede non utilizzabile????
Quando tutta Roma è piena di marciapiedi sfasciati e questi ti vanno a riattoppare una cosa inutile!
Ma qui siamo all’assurdo!!
Grazie ZonaLais per la segnalazione. Non era tua intenzione ma hai addirittura peggiorato la reputazione di chi ha permesso questi lavori.
Comunque per rendere accessibile questo scempio basterebbero delle strisce pedonali che conducano sul lato opposto della strada alla fine del marciapiede. Lo so,ci vuole troppo ingegno per pensare ad una simile soluzione….

25. degradodiroma - novembre 20, 2007

Dunque questa sera sono tornata sul luogo del delitto.
Ore 17.30 ho fermato il motorino e ho raccolto le “voci a caldo” delle persone che hanno fatto la “vasca” e poi sono tornate indietro, oppure persone a cui ho suggerito di non intraprendere quella strada perchè altrimenti sarebbero dovute tornare indietro. In breve, la sig.ra Lucchini Orietta sinteticamente ha definito la cosa “Assurda e pericolosa”, la sig.ra Boschetti Alessandra ha detto ” Assurda ed al limite del ridicolo”, il sig. Alessandroni Silvano (infermiere) ha confermato le opinioni della sig.ra Orietta, altre persone hanno detto, facendogli osservare il palo con il segnale, che “il palo se lo possono mettere … “, e poi ringraziamenti da parte di coloro che ricevendo il mio avviso facevano immediato “dietro front”.
INSOMMA IL DIVIETO C’E’ MA NON SERVE A NULLA, e la transenna senza via di uscita nella parte terminale, peggiora la situazione in quanto nessuno attraversa la strada ma preferisce rischiare e camminare costeggiando il marciapiede.
Laura

26. ZonaLais - novembre 21, 2007

A parte il voto plebiscitario del popolo contro l’abominio,
hai finalmente scritto la frase magica:
“IL DIVIETO C’E’ MA NON SERVE A NULLA.”
Come tutti i divieti non rispettati da noi romani.

Questa poi e’ illuminante:
“nessuno attraversa la strada ma preferisce rischiare e camminare costeggiando il marciapiede.”

Ci viene da esclamare:
SonoPazziQuestiRomani
(come Obelix picchiandosi le tempie)

Ok ci hai convinto!
ZonaLais

27. degradodiroma - novembre 21, 2007

Per Zonalais. Domande : hai mai attraversato fuori le aree di attraversamento pedonali ? hai mai parcheggiato in doppia fila ? per questioni X, (esempio : lavori di ristrutturazione palazzi, presenza di transenne, presenza di auto sui marciapiedi) .. hai mai camminato sulla sede viaria senza far uso del marciapiede posto sul lato opposto ? e bada non ti sto ponendo domande che presuppongono un più rigoroso rispetto del codice della strada e/o del vivere civile per le quali assumo per default un tuo corretto comportamento. Se rispondi “no” a queste domande potrei dire di te che sei “un eccezionale esempio di virtù, e di educazione”, se rispondi “si” dovrei dire di te il contrario .. ora questo per farti osservare che il comportamento delle persone non lo si può giudicare “incivile” solo quando fa comodo a noi.
Laura

28. ZonaLais - novembre 21, 2007

Perche’ dovremmo essere eccezionali esempi di virtu’ e non normali cittadini che rispettano la legge ?

Comunque “NO” non facciamo queste cose:
– se ci sono le strisce attraversiamo sulle strisce
(oltretutto il codice della strada prevede una sanzione se attraversi la strada fuori dalle strisce se a meno di 100 metri ci sono strisce pedonali:
http://www.sicurauto.it/news.php?subaction=showfull&id=1034814354&archive=&start_from=&ucat=1&)
– quando usiamo l’automobile non parcheggiamo in doppia fila, ne in divieto di sosta, ne sulle strisce, ne nei posti dei disabili.
– usiamo i marciapiedi laddove si deve.
Faticoso vivere cosi’ ehh 🙂

E Tu la rispetti la legge ?
ZonaLais

29. degradodiroma - novembre 21, 2007

Per Zonalais : Bravo bravissimo 7+ … clap .. clap .. clap .. o forse ti si è allungato il nasooooooooooo. Ma, mai, mai e ridico mai, hai per 1 sola volta fatto 1 delle 3 cose che ti domandavo ? MAI SCESO DAL MARCIAPIEDE se non DOVE CI SONO GLI ATTRAVERSAMENTI e sei tornato indietro ??? Bah !
Ego te absolvo a peccatis tuis in nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Questa sera recita 10 Ave Marie e 15 Pater Nostri. Amen.
Laura

30. Daniele - novembre 22, 2007

Vedendo la foto di ZonaLais a me vengono ancora di più i nervi, poiché è stata recintata un’area inutile.
Che senso ha creare un’isola in cui nessuno può circolare? Perché allora non farci una bella aiuola, per rendere più bello il paesaggio urbano?
Quelle altro non sono che transenne fisse, e sono là perché l’amministrazione romana non è in grado di impedire che le macchine parcheggino sopra al marciapiede o comunque a lato marciapiede. Roma è piena di transenne fisse come quelle. Non basterebbe un carro attrezzi per portarle via? Non basterebbero dei vigili a controllare?
E quel cestino dei rifiuti a che serve ancora lì?
La verità è che a Roma, ultimamente, stanno crescendo barriere ovunque, con una scusa o con un’altra.

31. ZonaLais - novembre 22, 2007

Ma come si fa’ a discutere cosi?

Che ce lo chiedi a fare se poi non credi a quello che ti si risponde ?
Mai fatto cose del genere. Ma perche’ deve essere cosi’ strano ?

Per quanto riguarda preghiere e quant’altro pensi che solo un credente cattolico possa/debba rispettare le regole ?
Uno che professa un’altra religione o un non credente non possono avere un senso etico personale ed attenersi a quello?

32. Albert1 - novembre 22, 2007

Suggerirei un break a questa cosa, sta sfuggendo al controllo.
Perchè farsi le pulci a questo modo ?
Su, su ragassuoli, la vita è bella, oggi rifà pure un po’ caldo…
Propongo un picnic sul marciapiedi recintato!! 😉

Anzi, potremmo indicarlo come luogo di sosta ai ragazzi di Baracca Italia! Mica male come visibilità, e nemmeno intralcerebbero.

Che belle idee che mi vengono a volte!

33. degradodiroma - novembre 22, 2007

Si Albert1 hai ragione, anche perchè io a parlare con ZonaLais faccio una fatica immane e puntualmente dico, ma solo per educazione e senso dell’ospitalità .. , .. che forse non mi sono spiegata e di quì .. che sono stata fraintesa.
Solo una spiegazione ulteriore va data. Aver accennato a questioni religiose NON E’ come dici tu Zonalais : ” pensi che solo un credente cattolico possa/debba rispettare le regole ?”, ma più semplicemente perchè alle bugie poi dovrebbero seguire preghiere di contrizione. Detto ciò CHIUDO la questione con ZonaLais.
Laura

34. ZonaLais - novembre 22, 2007

“alle bugie poi dovrebbero seguire preghiere di contrizione”
appunto vedi che siamo d’accordo ?

Noi avevamo scritto:
“Se siete in buona fede […] smentite questo articolo,”

Che poi e’ equivalente a fare contrizione.
Amen.
ZonaLais


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: