jump to navigation

La nostra .. Senna ottobre 16, 2007

Posted by degradodiroma in Degrado, Segnalato da ..., Sporcizia.
trackback

Segnalato da : Stefano

Lungo Tevere Sanzio

Il fiume Tevere .. come la Senna,
il lungo Tevere .. come il lungo Senna,
il Tevere navigabile .. come la Senna navigabile,
l’isola Tiberina .. come Ile de la Cité

quante cose accomunano Roma a Parigi .. però vorrei andare a vivere a Parigi .. chissà perchè !!

Lungo Tevere Sanzio Lungo Tevere Sanzio Lungotevere Sanzio

Lungotevere Dè Cenci Lungotevere Farnesina Lungotevere Sangallo

Advertisements

Commenti

1. alessandro c - ottobre 16, 2007

Il tevere come una fogna…non ripulivano gli argini nemmeno l’estate scorsa quando c’ erano le bancarelle…di fronte all’isola tiberina, c’era un ristagno di melma e spazzatura (ma a quest’ ultima forse i romani ormai ci sono abituati, dandone sempre la colpa ai turisti) da far paura….l’avessero rimosse una sola volta……

2. Constantine - ottobre 16, 2007

Complimenti per le foto! Tempo fa segnalai la cosa al Comune, mi risposero che l’unica soluzione sarebbe stata quella di tagliare le radici, abbattere gli alberi e riasfaltare il marciapiede. Da queste foto si vede chiaramente che le radici non c’entrano. La cosa incredibile è che mentre il Lungosenna è uno dei posti più belli dove passeggiare a Parigi, specialmemnte la notte, i Lungotevere sono una desolazione. Nati dallo sventramento postunitario, quando serviva proteggere Roma dalle inondazioni, hanno un’architettura mediocre e difforme. Ma la cosa inacettabile è che sono stati concepiti per le macchine… quando ancora le macchine non c’erano. I marciapiedi sono strettissimi e non si può passeggiare senza infrociare contro un albero o un paletto o sprofondare dentro una buca. I turisti arrivano sul lungotevere e fanno dietrofront. E’ una spaccatura dela città, una vera e propria autostrada che taglia in due Roma. Bisogna moetterci mano subito, il lungotevere è in condizioni pietose… sembra una strada di Baghdad!
Anche io ho scritto un articolo simile: http://degradoroma.giovani.it/diari/1425922/lungotevere_vs_lungosenna.html
Passa ogni tanto a trovarmi 🙂

3. degradodiroma - ottobre 16, 2007

Caro Alessandro .. se pulisci il Tevere .. distruggi L’ECOSISTEMA e quindi daresti il via alle proteste di animalisti, degli ambientalisti, dei verdi, dei “soli”, dei pescatori … ecc.. ecc..
Laura

4. Renato1975 - ottobre 16, 2007

Bè, mi complimento con te, Constantine – e lo dico senza sarcasmo: hai il coraggio di dire che il LungoTevere, degrado o non degrado, non è una creazione urbanistica paragonabile al LungoSenna… aggiungerei che è inferiore perfino al lungofiume di Chicago, ma nella città più campanilista del pianeta Terra è difficile affermare – senza rischiare di venire lapidati – che il centro storico di Roma è pieno di soluzioni urbanistiche infelici ed anche brutte…
Per riqualificare il LungoTevere ci vorrebbe una soluzione estrema: convogliare il traffico sottoterra così da renderlo interamente pedonale… ma dubito che i nostri amministratori possano essere così illuminati….

5. circondati - ottobre 16, 2007

L’unica cosa che accomuna il lungo senna al lungo tevere è il rottame di bicicletta. Anzi neanche quello perchè accanto alla fù bicicletta c’è anche un fù motorino.

6. Manuele - ottobre 16, 2007

Roma vs Paris :
Roma assomiglia a Parigi solo in via Veneto, mentre Parigi assomiglia a Roma perché tutta la città è come via Veneto !!

7. Constantine - ottobre 16, 2007

Potrebbero almeno allargare i marciapiedi, curare l’arredo urbano, risistemare la segnaletica, rifare l’illuminazione. Convogliare le auto sotto (dove?) avrebbe costi pazzeschi

8. fabio - ottobre 16, 2007

Non credo sia il caso di paragonare Parigi a Roma, due mondi diversi, ma soprattutto due storie diverse. La bellezza di Roma deve essere ritrovata in altre cose. Ggli argini furono necessari dopo l’ennesima inondazione. Imitare Parigi fu un errore e lo sarebbe tutt’ora. In verità il Tevere lacustre era una straordinaria poesia. Ma i tempi non erano maturi per soluzioni ecocompatibili, e neanche adesso…
Quando furono costruiti gli argini venne fatto fuori un gran pezzo di storia di questa città, vennero abbattute molte case antiche, di straordinario effetto pittorico, quello che faceva impazzire d’amore i viaggiatori stranieri, soprattutto i francesi…

9. Renato1975 - ottobre 16, 2007

Ok, Fabio, ma il mondo va avanti: non ha senso piangere sul latte versato… quello che occorrerebbe fare è migliorare l’esistente… sì, avrebbe un costo elevato convogliare il traffico sottoterra… ma si potrebbe fare… la Francia e l’Inghilterra sono unite da un treno che corre sotto il mare 🙂

10. Constantine - ottobre 16, 2007

No, la soluzione che proponi è pazzesca. E poi dovresti fare una sacco di uscite in superficie e questo rovinerebbe tutto. Sinceramente non credo sia fattibile, meglio investire quei soldi in pulizia delle starde e cura dei giardini. E poi i lungoteveri pedonali sarebbero un mortorio, non sono proprio i luoghi più adatti ad essere pedonalizzati. Io propongo, piuttosto:
– Allargamento e rifacimento dei marciapiedi a sanpietrini
– Lampioncini e nuova illuminazione (niente più fili sospesi)
– Livellamento del piano stradale.
– Arredo urbano e ristrutturazione degli edifici, dei muretti, ecc, anche con inserti di architettura contemporanea.
Per me basterebbe questo.

ps. Rifacimento delle balaustre di Ponte Garibaldi. Fanno veramente schifo.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: