jump to navigation

Il funerale del Cimitero luglio 20, 2007

Posted by degradodiroma in Cimiteri, Degrado, Segnalato da ..., Writers.
trackback

Segnalato da : Augusto Santori –  Consigliere Municipio ROMA XV

Cimitero - Parrocchietta 

Oggi abbiamo celebrato il primo funerale di un Cimitero, quello monumentale de La Parrocchietta al quartiere Portuense, che tra murales, immondizie e insediamenti abusivi sta morendo di fronte all’immobilismo delle Istituzioni, in un minuto, il filmato, di cui sono l’autore, descrive il degrado e l’incuria cui è lasciato oggi il Cimitero La Parrocchietta. http://it.youtube.com/watch?v=fMtNvFKXLzk Tutte le mura che delimitano il perimetro della Parrocchietta sono ricoperte da murales, scritte e graffiti, inoltre negli spazi antistanti insistono uno stanziamento abusivo di nomadi e immondizia. Segnalazioni che avevamo già avuto modo di denunciare a Gennaio ma che oggi ci spingono a celebrare forse il più triste dei Funerali, quello di un Cimitero. Cimitero - ParrocchiettaChiediamo all’AMA e al Municipio XV un immediato recupero della zona affinché il rispetto dei morti e la sacralità di un cimitero tornino a rappresentare il grado di civiltà di una città e su questo chiediamo al Sindaco Veltroni e al Presidente Paris di farsi concreti promotori per la risoluzione del degrado della Parrocchietta al fine di ridare dignità all’intero quartiere Portuense.

Advertisements

Commenti

1. degradodiroma - luglio 20, 2007

Ancora un cimitero offeso … dopo : Cuba vive .. accanto a morti
Laura

2. Daniele - luglio 20, 2007

Il problema è che il “sindaco” si muove velocemente soltanto per cancellare alcune scritte, come quelle antisemite o presunte tali, perché porta voti toglierle.
Cancellare scritte sui muri dei cimiteri cosa porta? I defunti non votano, cari miei, altrimenti quelle scritte sarebbero sparite nel giro di 24 ore, come le altre…

PS: Cuba vive c’è ancora. A breve gli dedico foto e articolo.

3. Melvin - luglio 24, 2007

La situazione è quella che è.
io abito da quelle parti, ma da quello che sò, ormai il cimitero non è più cimitero, nel senso che coloro che vi riposavano sono stati spostati altrove,ma ciò non giustifica il degrado dei luoghi.
addirittura là nella piazzola antistante io ci facevo scuola-guida.
Comunque il signor Santori si sta sempre più specializzando in video, magari si può presentare al prossimo festival del cinema di roma…

4. Albert1 - luglio 25, 2007

Melvin:
sai male.
I sepolcri ci sono, e sono pure “abitati”.
Quanto allo schifo che c’è intorno, non fa piacere vederlo, basta però che non arrivi dentro. Pare che anche writers e zozzoni vari abbiano un minimo di rispetto per il luogo…
Finchè dura…

5. Carlo - gennaio 22, 2009

Ragazzi, a me sembra che Augusto Santori, conosciuto per la sua totale disonestà intellettuale, abiba, con questa folli voluto semplicemente preparare la campagna elettorale, agitando la bandiera del degrado del quartiere nel quale mi onoro di abitare. La situazione è molto più complicata. Primo i fratelli Santori sono cortesemente invitati a rimuovere tutti i loro manifesti abusivi con i quali hanno lordato di menzogne la Parrocchietta, secondo i fratelli Santori dovrebbero sapere molto bene che il destino del cimitero della Parrocchietta (che non mi sembra essere monumentale… storico, ma l’aggettivo monumentale lasciamolo per altre cose) era già segnato da circa mezzo secolo, allorquando fu approvato il folle progetto del cavalcavia della Portuense, previsto per le Olimpiadi del 1960 e realizzato per il Giubileo del 2000. La lotta al degrado, cari i miei Santori, non la si fà prendendosela a scopo elettorale con la povera gente, non la si fà coprendo di menzogne abusive un intero quartiere, ma la si fà inserendo le infrastrutture nel tessuto sociale di una città e non regalando squarci come il viadotto della Portuense.

6. Marco - giugno 10, 2009

Caro Carlo concordo pienamente con te sul giudizio sui fratelli Santori.
Non ne bastava uno a creare danni ma se n’è aggiunto un altro ben più lesivo del primo.
Conosco molto bene il Sig Augusto Santori ed è un populista, fascista, approfittatore, cinico e maiale.
Ebbene si un maiale perchè io ho un locale in zona e vi posso garantire che l’ho avuto a cene diverse volte e non ho mai conosciuto persone che abbiamo avuto il coraggio di sputare nl piatto dei commensali vicini per scommessa.
Questo è quello che ho osservato personalmete e non vi dico le bugie che mi ha raccontato ma sono convinto che prima o poi tutti capiranno con chi hanno a che fare.
Purtroppo molti non lo dicono e queste persone speculano anche sui morti per i loro interessi.
Da me non è più tornato e se tornasse gli sputerei mettendomi purteoppo sul loro piano.

Marco


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: