jump to navigation

In preda ai “barbari” luglio 19, 2007

Posted by degradodiroma in Degrado, Segnalato da ..., Sporcizia.
trackback

Segnalato da : Smemo73

barbariLa raccolta degli abiti usati, avviata ormai da tempo, potrebbe rappresentare un grande esempio di civiltà e di solidarietà, ma la realtà purtroppo è quella rappresentata dalle foto allegate.
Questi cassonetti, pur rinforzati e dal difficile accesso, vengono regolarmente forzati, divelti o addirittura vengono fatti scivolare dentro dei bambini per recuperare le buste all’interno. Le foto rappresentano una situazione nei pressi della zona San Paolo/Colombo, ma la situazione è la stessa in tutta la città, soprattutto in zona Magliana dove la presenza di rom e nomadi senza scrupoli è ormai fuori controllo.

La massiccia ed incontrollata presenza di rom a Rom(a) contribuisce in larga misura al degrado dell’intera città, sia nel centro, ma soprattutto nelle periferie, dove la situazione è davvero insostenibile.

Si vive quotidianamente nel degrado, in preda ai “barbari”

Abiti usati Abiti usati Abiti usati

Annunci

Commenti

1. Roberto - luglio 19, 2007

…e la cosa paradossale è che poi i rom questa stessi abiti usati li rivendono spesso in mercatini spontanei abusivi (vedi Porta San Giovanni-viale Carlo Felice) e ciò che non riescono a vendere lo lasciano abbandonato sul marciapiede. E’ davvero uno schifo e sembra sia difficilissimo fermarli.

2. Pietro T - luglio 19, 2007

Più che cassonetti servirebbero centri di raccolta di zona presidiati e con eventuale servizio a domicilio (a pagamento). Il fatto che il centro raccolta riguardi il vestiario usato o direttamente i Rom è solo una questione di ottimizzazione… 😄 😄 😄

3. degradodiroma - luglio 19, 2007

Questi cassonetti sono presenti anche in alcune scuole.
Concordo con Pietro T., è inutile tenerli in strada, .. dovrebbero essere accolti nei Municipi, nelle scuole tutte, alle fermate delle metropolitane, e questo per riceverne il giusto e spontaneo controllo.
Laura

4. anna - luglio 19, 2007

è uno scempio…uno pensa di fare del bene e poi???
e poi questi se ne approfittano in maniera indecente e incivile!

5. Claudio Cafasso - luglio 19, 2007

non sono solo rom e nomadi; sono anche poveri disgraziati che cercano quacosa da barattare o da vendere per compare cibo. e non rovistano solo nei cassonetti per abiti usati, rovistano in tutti i cassonetti alla ricerca di qualcosa che consenta loro di sopravvivere. Non generalizzerei troppo limitando il fenomeno a rom e nomadi, è un segnale invece di povertà nel degrado e di degrando nella povertà. Guardate i cassonetti vicino ai supermercati, vi capiterà di vedere che c’è sempre chi cerca fra gli scarti alimentari qualcosa per metter insieme un pasto. E capita in tutta la città, sia nei quartieri cosiddetti bene che nelle periferie. Io ho scritto una breve analisi sul fenomeno, gradirei anche i vostri commenti. la potete leggere qui, grazie.
http://vignaclara.wordpress.com/2007/07/04/quelli-che-frugano-nei-cassonetti/


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: