jump to navigation

Confronto di bellezza ! sigh ! maggio 28, 2007

Posted by degradodiroma in Colosseo, Le mie segnalazioni.
trackback

Nel progetto  sono affluite diverse foto poche però nel rispetto del tema “giardini”. Tra queste ho scelto quella che a mio avviso fosse la più bella.
Ho poi scelto per Roma la foto più bella, scattata in occasione della mia personale gita al parco del “Colle Oppio” … gita ampiamente documentata nelle foto di Venerdì 25/05/07. Ho ritenuto che in tema giardini di Roma, il “Colle Oppio” dovesse rappresentare il “fiore all’occhiello”, vista la sua centralità e la sua indiscutibile importanza in relazione alla vicinanza con il Colosseo oltre al suo valore archeologico dovuto alla presenza della Domus Aurea Neroniana. E questo è quanto !   

Laura

… click su … More .. se non siete deboli di cuore

Qui sotto il “Lago di Como”. Foto inviata al blog, da Mauro di Treviso.

Lago di Como - Foto Mauro

… foto ESAGERATA 😀 per la bellezza del luogo !

Quì sotto l’area denominata “Roseto” al giardino del “Colle Oppio” – Colosseo, Roma. Foto mia.

Roma - Il Roseto al Colle Oppio 

… foto ESAGERATA 😦 per la tristezza del luogo !

cui si accompagnano queste per maggior dettaglio

Roma - Il Roseto al Colle Oppio Roma - Colle Oppio … il roseto

Annunci

Commenti

1. Mauro - maggio 28, 2007

…e il bello è che sono giardini comunali entrambi…

…ma siamo sicuri che qui i giardinieri abbiano ben imparato e messo in pratica elementari nozioni?
…no perché da noi mi risulta che i giardinieri comunali, anche per le aiuole comunali (non per forza i parchi) debbano addirittura considerare la giustezza degli accostamenti di colore fra le varie piante (un po’ come da noi se andate nei supermercati vi accorgete che nulla è messo a caso, e ci sono bellissimi accostamenti cromatici in ogni reparto del supermercato, per es. bibite; se ne occupa la figura professionale del merchandiser; qui a Roma l’ho trovato solo all’Auchan, per il resto un po’ tanta sciatteria perfino nei supermercati del centro centro)…

io manderei quelli del servizio giardini a fare qualche trasferta… ma è possibile che un parco come quello di colle oppio (per non parlare di tutti gli altri che sono tenuti molto peggio e con molta più sporcizia) sia tenuto in questo modo con milioni di turisti? mah…
…la cosa che hanno in comune veltroni e bassolino è che tutta la grancassa della stampa è sempre trionfalistica (nuovo rinascimento per napoli titolavano tutte le testate negli anni ’90… oggi “la grandeur di roma con veltroni”… ma avete visto com’è finita a Napoli… ormai ridotta molto peggio di BOGOTA’), speriamo che con obiettività qualcuno riesca a rendersi conto delle condizioni e della qualità della vita e dei servizi a Roma, rispetto a qualsiasi altro posto…! 🙂 ciao a tutti

2. Renato1975 - maggio 28, 2007

Bè Mauro, ne abbiamo parlato molto: il paragone tra il Rinascimento alla pummarola di Bassolino ed il Rinascimento de’ noantri di Veltroni calza a pennello, proprio perchè in comune questi due “grandi amministratori” hanno goduto dei favori della stampa in una maniera scandalosa!
Ma tu ti immagini cosa sarebbe accaduto nei confronti del Berlusca se Napoli e la Campania (la mia regione) fossero state amministrate da un esponente di FI? La faccenda della munnezza gli sarebbe stata rinfacciata fino alla fine dei tempi… ed invece… la Campania “Felix” è amministrata da Bassolino – non ce ne dimentichiamo – e gli si perdona tutto… Ma quand’è che i nostri amministratori si prenderanno le responsabilità per tutto ciò non va?

3. Mauro - maggio 28, 2007

Guarda io sarò anche di parte nel dare questo giudizio, e lo dico, è un giudizio personale, criticabile finché volete (ma lo dico perché certe zone le conosco da 30 anni)… ma proprio in questi istanti Reguzzoni, presidente della Provincia di Varese, sta per essere riconfermato con il 72% delle preferenze, lo stesso Zaia a Treviso (oggi vicepresidente regionale) fu riconfermato con il 70%… e sono entrambi leghisti…, e non ti dico cosa sta facendo la lega a verona con Tosi con il 57% al grido di “legalità, decoro e sicurezza”.
…trento e bolzano hanno due ottimi presidenti di provincia, di sinistra, ma di una sinistra molto molto seria su questioni come legalità, sicurezza, ambiente, decoro urbano, dei modelli di buona amministrazione. E anche Illy ha dimostrato tutto sommato buon governo a trieste.
E tutto il nord alle amministrative, ma ormai anche in province e regioni (anche in zone come parma , ex rosse per esempio), sta andando al centrodestra.
Il centrosud è rimasto sostanzialmente al centrosinistra e se ne vedono i risultati e le distanze a volte abissali (Bertolaso: “al sud ci sono situazioni che possono essere chiamate da quarto mondo”); coalizioni che hanno sempre, tra l’altro i verdi e tutti gli ambientalisti in mezzo, e ti aspetteresti che battessero la destra o la lega per sensibilità ambientale, pulizia, decoro, raccolta differenziata, eccetera, mentre scopri che è l’esatto opposto, e che non è un caso che Reguzzoni e Zaia abbiano preso il 70% al secondo mandato… trovi una sensibilità ambientale e più in generale di decoro urbano che è al vertice del programma di governo della città o della provincia, insieme alla questione sicurezza e criminalità.

Ti cito l’ottimo e stimatissimo Massimo Gramellini dalla Stampa di Torino:

“Rassegnamoci. L’italia non sarà mai il Paese veloce e tosto dei Sarkò, ma sempre quello morbido, avvolgente e sostanzialmente immobile dei Veltrò”.

Per fortuna… non tutta l’italia gramellini… altrimenti saremmo presi veramente, ma veramente male: Napoli et Roma docent!

Spero solo che questi nostri amministratori della Città di Roma si rendano conto in quale direzione stanno portando la città e quanto la città stia perdendo terreno ogni giorno, ogni istante, rispetto alle altre capitali europee.

4. Simo - maggio 28, 2007

Hai ragione su tutto Mauro, però non è che devono rendersi conto gli amministratori, che sostanzialmente delle città che amministrano gliene frega poco, siamo noi cittadini che dobbiamo renderci conto dello schifo in cui ci fanno vivere, e a pagamento per di più!!! E poi mandarli a casa!
Quanto alle giunte di Sinistra (che “sinistre” lo sono per davvero!), che secondo tradizione dovrebbero essere più sensibili alle tematiche ambientali, aggiungo che la leggenda vuole che siano anche più sensibili ai bisogni del popolo. La realtà è che invece proprio questi figuri, ovunque abbiano e stiano governando, hanno messo tasse e balzelli senza ritegno sulle teste dei cittadini. Vedi i parcometri, le addizionali regionali e comunali, la nettezza urbana……in cambio però danno tanti servizi: ai rom soprattutto!

5. Visitatore - maggio 29, 2007

Gestire, curare un giardino o un parco pubblico in una città di 100.000 abitanti ( Bolzano ) è una cosa. Gestirlo e curarlo a Roma ( 2.800.000 ) Napoli ( 1.500.000 ) è un’altra
Andate a Sorrento o a Tivoli, troverete giardini al pari di quelli rappresentati nella foto

6. Romina - maggio 29, 2007

Gli uffici comunali, i servizi giardini i dipendenti e i CONTRIBUTI che le città ricevono dal governo sono PROPORZIONATI alla loro grandezza e ai loro abitanti. Perchè quindi NON DOVREI PRETENDERE la stessa cura di Treviso, di Arezzo, di Como ecc…?????????????????????????????????????

7. degradodiroma - maggio 29, 2007

Lo sapevo .. lo avevo in pugno .. si prima o poi sarebbe ancora uscito fuori questo rapporto “Città piccola sta a Città grande come Città ordinata e pulita sta a Città disordinata e sporca” .
Allora faccio un appello a tutti … mandatemi una bella foto di un giardino centrale di Londra, o Parigi, o Amsterdam, o Madrid, o Barcellona .. così l’anonimo “Visitatore” sarà soddisfatto .. e forse questa ripetitiva affermazione la metterò a tacere per sempre e la seppellirò sotto l’evidenza di una valanga di fatti !
Laura

8. Renato1975 - maggio 29, 2007

New York ha quasi nove milioni di abitanti: e lo hai visto il Central Park?
Vacci, per favore, e poi fammi sapere!

9. Mauro - maggio 29, 2007

Caro Visitatore… tanto per cominciare a Sorrento e Tivoli (dove ci sono stato da poco) non ci sono affatto giardini paragonabili con quelli della mia foto, ma proprio per nulla!
E soprattutto, come bene dice Laura, ti posso mandare foto analoghe a quella da Londra e soprattutto Parigi e dai paesi nordici.
O perché no, di Valencia o Madrid o Barcellona.
Così mettiamo a tacere anche quest’obiezione assurda (che poi è esattamente quella che ha affermato il Comune di Roma… vergognosamente!)

10. Simo - maggio 29, 2007

Romina mi ha tolto le parole dalla….tastiera! Le tasse che paghiamo, e quindi i relativi stanziamenti, sono (o dovrebbero essere!)proporzionati alla dimensione della città. Capisco di più il problema del traffico, in una grande città è sicuramente più difficile da gestire, e le soluzioni possibili sono comunque limitate, ma per favore non venite a parlarmi di problemi per il decoro e la pulizia!
Se è una città grande ci siano più addetti e più controlli!

11. Mauro - maggio 29, 2007

Simo ma anche per il traffico basta andare a Barcellona: tutti sensi unici, rimozione degli incroci e scorrevolezza immediata… e rotonde dove possibile, tutto qua!

12. Simo - maggio 29, 2007

Sì certo, non dico che non sia possibile volendo, ma certo è più plausibile avere problemi di traffico che di sporcizia, in una città Capitale (quanto gli piace a Veltroni questa parola!!!).

13. andrea da Milano - maggio 30, 2007

Il problema non sta solo nel criticare Veltroni o Bassolino,ma la critica la si può estendere anche all’ex sindaco di Milano Albertini e all’attuale sindaco Letizia Moratti.
Qualcuno mi dica cosa abbiano fatto questi due sindaci per la città?NIENTE!ormai la Moratti si è dedicata a promuovere i famosi kit anti-droga,dimenticandosi il fatto che se facesse veramente il suo lavoro avrebbe tante cose da svolgere per Milano,per renderla una città che si meriti veramente la definizione di CITTà.
E poi non è possibile che si debba sempre contrapporre un nord candido perfetto e pulito da un centro sud degradato.
Mi sembra un ragionamento molto semplicistico e banale.
Dipende da zona a zona,ad esempio ok a Como lungo il lago ci saranno i fiorellini e l’erbettina ma basta fare due passi che già si trovano tante brutture e ad esempio basta andare a Roma in Vittorio Veneto che anche lì si possono trovare giardinetti curati.
Se in Italia si continua a ragionare in questa maniera non andremo da nessuna parte!

14. Simo - maggio 30, 2007

Non ho idea di cosa abbiano fatto Albertini o Moratti per Milano, io vivo a Roma. Però so benissimo tutto ciò che non hanno fatto Rutelli e Veltroni per la mia città. Il nord Italia non è sicuramente perfetto(d’altronde sempre di amministrazione italiana si tratta!), però personalmente ho riscontrato livelli di pulizia, organizzazione e cura delle cosa pubblica molto più accettabili che qui o nei pochi centri del sud che ho visitato. Discorso a parte per Aosta che è davvero una città “con i fiocchi” e per tutti i centri grandi e piccoli del Trentino Alto Adige. Se poi ci vogliamo spingere oltre frontiera….in Austria mi è capitato perfino di vedere un addetto comunale che spazzava i binari del tram! Che inoltre sembravano già puliti!

15. andrea da Milano - maggio 30, 2007

il Trentino Alto Adige e la Valle d’Aosta come dici tu sono casi a parte.
Io ti parlo della realtà lombarda in cui vivo.Vai ad esempio a farti un giro nei quartieri della Comasina o a Ponte Lambro….oppure anche in molti centri dell’hinterland milanese….,c’è da mettersi le mani nei capelli.Magari in realtà più piccole c’è più cura delle cose ma comunque il punto a cui voglio arrivare è far capire a tutti che noi sbagliamo ad incolpare questo o quel sindaco,perchè i problemi non sono il Veltroni o l’Albertini di turno,ma il sistema Italia che purtroppo non funziona,e soprattutto si deve sconfiggere la maleducazione e la non curanza delle proprie città da parte degli italiani,al nord come.al sud.

16. Romina - maggio 30, 2007

Eh no, Andrea, non è solo un fatto di educazione del civis. In questo blog abbiamo affrontato più volte questo argomento e combattiamo fortissimamente l’idea che sia questa la causa. Perchè i maleducati ci sono in ogni realtà, ma quando c’è UNA VOLONTA’ precisa che le cose debbano andare in un certo modo, i maleducati vengono repressi e la città viene pulita, e qualificata. Noi ci troviamo di fronte ad un sindaco che sostiene di aver creato un mondo migliore, mentre la realtà che ci sta facendo vivere è a dir poco paradossale.

17. andrea da Milano - maggio 30, 2007

Hai perfettamente ragione,il principio di fondo sono le amministrazioni permissive e non curanti,ma è un fatto anche di cultura a mio parere,che non è da sottovalutare.
NESSUNO ad esempio nel centro di Londra o di Parigi oserebbe imbrattare un palazzo,o buttare le cose per terra.A Londra giuro di non aver visto nessun cestino, ma nonostante ciò era tutto pulito.
Ad esempio quando ha vinto il Milan,e sono andato in centro, ci sono stati degli incoscienti che hanno imbrattato i muri dei palazzi antichi di Porta Venezia,e a pochi metri si trovavano dei vigili urbani che non sono intervenuti.Io dopo questo episodio ho capito che la lotta contro i maleducati e il degrado sarà veramente difficile

18. Mauro - maggio 30, 2007

Penso abbiate entrambi ragionissima.
Romina perché dice che comunque il livello di civiltà media (media, non certo di tutti) al nord è più alto, e comunque Milano è mediamente (ma mediamente però!) più pulita.
Poi è verissimo che se uno va a Ponte Lambro o alla Comasina c’è da mettersi le mani nei capelli. E quindi Roma, che è 8 volte più grande di Milano ha situazioni di degrado maggiori.
Però ci sono due considerazioni: qui si vede benissimo che il degrado a roma è sia periferico che centralissimo, cosa abbastanza eccezionale per una città che vuole essere fiore all’occhiello dei suoi 16 milioni di turisti.
Seconda cosa i giardini del lago di como li puoi trovare non solo a como ma anche sul garda a Sirmione, li puoi trovare in Friuli, in Trentino e in Val D’Aosta… molto diversa è la realtà del centrosud, dove non li trovi così facilmente. Al nord c’è solo milano di città un po’ più grande, le altre sono tutte molto piccole e molto ben curate, da Varese a Treviso a Udine a Como, ad Aosta.
Quanto invece al fatto di cultura sono d’accordo, comunque la cultura italiana media è quella di sapere che “tanto” non si viene puniti se si commette un’infrazione e quindi la si può fare, e seconda cosa non c’è quel livello di civiltà che c’è ovunque ormai in europa, dai paesi nordici (veramente iper-civili, ma veramente, anzi direi quasi altruisti), in giù.
Ma allora, se è vero tutto questo, è l’amministrazione per prima che deve dare il buon esempio, non fare del buonismo idiota e della noncuranza il paradigma della propria amministrazione, altrimenti alimenta ancora di più in alcuni cittadini già molto poco civili la mancanza di educazione.
Io ti posso solo dire che Treviso 20 anni fa era una fogna, una vera e propria cloaca. L’acqua del fiume puzzava e il fiume che la bagnava in ogni angolo – passa sotto i palazzi, ecc. ecc. – era sporco.
Il Comune ha depurato tutte le acque, messo oche e anatre per ripopolarlo, su ogni sponda e ponte ha messo fiori dappertutto curandoli ogni mattina, riasfaltato tutte le strade, curato i giardini pubblici come quello della foto, mentre fino a prima i tossici si bucavano, fatto multe per chi butta chewing-gum per terra o cartacce, pattugliato costantemente il territorio con decisione e severità se occorre.
Dopo 20 anni di questa cura la città non la riconosci. Ecco, se applicassi tutto questo anche a Roma – e infatti non c’entra molto nord e sud -, almeno, se non pulita e perfetta come Ginevra, comunque assomiglierebbe molto di più ad una città civile e non degradata.
Ma ci vuole impegno, sforzo, volontà di seguire 24 su 24 vie, quartieri, eccetera eccetera, associazionismo comune, bastone quando serve per reprimere certi comportamenti, perseguimento dell’assoluta legalità in ogni campo e settore, anche se questo porta meno voti o va contro i propri interessi.
Peccato che a Roma tutto questo sia ancora un’utopia!

19. ZonaLais - maggio 31, 2007

“NESSUNO ad esempio nel centro di Londra o di Parigi oserebbe imbrattare un palazzo,o buttare le cose per terra”

Non e’ cosi’ e se vuoi ti posto le foto fatte ai primi di maggio,
la fontana a fianco al Centre Pompidou e’ imbrattata di tag
e la gente faceva il bagno toccando le opere.
Sicuramente non erano Parigini questa e’ la differenza, anche se pure li hanno fatto la battaglia alla Bastiglia dopo l’elezione di Sarkozy.
A Montmartre i muri sono imbrattati dagli anarchici.
Pero’ e’ vero in generale e’ tutto piu’ pulito, quindi ?
Le corsie dei mezzi pubblici non sono “protette” dai cordoli
e sono abilitate ai ciclisti, questo sempre perche’…
e’ questione di rispetto delle leggi ed i Francesi in linea di principio le rispettano.
ZonaLais

20. Mauro - maggio 31, 2007

Sì, ma Zonalais…
…il punto è un altro…
…momenti di euforia collettiva ce ne sono ovunque e anche di maleducazione se è per questo:
– il 31 luglio, ogni anno, da secoli, in svizzera si celebra l’indipendenza svizzera: fuochi d’artificio meravigliosi, giovani (ricchi e d’abbigliamento firmato, per lo più) in giro per le strade con bottiglie di tutti i tipi, sigarette, eccetera, feste dappertutto e vitalità impressionante colorano quella sera in ogni città svizzera in attesa del 1° agosto (giorno vero e proprio dell’indipendenza).
Io ho vissuto questa giornata il 31 luglio 2006 a Basilea.
La città era verso le 01.00-02.00 del mattino un tappeto di cartacce, bottiglie, vetri, sigarette, di tutto, di tutto. Una volta all’anno in svizzera si fa così, è un momento di euforia collettiva sentitissima da tutti, strapiena di bandiere con la croce di san lorenzo, perché gli svizzeri sono orgogliosissimi di esserlo.
I binari dei tram sono pieni zeppi di paccottiglia e rifiuti.

Credimi: circa verso le ore 05.30 e le 06 (il sottoscritto dorme leggero… e aveva un albergo dirimpetto la linea tramviaria) la città era un gioiello.
Scendo verso le 07.00 in strada (che sono un po’ come le 9.30-10.00 a Roma), e vedo vere e proprie pattuglie ecologiche al lavoro che dalla strada principale, già perfetta e liberata da qualsiasi cosa, anche la minima cartina con motoscope elettriche di ultima generazione Bosch – non la ramazza e la paletta usata ancora ai tempi dei film di toto e peppino, che si usa qui a roma – cominciano in gruppetti a percorrere tutte le stradine laterali, cioè OGNI ANGOLO della città (capito veltrò?) per liberarla da qualsiasi traccia delle tracce dei bagordi della sera prima.

Alle 9, dopo 4 ore di pulizia intensa e completa, la città era perfetta.

…non è fantascienza rispetto alla zozzeria di Roma il giorno dopo un grande evento?…

21. andrea da Milano - maggio 31, 2007

è vero…ad esempio io quest’anno ho passato il capodanno a Londra.
C’erano tantissime persone e ovviamente c’era anche molta sporcizia…,ebbene,già all’una di mattina passavano le camionette che pulivano le strade e il giorno dopo era tutto pulito,sembrava addirittura non esserci mai stato nessun festeggiamento la nottata prima.
Come ultima cosa vorrei dire che fate bene a criticare Veltroni per il suo modo di governare,ma siete proprio sicuri che se fosse andato al Campidoglio un po’ di anni fa Teodoro Buontempo,famoso anche per essere chiamato “er pecora”,oppure Storace..,le cose sarebbero andate meglio per la vostra città?non voglio esclamare cose che magari per voi romani non appaiono così,ma comunque Veltroni nonostante tutto ha arricchito il clima culturale della città;ma comunque lo lascio dire a voi,visto che ci abitate.

22. andrea da Milano - maggio 31, 2007

No scusate,mi sa che il candidato sindaco di Roma non era Storace,ma Alemanno!bhè è uguale….

23. Simo - maggio 31, 2007

Sono di destra, lo ammetto senza problemi, ma sono anche una persona molto obiettiva. Se Veltroni avesse fatto cose buone durante il primo mandato, chissenefrega di che partito è, l’avrei votato anch’io. Non sono certa che un’amministrazione di destra avrebbe fatto cose migliori, ma dopo 15 anni di sinistra qui a Roma non se ne vedono benefici. Comunque, in questi mesi c’è a Roma una mia amica francese, di sinistra, lei sa che io sono di destra e spesso ci confrontiamo sulle nostre idee. Stando qui anche lei ha notato che essere di sinistra in Italia, è sinonimo di “tuttoèpermessoatutti”, e mi ha detto che in Francia non è così. E’ molto colpita dalla sporcizia che vede in Centro, da come (non) funziona la metropolitana, dall’eccessivo numero di zingari in circolazione e dal fenomeno rumeni ad Anagnina. Lei dice che essere di sinistra in Francia, vuol dire ancora “liberté, fraternité, egualité”, ma per tutti, non a livello individuale come qui da noi. Lì le regole ci sono, e vengono fatte rispettare. A differenza di Londra il 1/1, qui a Piazza Navona il 26/12, alle 5 del pomeriggio, sembrava di stare in una discarica. Cumuli di sporcizia ad ogni passo, persino ammonticchiate a ridosso dei tavolini dei ristoranti all’aperto, cartoni di pizza, buste di Mc Donald piene di residui, lattine abbandonate ovunque…e la gente che continuava a passeggiare e produrre rifiuti strada facendo, sotto l’occhio indifferente di vigili e tutori dell’ordine. Io penso che il clima culturale in una città debba iniziare dal basso, dai marciapiedi puliti per intenderci. Magari è soltanto cultura civica, ma penso che sia quella più importante e alla portata di tutti.

24. Renato1975 - maggio 31, 2007

Andrea, cosa intendi esattamente per arricchimento del clima culturale della città?
Ehm, non voglio essere sarcastico… giuro… è solo che questa frase l’ho sentita così tante volte che incomincio ad interrogarmi sul suo significato…
Intendi la Notte Bianca? Il Festival del Cinema? La Festa dei Vicini? La Sagra del Pecorino?

25. degradodiroma - giugno 1, 2007

E’ dalle “piccole cose” che bisogna ricominciare.
Laura

P.S. per Simo : Leggi Il gran premio di Imola
Ciao. 😀
Laura

26. ZonaLais - giugno 1, 2007

Nel commento 20 Mauro ha scritto:
“Alle 9, dopo 4 ore di pulizia intensa e completa, la città era perfetta.
…non è fantascienza rispetto alla zozzeria di Roma il giorno dopo un grande evento?…”

Io non so dove vivi tu, ma Roma e’ la citta’ in cui e’ appena passato lo spazzino e davanti al bar, la gente butta in terra il tovagliolo di carta del cornetto o la confezione del gelato, la busta che contiene i gadget del giornale, il fazzoletto di carta con cui si e’ soffiata il naso, il pacchetto di sigarette finito e la carta stagnola e la plastica del pacchetto appena aperto… alla villa chi trova il secchio pieno non fa’ due passi in piu’ per arrivare al cassonetto che e’ di fuori… semplicemente accatasta sopra.
Anche la notizia di ieri sulle brutture davanti al Vittoriano, complimenti bello scandalo, ma il sindaco che c’entra ? esistono orari di passaggio degli operatori, magari non tutti fanno il proprio dovere ma quel cumulo chi lo ha creato ? Veltroni e figli ? o Alemanno e figli ?
Io vorrei ricordarvi che con tutti i loro limiti Rutelli prima e Veltroni poi hanno cambiato molto questa citta’, ed anche i municipi.
Solo nella ZonaLais (parlo di cio’ che conosco meglio) negli ultimi 20 anni sono stati allestiti 3 nuovi punti verdi, risistemata la Villa Lais dentro e fuori, rifatte strade come via Assisi, via Nocera Umbra, via Suor Maria Mazzarello, Via Amelia, riqualificata l’area dove e’ sorto il Conad (prima era solo una fabbrica abbandonata con terreno incolto intorno pieno di rifiuti, anche il famigerato Mandrione e’ stato un po’ bonificato.
Insomma non sputiamo nel piatto, magari critichiamo in modo costruttivo.
ZonaLais

27. Renato1975 - giugno 1, 2007

Io vorrei ricordarvi che con tutti i loro limiti Rutelli prima e Veltroni poi hanno cambiato molto questa citta’, ed anche i municipi…
MA DOVE????????

28. Mauro - giugno 1, 2007

ZonaLais… concordo con te… coesistono entrambi i problemi, le mancanze dell’amministrazione ma anche lo scarsissimo senso civico e la buona educazione… le due cose sono complementari a concorrere al risultato che tutti i giorni abbiamo sotto gli occhi! 😦

29. ZonaLais - giugno 1, 2007

Complimenti per gli argomenti !
DOVE, e solo nella mia zona, te lo ho detto.
Forse non ricordi che prima di Rutelli ci sono stati Giubilo, Signorello ed un certo Franco Carraro, guarda caso ci sono stati addirittura dei commissiariamenti.
[http://it.wikipedia.org/wiki/Sindaci_di_Roma]

Se poi la questione e’ usare Veltroni come capro espiatorio allora e’ un altro paio di maniche, a me sinceramente non e’ simpatico, tanto meno mi e’ simpatico Rutelli, ma forse siete troppo giovani per ricordare come era Roma prima di questi due…

30. Mauro - giugno 1, 2007

Comunque guardate…
…i frutti delle regioni rosse si vedono da come investono i soldi:

http://www.repubblica.it/2007/06/sezioni/cronaca/card-per-transessuali/card-per-transessuali/card-per-transessuali.html

e questa è la toscana; inutile che parli di come si stia anno per anno allargando il divario fra nord e centro-sud, sia come ricchezza, che come capitale sociale, gestione e erogazione dei servizi e quant’altro.
Qualcosa vorrà pur dire.
Molto spesso i soldi ci sono, ma vengono spesi (anche a Roma) per cose che rappresentano tutt’altro che priorità per i cittadini.
Non dico che al nord non ci siano situazioni di spreco, ma certo ogni volta che al nord vediamo la gestione dei rifiuti a napoli, o vediamo certi titoli (172 fantasmi al Policlinico, stipendi pagati ai dipendenti ma non si sa dove sono e cosa fanno)… beh… sinceramente è un modo – lo ha scritto già Ilvo Diamanti, mirabile giornalista e opinionista di sinistra – per testimoniare con il voto e con comportamenti di tutti i giorni una secessione di velluto.
Ossia una delocalizzazione quasi completa delle imprese, uno sfaldamento del tessuto sociale e quant’altro, di un paese, che, amministrato in modi molto differenti a seconda delle zone, da una parte guarda alla baviera e dall’altra è vicino alla tunisia.
Cioè… non è più tollerabile che all’atto pratico, amministrativamente parlando, sindaci di sinistra come Illy o Durnwalder o Chiamparino o Cofferati siano per la legalità assoluta e la mano ferma (che non è infatti un valore di destra, anzi, gli effetti della mancanza di sicurezza e di decoro si riversano sui più deboli, non certo sulle figlie di papà che fanno le feste in casa propria addobbata e vigilata nella villa dell’olgiata e non prendono mai i mezzi, ecc. ecc.), mentre iervolino, veltroni, vendola, ecc. sono amministratori che si comportano spesso in modi opposti, con opposti risultati…
poi l’UE rileva che siamo il paese con le più grosse differenze presenti in europa, aree che hanno un tasso di ricchezza di un terzo o della metà superiori alla media dell’unione, e aree che ne hanno un tasso dimezzato, aree che delocalizzano la propria sanità (l’ULSS 9 ha succursali in Romania, per esempio), e aree che non riescono nemmeno a dare servizi, che dico eccellenti, direi nemmeno “sufficienti”, ai cittadini del proprio territorio.
E così va anche per lo smaltimento dei rifiuti, la pulizia, ecc. ecc.
Io non addosso tutte le croci su Veltroni, per carità, però anno dopo anno, dopo anni di malagestione ci si trova di fronte ad una città con ritardi, in tanti settori, non più tollerabili. Se poi, appunto, si unisce il tutto ad una mancanza di senso civico accentuata e diffusa, il tutto produce un mix veramente esplosivo.

31. Renato1975 - giugno 1, 2007

Io però vorrei aggiungere che, se parliamo di restauri, non ho asslutamente dubbi che Roma fosse meglio prima del Giubileo!
Per quel che mi riguarda, preferisco di gran lunga vedere un edificio storico degradato per cause naturali piuttosto che per un pessimo restauro… voglio dire, gli edifici del centro storico prima del Giubileo necessitavano indubbiamente di restauri… ma siamo proprio sicuri che quest’ultimi siano stati fatti bene?
Io dico di no: tanti palazzi oggi si presentano con dei colori netti da caserma, e non parliamo poi delle piazze!
Ma che senso ha avuto ripavimentare Piazza della Chiesa Nuova con quelle orride pietre squadrate? E Piazza Vittorio? E di esempi ne potrei fare a decine… le preferivo prima… e sorvoliamo poi su altri interventi penosi come la Fabbrica della Peroni, il Macro a Reggio Emilia, il Giardino di San Paolo fuori le Mura e l’Ara Pacis… chiunque abbia un minimo di buon gusto non può non rendersi conto che la politica di Veltroni e Rutelli abbia fatto più danni che cose positive…
E ho dimenticato di citare tutte le squallide speculazioni edilizie che si stanno compiendo al di fuori del GRA… e io dovrei ringraziare questi due buffoni?
Ma fatemi il piacere!

32. Romina - giugno 1, 2007

Restauri??? Ma se non sono stati capaci di manutenere una strada: buche, rattoppi , leva-i.cordoli/ metti-i-cordoli, tombini non a livello ecc…,e i marciapiedi? tutti dissestati. Il verde pubblico? Pochissimo e selvaggio. E potrei continuare per ore…

33. andrea da Milano - giugno 1, 2007

Anch’io volevo proprio dire che una certa sinistra tende a minimizzare il problema della sicurezza pensando che sia un problema che riguarda i ricchi.Io sono di sinistra ma comunque sono convinto che la sicurezza riguarda soprattutto le persone dei ceti bassi,coloro che infatti prendono i mezzi pubblici e che magari vivendo in case popolari hanno il rischio di essere vicini di casa di un abusivo o di uno spacciatore.
Io vivo in un quartiere residenziale con sorveglianza privata e con tanti ettari di prati tutti curati,insomma sembra di stare in un paradiso terrestre.
Ma io mi chiedo….in italia per vivere decentemente bisogna alloggiare in luoghi in cui i residenti devono pagare (oltre che le tasse dello stato) anche quelle da dare al proprio quartiere?vorrei che anche le persone che hanno meno abbiano il diritto di vivere in posti più vivibili perchè sono loro i primi a subire le violenze fisiche e psicologiche di una città mal gestita.

34. Renato1975 - giugno 1, 2007

Parole sante Andrea… parole sante…

35. ciciò - ottobre 19, 2007

Milano, Como, Varese, Aosta, il Trentino….Ragazzi venite anche a dare uno sguardo a Lecce (120.000 abitanti) – nel tanto bistrattato sud – e fate magari un giro nei giardini comunali del centro e magari anche in quale piazza o parco attrezzato delle periferie, per non parlare delle auiole spartitraffico e dell’erbetta maniacalmente curata. Ho avuto modo di assistere allo sbigottimento di innumerevoli settentrionali giunti da noi per lavoro o per le vacanze…non credevano che potessimo superarli in ordine, igiene e pulizia. Quando in questo paese si inizierà a ragionare in termini di specifiche realtà senza riferimenti pregiudiziali alla collocazione geografica “Nord-Sud”, allora l’opinione pubblica e la coscienza civica degli italiani avrà fatto un piccolo passo avanti.

36. degradodiroma - ottobre 19, 2007

Per Ciciò : Se mi fossero pervenute (era lo spirito dell’iniziativa .. click sul bannerino in movimento) foto dei giardini di Lecce ne avrei certamente pubblicate .. non è una questione di Nord-Sud che mi ha spinto ad offrire una foto del Lago Como, ma semplicemente proporre un esempio da imitare.
😀 Laura

37. melo - aprile 21, 2008

non capisco…
ma perchè non si può fare un discorso serio?

La foto di Roma è brutta perchè è fatta male, ha una brutta inquadratura mentre l’altra ha un’inquadratura migliore ed i colori sono vividissimi…

Se poi si vuole far credere con questo che “FrescoBlu” Alemanno gestirà meglio la città, beh venite a Latina e chiedetelo ai Latinensi come sono felici del monocolore PDL!

38. degradodiroma - aprile 21, 2008

Mi riferisco alle due foto poste a confronto.
Non si possono incolpare i ciechi se non riescono a vedere !
Laura

39. Stefano - aprile 24, 2008

Ciao!
Mi spiace “rovinare” il bellissimo commento di Mauro…Purtroppo Il giardino da lui fotografato non si trova sul lago di Como bensì nel lago di Lugano o lago Ceresio. Più esattamente questa foto è stata scattata a Lugano (CH) nel “Parco Ciani”!! Lo so perchè ci abito, a Lugano!
Tantissimi saluti e scusate per il mio “perfezionismo”, ma essendo svizzero…sn una persona precisa!!!

40. degradodiroma - aprile 24, 2008

Ciao Stefano .. un saluto da Roma con un pizzico di invidia !
Laura

41. Stefano - aprile 27, 2008

🙂

42. renato - maggio 2, 2008

stafano ucciditi!by da tutta cervinara!

43. degradodiroma - maggio 2, 2008

Per Renato : Piccolo cretino che vivi a Cervinara .. che faccio chiamo tua mamma al telefono, o direttamente il Commissariato ?
Laura

44. Stefano - maggio 6, 2008

Un piccolo particolare che avevo preferito omettere: ad agosto dello scorso anno mi sono trasferito in un piccolo paese in provincia di Avellino.
Rimasto molto contento di aver ricevuto un tuo commento, Laura, ho deciso di raccontare questa cosa ad un mio “nuovo amico”…Purtroppo mi rendo conto di aver sbagliato sia per essermi fidato di lui, sia per aver considerato troppo la sua amicizia che, a quanto pare, non vale poi tanto 😦
Concludo scusandomi con te e con tutti i visitatori del blog per l’accaduto.
Ciao!

45. Stefano - maggio 6, 2008

Apro un’altra parentesi…Se vuoi Laura, il numero di sua mamma te lo do io!! ahahahaha!! 🙂

46. daniele - giugno 11, 2008

Buona sera a tutti ……ascolta Mauro di Treviso. non so dove hai preso quella foto, ma quello non e’ il lago di como ma e’ il lago di lugano di preciso “Parco Ciani” Fidati ci abito vicino e a como vado spesso perche’ sono nato e cresciuto a como. Prima di mettere una foto in rete bisogna essere sicuri di cosa si mette….e di cosa uno sa’ e mi sa’ che tu non sai proprio niente…..buona sera a tutti …..Daniele (svizzera-Lugano)

47. degradodiroma - giugno 11, 2008

Per Daniele. Al commento 39 era già stata data notizia che il luogo proposto nella prima foto fosse presso il lago di Lugano.
Grazie ancora per la precisazione.
Laura

48. daniele - gennaio 14, 2009

Il lungo lago di Como e comunque altrettanto bello! Saluti

49. Riprendiamociroma - settembre 16, 2009

Ma che confronto è? Un comune di 1200 kmq a paragone di un paesello sul lago di como??

50. degradodiroma - settembre 17, 2009

Non mi sembra che hai centrato la questione. Qui si confronta un giardino con un giardino e non una città di provincia con una capitale.

Nello specifico poi trattasi del giardino del Colle Oppio – Colosseo e non del giardinetto sotto casa mia per il quale il paragone non terrebbe.

Laura

51. anna - marzo 1, 2010

Scusami, ma il giardino pubblico in alto mi sembra proprio quello del PARCO CIANI A LUGANO (TICINO, SVIZZERA). Digitate poi su Google o altro: lugano ; lago lugano ; parco ciani, ecc. e vedrete delle meraviglie. Ciao!

52. anna - marzo 1, 2010

Lugano è sul Lago Ceresio. Il Lario, lago di Como, è vicino.

53. anna - marzo 1, 2010

Digitate:

lugano

parco ciani

canton ticino

ascona

carona

morcote

monte generoso

monte san salvatore

monte brè

e vedrete delle meraviglie!

Uno dei più bei posti al mondo!

Ciao!

54. anna - marzo 1, 2010

Si tratta di Lugano, in Svizzera.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: