jump to navigation

Il gelato da passeggio maggio 21, 2007

Posted by degradodiroma in Altro degrado, Le mie segnalazioni.
trackback

Ora so perchè si chiama così.
Il gelato ItalianoIl fatto : gelateria Italiana “nel nome”, quartiere Esquilino. Entro pago alla cassa e vado al banco per scegliere i gusti del mio “cono gelato”.
Dietro al banco un uomo, Cingalese, Bengalese .. boh ! .. ma anche se fosse stato Abbruzzese, Pugliese o Piemontese .. non sarebbe stato questo il punto .. guanti bianchi in lattice, dispone con cura i gusti zabaione, cocco e melone con panna. Prendo il cono e mi siedo sulle panchine offerte per accogliere gli acquirenti iniziando a gustare il mio gelato quando ecco che l’uomo esce dal bancone, prende straccio e spruzzino e comincia a pulire i tavoli, poi cambia strumenti, prende la scopa e la paletta e comincia a pulire il pavimento del locale … sempre in guanti bianchi però !!
Il cono gelato - by Laura Ora so perchè si chiama “gelato da passeggio” … è meglio andar via subito dopo l’acquisto .. e non assistere a delle scene di finta igiene … e allora sorge una domanda : “esiste ancora la figura dell’ispettore d’igiene ?” e se poi ripenso ai turisti che in quel momento erano nel locale … mi viene tristezza al pensiero che possano aver provato lo schifo che ho provato io.  

Laura

Una ricetta del gelato nell’antica Roma ci è stata tramandata da Plinio il Vecchio (da Wikipedia : 79 d.C. Acuto osservatore e storico romano, amava descrivere le cose in diretta, dal vivo, un vero cronista dell’epoca, perse infatti la vita tra le esalazioni solfuree dell’eruzione vulcanica del Vesuvio, che distrusse Ercolano e Pompei, mentre provava ad osservare il fenomeno vulcanico più da vicino.).
I romani univano, realizzando quello che oggi conosciamo con il nome di sorbetto, una dose di ghiaccio tritato finemente al miele ad un’altra porzione sempre di ghiaccio a del succo di frutta, in modo da formare una crema fredda.

Commenti

1. darionescu - maggio 21, 2007

a questo punto sarebbe meglio lavorare a mani nude e lavandosele ogni tanto… |:
Non immaginiamo allora cosa succede nei fast food (blah)

2. daniele - maggio 21, 2007

Hai ragione Laura, quella scena si vede in parecchi negozi… Per caso il gelataio era quella famosa… nel Palazzo del Ghiaccio?

3. andrewr - maggio 28, 2007

Ma andiamo… quanti problemi!!!

4. salpetti - maggio 29, 2007

I guanti stavano lì solo per coreografia, meglio a mai nude…
Un’osservazione sul gelato di plinio il vecchio: come si riusciva a produre ghiaccio a Roma senza il congelatore? Mica faceva così freddo da poter trovare ghiaccio in giro?

5. marco - maggio 26, 2009

se per quello anche gli egizi producevano il ghiaccio


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: