jump to navigation

Che fa, concilia ? marzo 13, 2007

Posted by degradodiroma in Degrado.
trackback

Segnalato da : Peter

Via Giovanni da Procida, 18

Via G. Procida Via G. Procida

Guardate un po’ dove sono stati attaccati questi manifesti dell’Istituzione III Municipio ?
Ma le Autorità civili possono affiggere ovunque i manifesti ?
Anche sui cassonetti della nettezza urbana ?
Anche sugli armadi di servizio Telecom (stessa via al civ.7) ?
Si parla tanto spesso di Decoro Urbano e poi le Istituzioni fanno questo ?
E se qualcuno strappasse questi manifesti incorrerebbe nella sanzione prevista dall’art. 664 c.p.: “Chiunque stacca lacera o rende comunque inservibili o illeggibili scritti o disegni, fatti affiggere dalle Autorità civili o da quelle ecclesiastiche, è punito con l’ammenda fino ad € 309,87” ?
Sarebbe gradita la risposta ed eventualmente un “cartellino rosso” .. all’Istituzione.

Commenti

1. Mauro - marzo 13, 2007

Cose da pazzi.

Da altre parti le amministrazioni mandano i vigili a prendere i contatti telefonici di uno per uno di quei biglietti attaccati ai cassonetti per inviare direttamente la multa (e quindi stroncare sul nascere la diffusione di questi gesti scellerati che difatti non si vedono più), mentre qui a Roma è l’Amministrazione Comunale in primis a stare dalla parte dell’ILLEGALITA’.
Poi si meravigliano che intere zone del litorale sono controllate (consigli comunali, vigili municipali) dalla ndrangheta o dalla mafia…

…ti credo… si inizia da questi semplici gesti quotidiani di illegalità per andare in quelle più gravi e pesanti

2. Stefano - marzo 13, 2007

Quel cassonetto è già ricoperto di tutto e di più 😐 in tutto ciò il municipio dà il buon esempio (su come deturpare)

3. alessandro c. - marzo 14, 2007

Ma se i partiti politici (an prima su tutte) non stanno facendo altro che affiggere dovunque gli capiti,c on quelle stupidate del tipo “lui è cattivo. loro sono contro la famiglia noi siamo più fichi.ecc.ecc…..ah dimenticavo… ma loro sono esentati da sanzioni per affissioni abusive…LORO POSSONO!

4. degradodiroma - marzo 14, 2007

Io non credo che si possano mettere sulla bilancia i manifesti dell’uno e dell’altro schieramento.
Mi sembra sterile come discussione.
Io sulla bilancia ci metto TUTTI ma PROPRIO TUTTI e senza fare nomi.
Laura

5. alessandro c. - marzo 14, 2007

Mai e poi mai mi permetto di parteggiae per l’uno o per l’altro…spiacente di aver dato questa impressione…a me fanno schifo tutti….chiunque sporca dovrebbe essere punito…da DX a SX!
Non mi sono mai interessati i partiti e come sempre dico che io voto la persona che fa del giusto e del bene, indipendentemente dal partito che rappresenta, anche perchè sappiamo tutti benissimo che dx o sx sta ormai solo ad indicare da quale parte ti siedi rispetto al presidente della camera…alla sua sx o alla sua dx appunto!

6. Mauro - marzo 14, 2007

La verità è che per ora almeno non si è visto UN candidato UNO che ha posto il decoro urbano, l’ottima manutenzione urbana e stradale, la legalità e il perfetto rispetto delle regole unito ad un incremento della sicurezza come IMPEGNO PRIORITARIO di governo della Città di Roma prima ancora che la Cat-Card o il Wi-fi a Villa Borghese.
In altre città del nord italia invece questo avviene di frequente, sia il candidato ora di destra ora di sinistra.

Mi viene da pensare che se questi fossero i primi punti di un programma di governo della città di roma, forse verrebbero meno tanti elettori, fosse il candidato di destra o di sinistra… spero non sia così. Vedo troppe connivenze illecite, troppi mezzucci, troppe illegalità e irregolarità tollerate e quasi direi agevolate.
Così la Città non va da nessuna parte.

7. peterstride - marzo 15, 2007

Una decina di anni fà la Polizia Municipale tentò la strada di perseguire chi affiggeva i cartelli affittasi/vendesi chiamando le persone telefonicamente, facendosi fornire le generalità e poi, successivamente ad essersi qualificati, emettendo il verbale.
Hanno avuto i giornali contro, i consglieri comunali (di maggioranza e di opposizione contro), ecc. ecc.
Di conseguenza non hanno più proceduto.
Comunque l’e-mail sul manifesto del Presidente del III Municipio l’ho inviata anche al Sindaco….ancora nessuna risposta.

8. Mauro - marzo 15, 2007

Sì ma i giornali, i consiglieri comunali, eccetera eccetera non sono forse tutti cittadini romani?!

Questo è il problema… tante altre realtà d’Italia e d’europa antepongono l’appartenenza alla propria terra e alla propria città prima dei giochi politici.
Qui l’orgoglio romano di queste persone di cui tu parli peterstride… è solo a parole… ma nei fatti sono i primi nemici della loro stessa città.

Comunque i vigili rispondono al sindaco. Se il sindaco di dieci anni fa avesse avuto le **lle se ne sarebbe infischiato di giornali stampa o altro e avrebbe fatto continuare fino in fondo i vigili in quest’opera…. molto probabilmente non è stato un buon sindaco o quantomeno un sindaco capace e autorevole.

9. alessandro c. - marzo 15, 2007

il problema e che probabilente ad una percentuale molto, ma moooolto alta di romani, questa situazione va bene….come va bene la sporcizia, i graffiti…ecc.ecc.ecc. quindi se va bene a loro, il comune certamente si preoccupa solo di quelle zone dove ci sono i turisti o cittadini che contano un pochino di più e se ne fregano….se tutti si lamentassero e rompessero, allora la situazione forse cambierebbe…..ma mi sa che in questa città, o hai i soldini per andare a vivere in certe zone oppure se cerchi un pò di decoro e pulizia e meglio cercarla altrove….è triste!!!!!!!!

10. alessandro c. - marzo 15, 2007

a proposito…sono appena rientrato e passato da via tuscolana…una strada che “amo”…..c’erano le auto in terza e ripeto in TERZA fila…ma dove sono le tanto decantate telecamere….quello che si è fermato in erza fila si è fatto pure rodere e strillava: ahò ma che nai vista a freccia??????? davanti a questo io temporaneamente mi arrendo e ci rinuncio…ma tu pensa se a questi tizi gliene frega qualcosa di affizioni abusive o di graffiti, o tutto quello che uno desidererebbe on ci fosse più per vivere meglio…ahò ma nai vista a freccia lo dice uno che si ferma in mezzo alla strada in terza fila…ma come si può sperare di vivere meglio in questa città??? l’altro ieri uguale sul lungotevere…passa all’improvviso da sx a dx senza mettere la freccia (tra l’altro qualcuno mi spieghi perchè a roma non si segnano più le strisce che delimitano le corsie…le fanno solo in prossimità degli incroci…prima è come dire fai come ti pare), rischia di tramortirti e poi ti risponde pure…ahò ma che vvvoi….signori miei…siamo messi male…molto male…e il buonismo del comune è la ciliegina sulla torta…scusate lo sfogo, ma sono arrivato ad un punto che se devo prendere auto o moto mi viene il vomito…meno male che ci sono i FANTASTICI mezzi pubblici!!!!!!

11. degradodiroma - marzo 15, 2007

Grazie Alessandro per avermi risollevato il morale con la battuta finale … perchè dopo aver letto il tuo commento ed aver sfogliato un giornale di quartiere (‘Appio’) stavo veramente sprofondando nella disperazione e mi domandavo “Ma che cos’è che va bene ?” … e non ho trovato risposta anche perchè Mauro nel suo commento(3) lasciato su “Tevere : Full immersion nell’immondizia” mi ha lasciato con l’amaro in bocca facendomi sognare “paradisi non troppo lontani”, dunque tutto si può fare … ma BASTA VOLERLO !
Ciao ! 8)
Laura

12. alessandro c. - marzo 16, 2007

Hai ragione…basta volerlo…ma il problema è come sempre questo maledetto lavoro…nel nostro paese la qualità del lavoro fa schifo per il semplice motivo che se uno trova uno straccio di impiego “sicuro” e sottolineo le virgolette, molto difficilemente lo lascia…non perchè gli piace…anzi…ma perchè dopo è molto probabile che non trovi più niente…specialmente dopo i 30….a meno che non hai un gruzzoletto da investire in un’attività….a me personalmente mi sono passati davanti 1 treno e mezzo di opportunità di lavoro in germania e austria e non l’ho preso…per tante tante ragioni molto serie…ma adesso le sto rimpiangendo…tanto qui non cambierà mai nulla…se ti puoi permettere una “casetta” in certe zonette…forse ti fai scivolare tante cose…ma per chi non può, deve combattere giornalemente con i “tizi della terza fila”…i classici “ahò”….e non per fare il pariolino…Roma è la città più bella del mondo ed è dfficilissimo lasciarla, ma i sogni di migliorare la nostra vita al suo interno ci sono fino ad una certa età….passata la quale forse sarà veramente il caso di andarsene…come fanno le persone in pensione (tra le quali anche i miei), che tornano al paesino in mezzo alle vigne, davanti a spiagge bellissime o su montagne tirolesi incontaminate….io sono dell’idea: o mi alzo la mattina e vedo il colosseo, oppure non vale la pena accettare tutto ed ingrossarsi il fegato!
Saluti.

13. Mauro - marzo 16, 2007

Io ringrazio -come sempre- Laura che ha citato il mio commento e ancor più Alessandro C. del suo contributo.
La penso esattamente come te Alessandro c., il primo giorno stesso della pensione sloggerò da qui e andrò a vivere dove la qualità della vita è la più avanzata e dove i servizi e il livello di civiltà e cultura medio sono ai vertici d’europa, pur considerando ovviamente che la globalizzazione (con i suoi pregi e difetti) è presente in ogni angolo sperduto del mondo.
Però concordo altresì che Roma sia la città più bella del mondo (e proprio per questo penso siamo tutti ancor più rattristati del fatto che sia così deturpata e così poco considerata anche da alcuni che ci abitano e fanno di tutto per abbruttirla) e siccome non voglio farmi il fegato pesante dalla mattina, visto l’andazzo di questa amministrazione e certi modi di fare che hanno radici ben più antiche, ho scelto di abitare a 600 metri da piazza navona in zona prati e andare a lavoro a piedi, senza motorino, senza mezzi pubblici, senza niente di niente che possa mettermi di cattivo umore prima di andare a lavoro, ma prendendo solo il meglio che oggi come oggi Roma offre (sigh!), ovvero il panorama che si può godere passeggiando a piedi su Ponte Umberto I .
Poi quando voglio fare un fine settimana diverso, un centesimo di euro (e 12 o 20 di tasse statali) da ciampino mi consente un biglietto per treviso dove ho casa, qualcosa di più per parigi, londra, praga o altre mete per esempio dell’est, dove pur con un reddito anche di tre volte inferiore a quello del cittadino medio romano, si possono ammirare palazzi perfettamente ben tenuti, strade pulite e decorose, vandalismo e degrado sempre meno presenti, ecc.
E pensare che fino a 10-15 anni fa erano paesi dal turismo quasi assente… oggi ci sono alle costole… e ci sorpasseranno fra non molto (come ha già fatto abbondantemente la Cina nei confronti dell’Italia), perché non si accontentano di offrire solo bei panorami, ma molto molto di più!


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: