jump to navigation

Datemi una pala gennaio 30, 2007

Posted by degradodiroma in Buche, Le mie segnalazioni.
trackback

Se gli Amministratori Comunali … amministrassero
se i Vigili Urbani … vigilassero
se gli Ispettori … ispezionassero
se i Lavoratori … lavorassero
se … se …

ROMA NON SAREBBE IN QUESTO STATO !!

Roma 19/01/2007 – Piazza Santa Croce ore 17.00
Un camion di catrame, 5-6 persone, 1 con il badile che spalma catrame sulle buche, 4-5 che guardano, parlano e fumano. Passo di lì e con ottimismo penso “finalmente riparano la piazza” .. (vedi articolo Roma bombardata, Roma colpita, Roma brucia).
Che dire … posso solo dire di me che sono una povera illusa, una mentecatta, un’idiota … come ho potuto pensare anche per un solo piccolissimo istante che avrebbero riparato le buche della Piazza ?
Hanno gettato quà e là qualche “palata” di catrame .. che oggi già non c’è più, ma non c’era più già il 22/01.
Poi hanno emesso Fattura per il “Lavoro”.
Poi hanno riscosso i soldi per la “regolare esecuzione dell’opera”.
datemi una palaPoi dovrebbero essere così cortesi da prestarmi la “pala” così da usarla per darla in testa a tutti quei “bravi lavoratori” …
Poi dovrebbero essere tutti arrestati, dal primo all’ultimo, per “furto ai danni della collettività” … ma questo dimostrerebbe che sarei una autentica mentecatta .. e per il solo fatto di averlo pensato !!

(Non ci sono foto a sostegno di quanto sto asserendo in quanto ciò avrebbe causato la mia personale trasformazione in “asfalto tappa buche”)

Laura

Advertisements

Commenti

1. Mauro - gennaio 30, 2007

da 10 e lode.
La prima volta che ho visto questa cosa (4 guardano e 2 lavorano) è stata a Roma (e non solo per le buche da riparare, anche per gli spazzini, per i vigili e tante altre categorie), e mi sono indignato a dir poco… …un insulto nei confronti di chi lavora duro tutti i giorni senza sosta.
…quanto poi alla rifinitura dei lavori… lasciamo perdere… è veramente un furto ai danni della collettività, la collettività che in maggioranza, sonnecchiosa, sopita e silenziosa, passivamente ed egoisticamente accetta e non si cura dell’incuria e del degrado a cui si sta riducendo sempre peggio, giorno per giorno, Roma.
Almeno la tua voce si distingue in quest’oceano…
…spero solo che qualcuno più in alto (del Comune ho perso la speranza), magari a livello mass media, stampa, ecc., continui sempre a leggerti e a dare voce a questo sito, perché lo merita.

Mauro

2. Enzo - gennaio 30, 2007

La ditta è privata e (penso) ha vinto un Bando quindi se utilizza 1, 3 o 8 operai il “prezzo” era già stabilito.
Il PROBLEMA è che il COMUNE fa dei bandi per dei rattoppi inutili…
Ma accade anche di peggio se vogliamo. Quando vediamo il lavori sulle strade, intesi quelli con l’escavatrice per far passare tubi e cavi, i municipi o il comune ha l’accordo che le ditte riasfaltino tutta la strada, ma immagino che anche voi vediate spesso solo dei rattoppi perenni.
Addirittura un consigliere una volta, spiegandomi questa prassi, mi ha detto se lo avvisavo quando notavo questo atteggiamento da parte delle ditte… e certo perché io lavoro per il Municipio (o so dove/quando verranno aperti i cantieri)… certe cose mi fanno perdere la ragione.

3. alessandro c. - gennaio 31, 2007

X Enzo…e tu dovevi rispondergli: perchè se vedete un rattoppo è così difficile scoprire chi lo ha effettuato? O forse non ve ne frega niente e pensate solo a scaldare le poltrone e scaricate la colpa sui cittadini (che non hanno niente di meglio da fare) che non fanno segnalazioni?….Benvenuti a Napoli2!

4. degradodiroma - gennaio 31, 2007

Ma sapete che ogni strada di Roma è “appaltata” ad una ditta che ne deve aver cura ? Questo l’ho saputo in occasione del mio incidente ed è stato l’avvocato mi ha “illuminato” su questo argomento.
Non so che tipo di contratto le ditte stipulano con l’amministrazione capitolina ma deve certamente rispondere ai requisiti del capitolato tecnico seguente : … “manutenzione scarsa o assente e qualitativamente pessima .. !”
Ciao a tutti. 😀
Laura

5. Mauro - gennaio 31, 2007

Ma le sanzioni per i lavori mal effettuati e la costrizione a rifarli con estrema perizia non dovrebbe essere una conseguenza automatica?

La verità è che sono tutti amministratori che rappresentano il contrario del pragmatismo.
Ho parlato con un consigliere del Municipio Prati e gli faccio presente la questione dei sampietrini, che dove non necessari e non in zone pedonali potrebbero essere rimossi e alleviare tanti, tantissimi problemi.

Lui fa (sempre dimostrando provincialismo e poca professionalità visto il tono e il modo di parlare): “aho, quelli ce stanno, e nei posti do li trovamo dobbiamo prende atto che ce stanno e basta e facce i conti. Poi se sono in aree con monumenti ce devono sta”.
E io gli faccio: “ma che senso ha che piazza cavour abbia da una parte l’asfalto e dall’altra i sanpietrini? secondo me è assurdo, a questo punto asfaltiamola tutta no? [e bene!]”.
E lui di tutta risposta: “ehhh questi so dettagli, se ce fermassimo a vede ste cose, i problemi de roma so’ talmente tanti che non ce possiamo perde pe strada così”.

Ecco questo è il ragionamento di uno dei tanti nostri amministratori. Io per esempio 3 mesi fa (ripeto 3 mesi fa) ho segnalato a più vigili che un segnalatore di corsia era completamente divelto in Via Zanardelli (a 100 metri da Piazza Navona): risultato? Andate e guardate… la stessa cosa davanti alla chiesa valdese di Piazza Cavour dalla parte del cinema: lì, i vigili c’hanno messo la striscia rossa attorno e delimitato la zona.
Sono 4 mesi che è così.
Sembra di vivere in un mondo surreale, o meglio… in una città surreale!

Ciao a tutti, Mauro

6. degradodiroma - gennaio 31, 2007

Mauro … se non avessi titolato il blog con il nome che ha avrei certamente “preso in prestito” questa tua definizione : Roma .. una città SURREALE ! Bellissima !
Ciao. 😉


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: