jump to navigation

Via Statilia ed i sensi di marcia novembre 27, 2006

Posted by degradodiroma in Altro degrado, Pubblicate, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Romina

Segnali stradaliVorrei segnalare la quotidiana difficoltà in cui vivono gli abitanti delle vie S.Quintino – via Statilia – via Vittorio Amedeo II: oltre alla perenne carenza di posti auto devono fronteggiare gli assurdi sensi di marcia stabiliti. Da mesi infatti sono stati cambiati/ridotti i sensi di marcia. Risultato, per parcheggiare in una via, dove già è necessaria un’attesa da 30 a 90 minuti, è anche necessario fare il giro dell’intero isolato per poter tornare sulla stessa via. Pertanto se “perdo” un posto, per tornare allo stesso punto devo prolungare il giro passando a via di S.Croce attendere tre semafori e tornare indietro (circa 1,5 km in più) .

Divieto d’accessoVorrei sapere perché questo circolo vizioso con tre sensi unici paralleli tutti nello stesso senso di marcia e nessun ritorno indietro.

Pubblicato su Il Messaggero il 15/11/2006

Commenti

1. Alessandro C. - novembre 27, 2006

Io potrei proporre una risposta….le segnaletiche e le viabilità del comune di Roma sono progettate e realizzate da un bambino d 4 anni che scarabocchia i sensi unici e le corsie della città! Ciò spiegherebbe il perchè del tuo caso e il perchè a Roma non si tracciano più le corsie (le fanno solo all’approssimarsi dei semafori, con le conseguenti marmellate che tutti conosciamo)…fateci caso…ci sono le strisce solo vicino all’incrocio…prima è un pò come dire “fate come vi pare….poi sono cavoli vostri”….i sensi e gli stop vengono cambiati solo dopo che si verificano numerosi incidenti….probabilmente a quel punto interviene il genitore del bimbo che gli toglie la penna dalla mano e ci pensa lui…poi tra i due chi è meglio o peggio non lo so!!!!!!!!
Saluti


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: