jump to navigation

Quando a Pechino faranno la “Festa de noantri” giugno 18, 2006

Posted by degradodiroma in Degrado, Divertenti, Segnalato da ..., Veltroni - VI anno.
trackback

Municipio I 

Segnalato da : Romina  

Spesso ci si trova davanti a persone che difendono l’indifendibile al suono di “tutte-le-grandi-città-sono-così!”. Forse questi credono davvero di trovarsi davanti ad una città cosmopolita come Madrid, Parigi, Londra ecc…,forse non conoscono i commenti degli stranieri, forse non si ricordano o forse stavano ancora nel loro paesino quando Roma era Roma.

E poi si parla di multirazzialità… NOOO questa non è una città multirazziale… ma chi ce lo ha fatto credere? Questa è una città oligo-razziale.

C’è forse a Roma una comunità di londinesi? C’è forse una comunità di Svedesi? C’è forse una forte presenza di Austriaci?

Io non li vedo. Io non ritengo che Roma sia multirazziale come Madrid. Non ritengo che sia varia e meravigliosa come Londra. Non mi sembra che gli “integrati” si sentano ROMANI anzi mi sembra che ci sia una forte componente che viva in barba, o critichi, o quanto meno non rispetti il nostro modus vivendi. Non mi pare proprio che facciano bagaglio delle nostre tradizioni anzi mi pare che la città si stia abituando ai modi altrui.

cinese Quando a Pechino  faranno la Festa de noantri, io mi abituerò al capodanno cinese a piazza Vittorio!

Queste sono le foto dell’Infiorata di Kobe che ho voluto proporre per completezza alla mia risposta sul commento lasciato da Marco (Vedi commenti)

Infiorata Infiorata

Annunci

Commenti

1. marco - luglio 23, 2006

Se ti consola saperlo, in Giappone, a Kobe, recentemente hanno esportato l’INFIORATA DI GENZANO!

2. Romina - luglio 24, 2006

E’ vero, mi sono documentata e il risultato è piacevole, grazie Marco per la segnalazione! Purtroppo però ,e non sono per natura pessimista, quanto ho visto mi ha sconsolato ancora di più. Il motivo? E’ che a kobe i giapponesi hanno fatta LORO una splendida usanza nostrana. Se tu visualizzi i disegni creati ti rendi conto subito che dicono ben poco ad un occidentale perchè sono sì molto belli ma sono anche specchio della loro tradizione … a me per esempio ricordano i manga, espressione della cultura nipponica al pari di libri e opere d’arte. Diverso sarebbe stato invece, come accade qui a Roma col capodanno cinese, se la comunità ITALIANA avesse esportato l’infiorata così com’è con i DISEGNI RINASCIMENTALI o i SOGGETTI SACRI…Grazie Marco comunque per il tuo contributo che mi ha fatto conoscere una realtà che ignoravo.


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: