jump to navigation

Degrado alla Balduina marzo 11, 2010

Posted by degradodiroma in Degrado, Segnalato da ....
trackback

Segnalato da : Carlo Galeazzi

Nonostante le molte denunce precedenti (vedere mail di settembre 2009 e successive) la situazione alla Balduina non migliora, ma anzi è in continuo peggioramento.
Le strade continuano ad essere costellate di buche quando non di vere e proprie voragini ed i marciapiedi sono veri percorsi di guerra, con conseguenze intuibili soprattutto per i residenti di età più avanzata.
Ultimamente sono stati eseguiti dei lavori di asfaltatura in particolare a via Festo Avieno, ma si tratta di una goccia nel mare.
Comunque anche in questo caso le carenze organizzative e di controllo precedentemente denunciate, si sono puntualmente ripetute.
Voglio solo soffermarmi su due fatti.
1) Per l’ asfaltatura è stato necessario spostare i numerosi cassonetti della spazzatura sui marciapiedi. A lavoro concluso la ditta si è ben guardata di risistemarli rapidamente al loro posto e sono rimasti in questa posizione per tre o quattro giorni, creando evidenti disagi, impedendo il passaggio dei pedoni e rendendo impossibile la normale raccolta dei rifiuti.
2) I tombini di raccolta delle acque piovane sono stati tutti completamente ricoperti da uno spesso strato di asfalto. Molto probabilmente gli operai li avranno considerati del tutto inutili, visto che il comune sono anni che non li fa pulire e quindi sono perennemente occlusi.
Solo in seguito, altri operai, sono intervenuti per rimuovere lo strato di asfalto che li ricopriva. In questa operazione è stato ridotto in pezzi un tombino di ghisa e ad oggi (5 marzo 2010) il tombino è completamente privo di protezione, con grave pericolo per l’ incolumità dei passanti e a mio parere sussistono anche gli estremi per una denuncia penale.
Comunque ad oggi, rimosso lo strato di asfalto, che non è stato portato in discarica ma giace ancora a lato di ogni tombino, non si è neppure proceduto alla pulizia dei medesimi, che come ognuno può verificare, risultano ancora occlusi.
Per tornare al resto del quartiere, è incredibile constatare quale sia lo stato reale di alcune strade, nelle quali si stenta a credere che siano stati effettuati recentemente lavori di nuova asfaltatura: due esempi tra tutti che ognuno può verificare, via Teodosio Macrobio nella parte bassa e piazza Ammiano Marcellino.
D’ altronde non credo che si possa avere eccessivo ottimismo sul futuro di un quartiere, in cui la massima autorità locale e cioè il presidente della circoscrizione si rende oggetto di scherno a livello nazionale, per evidenti ed oggettivi elementi di incapacità.
Su quanto denunciato è a Vostra disposizione ampia documentazione fotografica che sto organizzando con ulteriori sezioni, inerenti gli altri numerosi problemi del nostro quartiere, e che saranno prossimamente oggetto di nuove denunce pubbliche.

About these ads

Commenti

1. Onofrio - marzo 11, 2010

Che problema c’è?

Il comune è intervenuto per aumentare le tariffe dei taxi. Era quella la priorità della città. ORA BASTA LAMENTARSI DELLE BUCHE.

2. Return - marzo 11, 2010

Questo 2010 a sentire Alemanno doveva essere l’anno del decoro. Finora è stato un altro anno di degrado. Anche i pochi muri che si erano salvati dal vandalismo, nei luoghi più belli di Roma, sono stati presi d’assalto. Non c’è più alcun argine. Nessuno pulisce più niente, è tutto demandato alla buona volontà dei privati. Io abito a Monti, rione storico. Gli ultimi mesi sono stati un incubo. Via dei serpenti, del boschetto, urbana sfregiate, devastate. Catenelle spezzate, paletti abbattuti, adesivi dappertutto, cicche ovunque. Mai visto un vigile ovviamente. Grazie Alemanno, sindaco del fare. Schifo.

3. Bruno - marzo 12, 2010

E lo sgombero del Casilino 900?

Da metà Febbraio in tutta la zona sono sorti decine di altri accampamenti e micro accampamenti, vedi davanti alla tipografia del Messaggero in via Michele De Marco (circa 200 ospiti ed il quotidiano non ne ha mai parlato), in via Torre Spaccata lato fabbrica Ossidal (una 50ina) e all’ altezza dell’ incrocio con viale Pelizzi (non quantificabili perchè ben nascosti dietro i bandoni di lamiera).

Auto (rubate) abbandonate la fanno da padrone, cassonetti rovesciati stessa cosa, giardini pubblici utilizzati come riserva di legna da ardere…., cani randagi dappertutto, autobus infrequentabili.

Bah!

4. Bruno - marzo 12, 2010

Ed io che vorrei vender casa per cercare di “andare a star meglio” mi trovo con una valutazione pari a quella di 10 anni fa.

Soltanto che chiunque viene a visitarla scappa inorridito alla vista del contorno….

5. Passami - marzo 12, 2010

Alemanno aveva promesso 20.000 espulsioni di nomadi in campagna elettorale.. booooooooom!!

Il fatto è che se i nomadi sono 7.200, e si costruiscono i famosi nuovi campi solo per 5.500 persone, dove credete che vadano gli esclusi?? In nuovi campi abusivi.

E questa sarebbe la politica per la legalità.


Sorry comments are closed for this entry

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: